Demenza, condurre una vita sociale attiva può aiutare a prevenirla

Salute e Benessere

È quanto emerge da una nuova ricerca, condotta da un gruppo di ricercatori dell’Università di Pittsburgh e pubblicata sulle pagine della rivista Journal of Gerontology: Psychological Sciences

Avere una vita sociale attiva aiuta a ridurre il rischio di demenza da anziani. È quanto emerge da una nuova ricerca, condotta da un gruppo di ricercatori dell’Università di Pittsburgh e pubblicata sulle pagine della rivista Journal of Gerontology: Psychological Sciences. Lo studio, condotto su 293 partecipanti 83enni, indica, infatti, che il cervello degli anziani con abituali rapporti sociali si presenta, specie in aree chiave notoriamente legate alla demenza, in migliori condizioni di salute rispetto a quello di coetanei più isolati socialmente.

Gli effetti benefici della vita sociale sul cervello

approfondimento

Il pensiero negativo ripetitivo può essere legato a rischio di demenza

Per condurre la ricerca, gli esperti hanno monitorato il cervello dei partecipanti con una speciale risonanza magnetica ultra-sensibile. Tutti gli anziani, inoltre, hanno risposto a un questionario preparato per valutare il loro livello di socializzazione. È emerso che i partecipanti con una vita sociale più ricca avevano un cervello più in salute dei coetanei isolati, anche in aree chiave note per essere coinvolte nella demenza. Inoltre, la socializzazione è legata a un maggior volume di materia grigia e una più alta integrità dei neuroni.

 

L’importanza della prevenzione della demenza

“I nostri dati sono stati raccolti prima della pandemia di Covid-19, ma credo che siano particolarmente importanti proprio ora, perché l’isolamento sociale negli anziani potrebbe renderli vulnerabili alla demenza e ad altre condizioni simili”, spiega Cynthia Felix, l’autrice principale dello studio. “Gli anziani dovrebbero sapere che è importante per la salute del loro cervello continuare a socializzare anche durante la pandemia, pur ovviamente in condizioni di sicurezza e con tutte le precauzioni del caso”, aggiunge la studiosa. “Serve più ricerca su questo fronte, ma la bellezza di questi risultati è che la socializzazione non costa praticamente nulla, ed è priva di effetti collaterali. Non esiste una cura per la demenza, che ha costi sociali e sanitari altissimi, perciò prevenirla deve essere lo scopo principale”, conclude Felix.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24