Barbie, uno studio dimostra che aiuta a sviluppare empatia e socialità nei bambini

Salute e Benessere

Mattel, produttrice della bambola, e i neuroscienziati dell'Università di Cardiff hanno collaborato a una ricerca che ha utilizzato per la prima volta il neuroimaging per analizzare gli effetti del gioco con Barbie

 

Barbie – la linea delle storiche bambole giocattolo - insieme a un pool di ricercatori dell'Università di Cardiff, Regno Unito, ha rivelato giovedì primo ottobre i dati di un inedito studio che utilizza per la prima volta la neuroscienza per esplorare i benefici del gioco con le bambole nei bambini. Lo studio dimostra quanto vengano attivate quelle regioni del cervello deputate allo sviluppo di empatia e capacità di elaborazione delle informazioni sociali, persino quando giocano da soli.

Gli studi

approfondimento

Barbie, nuovi modelli inclusivi per la linea Fashionistas

Negli ultimi 18 mesi, la dottoressa Sarah Gerson e i suoi colleghi del Centro di scienze per lo sviluppo umano dell'Università di Cardiff hanno usato la tecnologia del neuroimaging per ottenere le prime indicazioni sui vantaggi che il gioco con le bambole Barbie offre a livello cerebrale. Attraverso il monitoraggio dell'attività del cervello effettuato su 33 bambini tra i 4 e gli 8 anni che giocavano con una varietà di prodotti, è stato rilevato quanto il solco temporale superiore - ovvero una regione del cervello associata all'elaborazione delle informazioni sociali come l'empatia . si attivasse anche quando i bambini lo facevano da soli. I risultati erano gli stessi per maschi e femmine. I risultati dello studio sono stati pubblicati oggi sulla rivista scientifica Frontiers in Human Neuroscience con il titolo "Analisi dei benefici del gioco con le bambole attraverso la neuroscienza" e per comprenderne a pieno l'importanza Barbie ha commissionato in modo indipendente un sondaggio che ha interessato oltre 15 mila genitori di bambini in 22 paesi. In Italia i risultati hanno mostrato che il 57,80% dei genitori considera l'empatia una capacità relazionale fondamentale per i propri figli, ma solo il 17,20% ha dichiarato di sapere che il gioco con le bambole potesse aiutare a coltivarle.  Allo stesso modo, il 30,80% dei genitori ha dichiarato che sarebbe più propenso a incoraggiare i propri figli a giocare con un giocattolo se avesse la certezza di questi benefici.

Il commento di Sarah Gerson

"Questi dati sono una vera rivelazione” dichiara Sarah Gerson, che insieme al pool dell'Università di Cardiff ha acconsentito a condurre ulteriori studi neuroscientifici con Mattel nel 2021. “Attiviamo quest'area del cervello – spiega - quando pensiamo ad altre persone, in particolare a ciò che pensano o provano. Le bambole li incoraggiano a creare i loro piccoli mondi immaginari, al contrario di quanto facciano i giochi di risoluzione dei problemi o le costruzioni. Questo tipo di gioco incoraggia i bambini a pensare alle altre persone e al modo in cui potrebbero interagire tra di loro. Il fatto che il pSTS fosse attivo durante il nostro studio è la prova che il gioco con le bambole aiuta i bambini a sperimentare alcune capacità relazionali di cui avranno bisogno in futuro”. “Dal momento che questa regione del cervello ha dimostrato di avere un ruolo simile nel supportare l'empatia e l'elaborazione delle informazioni sociali in ben sei continenti – conclude - molto probabilmente non esiste una correlazione con il paese di provenienza ".

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.