Tumori, individuato un nano-farmaco per contrastare quello al seno

Salute e Benessere

Lo hanno messo a punto i ricercatori dell’Università dell’Arkansas, con l’obiettivo di tentare di bloccare in particolare il carcinoma della mammella triplo negativo metastatico, uno dei più aggressivi e difficili da trattare

Il carcinoma della mammella triplo negativo metastatico (mTNBC), è uno dei più aggressivi e fatali tipi di cancro al seno e tra i più complessi e difficili da trattare. Da oggi però, una nuova speranza di cura arriva grazie alla scoperta dei ricercatori dell’Università dell’Arkansas, che hanno messo a punto un nano-farmaco, in grado di uccidere le cellule cancerose proprio del tumore triplo negativo. La speranza, dicono gli esperti, è quella che questo potenziale farmaco possa aiutare i medici a colpire direttamente le cellule tumorali del seno, evitando gli effetti collaterali tossici e avversi tipici della chemioterapia.

Una metodica di cura non invasiva

approfondimento

Tumore al seno, scoperto nuovo algoritmo che indica la cura su misura

Nel loro studio, pubblicato sulla rivista scientifica “Advanced Therapeutics”, i ricercatori, guidati da Hassan Beyzavi, assistente professore del Dipartimento di Chimica e Biochimica dell’ateneo americano, hanno approfondito la via dei nuovi farmaci di tipo fotodinamico. In alternativa alla chemioterapia, infatti, la terapia fotodinamica mirata (conosciuta con l’acronimo Pdt) è una tipologia di cura non invasiva, basata su un fotosensibilizzatore che, grazie ad una particolare tipologia di irradiazione della luce, consente di innescare una reazione che può permettere di fermare le cellule cancerose. Gli esperti, sulla base di queste potenzialità, sono riusciti a realizzare un nanomateriale specifico che, testato in laboratorio, ha dimostrato di poter individuare e uccidere le cellule tumorali sviluppatesi nel seno, senza intaccare le cellule normali. La positività di questo trattamento, poi, sarebbe ulteriore, dal momento che potrebbe anche essere utilizzato per le risonanze magnetiche o ancora per riuscire a tracciare il farmaco nel corpo e monitorare i progressi del trattamento del tumore.

I numeri del tumore al seno

“Con l'eccezione dei tumori della pelle, il cancro al seno è la forma più comune di cancro nelle donne americane", ha spiegato Beyzavi. “Come sappiamo, migliaia di donne muoiono ogni anno di cancro al seno. I pazienti con cellule triple negative sono particolarmente vulnerabili, a causa degli effetti collaterali tossici dell'unica terapia approvata per questo tipo di cancro. Abbiamo affrontato questo problema sviluppando un trattamento che prenda di mira le cellule tumorali e non abbia alcun effetto sulle cellule sane", ha aggiunto l’esperto. Secondo i dati riportati dal sito dell’Università dell’Arkansas, l'American Cancer Society ha stimato 268.600 nuovi casi di carcinoma mammario invasivo nel 2019 e 41.760 decessi. Attualmente sono oltre 3,1 milioni le donne sopravvissute al cancro al seno negli Stati Uniti. Dal 2007, i tassi di mortalità sono stati costanti nelle donne di età inferiore ai 50 anni, ma hanno continuato a diminuire nelle donne anziane. Gli esperti sono convinti che questa riduzione sia il risultato di una diagnosi precoce e di trattamenti migliori e più mirati, come potrebbe rivelarsi quello messo a punto in questo studio.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.