Una app per sostituire le cartelle cliniche sul letto dei pazienti

Salute e Benessere
Foto di archivio (Getty Images)
infermiera_cartella_clinica_getty_1

Consente di monitorare in contemporanea i parametri vitali di più di 350 pazienti, permettendo un intervento più rapido da parte di medici e infermieri 

In futuro una app potrebbe sostituire le tradizionali cartelle cliniche poste davanti al letto dei pazienti. Progettata da Sarah Newcombe, infermiera del Great Ormond Street Hospital a Londra, durante la sua sperimentazione ha registrato i parametri vitali di oltre 350 pazienti, molti dei quali bambini, velocizzando l’intervento dei medici in caso di emergenza. Inoltre, permette di monitorare più pazienti in modo simultaneo, facendo risparmiare tempo a infermieri e medici.

Consente di monitorare più pazienti simultaneamente

L'app consente al personale di inserire i segni vitali di 350 pazienti utilizzando device portatili anziché carta e penna. Il sistema genera avvisi automatici ai team specialistici dell'ospedale nel caso in cui i pazienti mostrino segni di peggioramento. Inoltre, in casi di emergenza, permette di comunicare con altri membri del personale in modo da evitare l’uscita dalla stanza da parte dell’infermiere o del medico, il quale può richiedere assistenza tramite l’applicazione senza allontanarsi dal paziente di cui si sta occupando. “Consente di monitorare i parametri vitali delle persone ricoverate e si è rivelata particolarmente utile durante i turni di notte, quando il personale è ridotto e deve occuparsi di molti pazienti”, afferma Newcombe. “Con l’app è stato più semplice occuparsi di più individui contemporaneamente”.

Aumenta la velocità di intervento

Secondo i membri dello staff dell’ospedale il nuovo strumento ha aiutato non solo a migliorare la gestione dei pazienti, ma anche il tempo di risposta dei medici durante le emergenze. “Si possono risparmiare migliaia di ore all'anno evitando perdite di tempo. In questo modo i pazienti possono essere assistiti in maniera molto più efficace”, spiega Newcombe. “Durante la sperimentazione ha generato più di 50 mila avvisi di instabilità clinica del paziente, a cui è corrisposto un pronto intervento da parte dei medici. I vantaggi che abbiamo riscontrato dopo l'implementazione di questo nuovo sistema sono significativi e possono aiutare a migliorare l’efficienza dell’assistenza sanitaria ai pazienti sia di giorno che di notte”, conclude l’infermiera. 

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.