Ragazza accoltellata a Termini, il gip: spregiudicatezza inquietante

Lazio

Chomiak ha affermato che il giovane ripreso dai video di sorveglianza era "un 'altra persona". Intanto, ha trascorso la notte tranquillo in cella ed è monitorato costantemente dagli agenti di polizia penitenziaria

ascolta articolo

Ha dato una versione "inverosimile" quando ha affermato che il giovane ripreso dai video di sorveglianza era "un 'altra persona" e anche quando ha aggiunto di "non ricordare" se la sera del 31 dicembre fosse "passato" alla Stazione Termini di Roma. Il gip di Milano, Natalia Imarisio, non ha creduto al racconto di Aleksander Mateusz Chomiak, 24 anni, polacco, senzatetto, e ora in cella a San Vittore con l'accusa di tentato omicidio per aver accoltellato, la notte di San Silvestro, una turista israeliana, forse scelta per caso, mentre stava acquistando un biglietto del treno all'interno della stazione ferroviaria della Capitale. Il giudice, che ha convalidato il fermo di due giorni fa, e ha accolto la richiesta del pm Enrico Pavone della misura cautelare del carcere, dopo averlo interrogato, anche sulla base di fotogrammi "di assoluta chiarezza", non ha avuto dubbi: "il compendio indiziario" a carico del 24enne, è "possente e univoco". 

"Inclinazione alla violenza"

approfondimento

Ragazza accoltellata a Termini, Frattasi a Sky TG24: opera di un folle

In più, ha osservato il magistrato in base alla ricostruzione degli investigatori, avrebbe dimostrato inclinazione "alla violenza" e una "inquietante spregiudicatezza, non solo nella scelta della vittima - una giovane donna sola - ma anche nella commissione del fatto in un luogo pubblico e certamente presidiato da sistemi di videosorveglianza, oltre che da controlli diretti delle forze dell'ordine". Secondo il provvedimento, dimostrare le "criminogene condizioni di vita" del giovane clochard, da circa "sette-otto mesi" in Italia, ci sono poi "i furti" talvolta commessi per "procurarsi da mangiare" come quello da lui "ammesso" in un bar romano lo scorso 27 dicembre e per il quale era stato già identificato. E poi, a far ritenere che possa commettere "altri gravi delitti" come quello per cui ha quasi ucciso una sua coetanea, ci sono i due coltelli da cucina - uno dei quali ha detto "tranquillamente" di "avere rubato" perché un altro "non era abbastanza tagliente da affettare cibi ed aprire" scatole e un taglierino sequestrati al momento del fermo: erano nascosti o nelle tasche della felpa che indossava o in uno dei due sacchetti con dentro della spesa che il giovane aveva con sé. In particolare, su questo secondo coltello, "avvolto in un foglio di carta e custodito all'interno di una confezione di barrette energetiche", sono state rinvenute "tracce apparentemente ematiche di colore rosso". Le tre armi verranno ora analizzate per verificare se si tratta di sangue e per cercare di individuare se ci sia il Dna della vittima. O invece se, come lui stesso ha affermato, gli servivano solo "per mangiare". 

Accoltellamento a Roma

Gli accertamenti

Questi e altri accertamenti, come il suo stato di salute mentale, verranno effettuati dagli investigatori romani in quanto la gip Imarisio, dopo aver provveduto, si è dichiarata incompetente e ha mandato gli atti al pm Pavone affinché li trasmetta ai colleghi della Procura capitolina. A riconoscere Chomiak come l'aggressore di Roma sono stati due giorni fa due carabinieri, Filippo Consoli e Nicoletta Piccoli, marito e moglie liberi dal servizio. Saliti su un treno che dalla Stazione Centrale di Milano stava per partire per Brescia, l'hanno notato per la "fortissima somiglianza" e gli stessi indumenti indossati dall'accoltellatore ripreso dalle immagini diffuse alle forze dell'ordine di tutta Italia. E lui, a riprova della sua "lucidità" dopo essersi accorto che si stava mettendo male, è sceso "rapidamente" dal vagone nella speranza di poter sfuggire. Invece ora si trova in cella con un'accusa pesante mentre la sua vittima, una ragazza che mai aveva visto prima e che ha colpito tre volte senza aver spiegato il perché, sta meglio ma è ancora ricoverata al Policlinico Umberto I. La madre, alla notizia dell'arresto del senzatetto, si è limitata a dire "è la fine di un incubo".

Monitorato in cella

Intanto, l'uomo ha trascorso la notte tranquillo in cella ed è monitorato costantemente dagli agenti di polizia penitenziaria. Da quanto si è saputo, il giovane è in attesa della traduzione in polacco del provvedimento con cui ieri il gip ha convalidato la richiesta di fermo e della custodia cautelare in carcere avanzata dal pm Enrico Pavone. Dopo di che, il pubblico ministero, a partire da lunedì prossimo, trasmetterà gli atti per competenza alla Procura capitolina. In seguito verrà trasferito a Rebibbia. Intanto l'avvocato del senzatetto, Francesca Rena, ha fatto istanza affinché Chomiak possa avere un difensore con il gratuito patrocinio, ossia pagato dallo Stato. Anche perché finora, in Italia, ha vissuto di espedienti, carità e piccoli furti, e di certo non può sostenere alcun costo. È ancora un mistero il motivo per cui è venuto nel nostro Paese, forse, è stato spiegato, per cercare una nuova prospettiva di vita che la Polonia, dove ha due bimbi piccoli che vivono con la madre, non gli poteva offrire. 

Roma: I più letti