Roma, cambiamenti climatici: attivisti di Greenpeace scalano palazzo davanti alla sede Eni

Lazio
©Ansa

Posizionato uno striscione a 50 metri d'altezza, l'organizzazione protesta per chiedere "un urgente e inderogabile cambio di rotta nella politica energetica della compagnia"

Un gruppo di attiviste e attivisti di Greenpeace ha scalato questa mattina a Roma un palazzo di fronte alla sede dell'Eni, nel giorno dell'assemblea degli azionisti. L'organizzazione protesta per chiedere "un urgente e inderogabile cambio di rotta nella politica energetica della compagnia" . L'azione dimostrativa, con il collocamento di uno striscione di protesta a 50 metri d'altezza, ha l'obiettivo di "contestare l'impegno dell'azienda contro i cambiamenti climatici, che - sostengono gli attivisti- è appunto solo di facciata".

Lo striscione di Greenpeace davanti la sede Eni di Roma
©Ansa

La protesta in difesa dell'ambiente

approfondimento

Ghiacci artici, nel 2020 seconda estensione minima mai registrata

"Adesso basta, non è questa la transizione ecologica che ci aspettiamo", afferma Alessandro Giannì, direttore delle campagne di Greenpeace Italia. In contemporanea all'assemblea di Eni un presidio organizzato da Fridays for Future, Extinction Rebellion Italia, Rise UP 4 for Climate Justice e NOalCCS - Il futuro non si Tocca con altre manifestazioni autorizzate in altre città italiane.

Roma: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.