Covid Roma, allo Spallanzani ricoverati 242 pazienti positivi. Cortei e scontri in città

Lazio
©Fotogramma

Quaranta sono in terapia intensiva. Tensioni e tafferugli nel pomeriggio tra manifestanti e polizia in Campo de' Fiori durante il sit-in contro le chiusure disposte dall'ultimo Dpcm. Corteo dei movimenti "Tu ci chiudi, tu ci paghi" da piazza Indipendenza

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi a Roma

 

All'istituto Spallanzani di Roma sono 242 i pazienti positivi al Coronavirus ricoverati, di cui 40 in terapia intensiva, mentre oggi la Asl Roma 1 ha comunicato 522 nuovi contagi, 495 la Asl Roma 2. 

Nel pomeriggio scontri tra manifestanti e polizia durante il sit-in contro le chiusure organizzato in Campo de' Fiori (FOTO) dalle "mascherine tricolori". Dopo le tensioni, la situazione è tornata alla normalità. Disordini, in serata, anche  nei pressi dell'Università La Sapienza. dove i partecipanti al corteo organizzato dai movimenti "Tu ci chiudi, tu ci paghi" sono venuti a contatto con le forze dell'ordine.

Ospitare pazienti asintomatici, paucisintomatici e le persone in quarantena nelle strutture alberghiere inoperose di Roma per isolare i soggetti positivi a Covid-19. È quanto richiesto dalla sindaca di Roma Virginia Raggi e dal presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, in una lettera inviata al Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, e al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - LA SITUAZIONE NEL LAZIO - MAPPE E GRAFICI DEI CONTAGI)

19:35 - Corteo movimenti, disordini in piazza a Roma

Disordini in piazza a Roma dove alcuni manifestanti del corteo dei movimenti hanno lanciato fumogeni e petardi verso il cordone delle forze dell'ordine schierato nei pressi dell'università La Sapienza. Le Forze dell'ordine stanno allontanando i manifestanti con i blindati e con agenti in tenuta antisommosa.

19:29 - Corteo movimenti a Roma: “Siamo 5mila, Governo ci ascolti”

"Siamo in 5mila e il Governo ci deve ascoltare". A dirlo al megafono uno degli organizzatori della manifestazione dei movimenti partito in corteo da piazza Indipendenza e che si trova ora nei pressi dell'Università La sapienza. "Non si può morire né di Covid né di fame" aggiunge. Lungo il percorso sono stati accesi fumogeni e petardi.

19:20 - Campidoglio: "Pazienti in hotel misura strutturale"

"In questa fase così complicata bisogna remare tutti nella stessa direzione. Le proposte vanno discusse nel merito, non piegate a una perenne polemica politica. È evidente che la Regione Lazio non abbia compreso o non abbia voluto comprendere la proposta di Virginia Raggi, sottoscritta da Federalberghi. Allo stesso tempo si attende un chiarimento riguardo i relativi disastrosa situazione degli ospedali del Lazio. Un dovere verso tante famiglie che in queste ore si sentono disorientate e abbandonate", sottolinea l'Assessore al Personale Antonio De Santis. 

18:56 - Partito corteo movimenti a Roma

Dietro un grosso striscione "Tu ci chiudi, tu ci paghi" è partito il corteo dei movimenti da piazza Indipendenza. La zona è blindata. I manifestanti vorrebbero arrivare davanti al Mise.

18:30 - Movimenti in piazza a Roma: “Tu ci chiudi, tu ci paghi”

Esponendo un grosso striscione: "La crisi la paghino i ricchi! Nessun ricatto tra salute e redditi" è iniziato in piazza Indipendenza la manifestazione dei movimenti "Tu ci chiudi, tu ci paghi". In piazza movimenti, studenti, precari, disoccupati, sindacati. La zona, non distante dalla stazione Termini, è blindata e un elicottero sorvola dall'alto. "In questa piazza prendiamo il Covid molto sul serio - dice un manifestante al megafono - Non abbiamo nulla a che vedere con una destra becera che nega il Covid e sputa sulle centinaia di morti. Chiediamo al governo i soldi, una patrimoniale sui redditi alti". Intonati cori "Tu ci chiudi e ora ci paghi", contro il premier Conte e Confindustria. Sventolano bandiere di Usb, Pci e Potere al Popolo mentre alcuni manifestanti stanno accendendo fumogeni colorati.

“Corteo, Corteo” e "Pagherete tutto” gli slogan scanditi dai manifestanti.

18:00 - Il bollettino delle Asl di Roma

Nella Asl Roma 1 sono 522 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi a domicilio e quarantasette sono ricoveri. Si registrano sette decessi di 59, 60, 67, 71, 79, 84 e 93 anni con patologie. Nella Asl Roma 2 sono 495 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Centosettantuno i casi individuati su segnalazione del medico di medicina generale. Si registrano cinque decessi di 78, 82, 84 89 e 93 anni con patologie. Nella Asl Roma 3 sono 163 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Diciannove sono ricoveri. Si registrano tre decessi di 79, 91 e 93 anni con patologie. Nella Asl Roma 4 sono 75 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Tre sono ricoveri e un caso individuato in fase di pre-ospedalizzazione. Si registra un decesso di 84 anni con patologie. Nella Asl Roma 5 sono 104 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registra un decesso di 66 anni con patologie. Nella Asl Roma 6 sono 278 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registra un decesso di 78 anni con patologie.

17:02 - Vaia: “Si ascolti chi non strilla ma soffre in silenzio”

"La situazione che si sta determinando pone la necessità di chiarezza e nervi saldi. Chiarezza nelle decisioni, chiarezza nel determinare obiettivi e strumenti. Le scuole ed i trasporti sono stati indicati (ahimè da tempo ) come elementi sensibili della nostra società. Allora interveniamo lì con tempestività ed equilibrio. Mai come in questi due ambiti si misura la capacità del nostro sistema di tenere insieme con saggezza ma anche forza due altrettanto imprescindibili esigenze: tutela della salute ed economia del Paese". Così il direttore sanitario dello Spallanzani, Francesco Vaia. "Abbiamo bisogno di tenere tutto in equilibrio - aggiunge Vaia - Spero e credo che chi deve prendere le decisioni, compito non semplice, tenga ciò presente ed ascolti chi non strilla ma in questo momento soffre in silenzio e teme per sè e la propria famiglia. Ma noi che dobbiamo fare? Mantenere la calma, affrontare con forza e coraggio questa pandemia e sconfiggerla arruolandoci nel l'esercito dei forti e responsabili: in altissimo la guardia, sempre in ogni occasione. Intanto stiamo lavorando e si stanno facendo passi avanti importanti nella strategia di lotta al coronavirus”.

15:27 - Raggi: “Auguri di pronta guarigione a cardinal Bassetti”

"Sinceri auguri di una pronta guarigione al cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, colpito dal Covid e da stamane in ospedale. Speriamo torni al più presto a farci riflettere con i suoi interventi sempre attenti ai più deboli, alla solidarietà e all'inclusione". Così su Twitter la sindaca di Roma Virginia Raggi.

13:21 - Da "Mascherine tricolori" a movimenti, vari sit-in a Roma

Sono in programma diverse manifestazioni oggi a Roma di protesta contro le nuove misure anti-Covid. In mattinata a piazza della Rotonda si sono dati appuntamento alcune decine di persone per un sit-in della Marcia della Liberazione. Sempre stamattina a Ostia è stato organizzato una manifestazione di solidarietà ai commercianti. Tre i sit-in che si svolgeranno nel pomeriggio. Alle 16 a Campo de' Fiori è in programma una manifestazione delle 'Mascherine tricolori' per dire "No a un nuovo lockdown", a cui sono attese 150 persone, mentre a Montecitorio, alla stessa ora, scenderanno in piazza i manifestanti del Muli, Movimento dei lavoratori. Alle 18, infine, ci sarà la protesta "Tu ci chiudi, tu ci paghi" in piazza Indipendenza cui parteciperanno "movimenti sociali e sindacali". "Se sono necessari i lockdown e le misure di contenimento allora devono essere necessarie anche le misure economiche a difesa della popolazione - hanno sottolineato gli organizzatori lanciando l'iniziativa -. Vogliamo un reddito universale, vogliamo una patrimoniale che tassi i milionari e le multinazionali, vogliamo che vengano fermati sfratti e sgomberi, vogliamo un investimento nel comparto medico e l'aumento dei posti in terapia intensiva, vogliamo una scuola di qualità su cui si investa, vogliamo sostegno alle attività culturali e sociali del paese. Vogliamo curarci senza morire di fame, senza avere paura del futuro o di trovarci senza garanzie di fronte all'incertezza di questi tempi". Anche gli organizzatori di quest'ultima manifestazione hanno presentato oggi preavviso in Questura. 

12:19 - Lazio: "Alcuni positivi, oggi nuovi tamponi"

"Dagli accertamenti di ieri sono risultati positivi ai tamponi molecolari alcuni componenti del gruppo squadra. Sulla base di tali risultati l'intera squadra ripeterà i controlli in data odierna al fine di individuare i calciatori impiegabili nella gara di domani tra Torino e lazio". Questo è quanto si legge in una nota della Lazio, che aggiunge: "I soggetti risultati positivi sono stati posti in isolamento domiciliare mentre la squadra osserverà un periodo di quarantena sotto sorveglianza attiva da parte dello staff medico".

11:25 - Lo Spallanzani: "242 pazienti positivi ricoverati, finora 1021 dimessi"

In questo momento sono ricoverati allo Spallanzani di Roma 242 pazienti positivi al tampone per la ricerca Sars-CoV-2. 40 pazienti sono ricoverati in terapia intensiva. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali sono a questa mattina 1021.

10:58 - Inchiesta mascherine: chiesti cinque anni per imprenditore

Chiesta una condanna a cinque anni di carcere per Antonello Ieffi, l'imprenditore arrestato a Roma nell'aprile scorso con l'accusa di turbativa d'asta e inadempimento di contratti di pubbliche forniture nell'indagine su un lotto di gara Consip per l'acquisto di mascherine. La gara, del valore di 15,8 milioni, riguardava là fornitura di tre milioni di mascherine mai arrivate in Italia. Il processo si svolge davanti al giudice monocratico del tribunale della Capitale. 

10:15 - Virginia Raggi e Federalberghi: “Gli hotel di Roma per gli asintomatici”

Ospitare pazienti asintomatici, paucisintomatici e le persone in quarantena nelle strutture alberghiere inoperose di Roma per isolare i soggetti positivi al Covid-19 da familiari o conviventi nel caso in cui le abitazioni non consentissero un effettivo isolamento, limitando così la diffusione del contagio. È quanto richiesto dalla sindaca di Roma Virginia Raggi e dal presidente di Federalberghi Bernabò Bocca, in una lettera inviata al Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte e al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti. Nella lettera si specifica che Roma Capitale, Federalberghi nazionale e Federalberghi Roma sono pronti a fare la propria parte nel supportare ogni iniziativa utile nell'individuazione di queste strutture alberghiere. Si sottolinea che tale modalità è già stata attuata nel corso della prima ondata di contagio per gli equipaggi e i passeggeri di navi da crociera messi in stato di quarantena dalle autorità sanitarie. Nella lettera, realizzata in accordo con Federalberghi Roma, si evidenzia che questa ipotesi di collaborazione sarebbe resa possibile dalle risorse che il Governo destina straordinariamente alle imprese economiche in difficoltà e che, in questa evenienza, verrebbero assegnate agli alberghi impegnati nell'accoglienza di cittadini romani in isolamento fiduciario o quarantena. L'utilizzo di queste strutture permetterebbe di scongiurare il sovrappopolamento degli ospedali, dove talvolta le persone positive vengono ricoverate, seppur prive di particolari sintomatologie. Allo stesso tempo, questa azione sarebbe di sostegno alle imprese che oggi soffrono per la ripresa dei contagi e per la conseguente crisi del settore turistico. Inoltre, si suggerisce che l'ospitalità presso queste strutture possa essere associata all'assistenza medica delle Usca (Unità Speciali di Continuità Assistenziale) in modo da non gravare sui medici di famiglia e dando loro la possibilità di occuparsi di altri malati, a partire da quelli ordinari.

8:15 - Oggi protesta in piazza Indipendenza

Al grido "Tu ci chiudi, tu ci paghi" scenderanno in piazza oggi pomeriggio a Roma "movimenti sociali e sindacali". L'appuntamento è alle 18 in piazza Indipendenza. "È il momento per chi crede che il Covid-19 sia un nemico comune, pericoloso e assassino - dicono gli organizzatori nell'appello unitario di convocazione - È il momento per chi non vuole più negazionisti e fascisti in piazza. Se sono necessari i lockdown e le misure di contenimento allora devono essere necessarie anche le misure economiche a difesa della popolazione. Vogliamo un reddito universale, vogliamo una patrimoniale che tassi i milionari e le multinazionali, vogliamo che vengano fermati sfratti e sgomberi, vogliamo un investimento nel comparto medico e l'aumento dei posti in terapia intensiva, vogliamo una scuola di qualità su cui si investa, vogliamo sostegno alle attività culturali e sociali del paese. Vogliamo curarci senza morire di fame, senza avere paura del futuro o di trovarci senza garanzie di fronte all'incertezza di questi tempi". Gli organizzatori aggiungono: "Vogliamo andare a dirlo fin sotto il Mef!". Al momento non risulterebbero preavvisi in questura per questa manifestazione.

Roma: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24