Coronavirus Roma, Spallanzani: "117 pazienti positivi ricoverati"

Lazio
©Getty

Quindici degenti necessitano di terapia intensiva. È quanto emerge dal bollettino di oggi dell'istituto

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi a Roma

 

In questo momento sono ricoverati allo Spallanzani di Roma 117 pazienti positivi al tampone per la ricerca di Sars-CoV-2. Quindici pazienti necessitano di terapia intensiva. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali sono, a questa mattina, 720. È quanto emerge dal bollettino di oggi dell'istituto. 

Nella giornata di ieri l'Asl Roma 4 ha comunicato che partiranno oggi i primi tamponi rapidi antigenici nelle scuole.

Stamattina nella Capitale è stata evacuata la sede del Mise dopo che un dipendente è risultato positivio al Covid-19.

Con un'ordinanza la regione ha disposto per Roma-Juventus del 27 settembre e per Lazio-Inter del 4 ottobre l'accesso allo stadio Olimpico per un massimo di 1.000 persone all'aperto.

Intanto, ieri lo Spallanzani ha annunciato che darà l'ok ai test salivari entro il fine settimana. Nelle ultime 24 ore nel Lazio sono stati registrati 195 nuovi casi, di cui 135 nella Capitale, e tre decessi. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - MAPPE E GRAFICI DEL CONTAGIO)

18:48 - Ad della Roma inibito per un mese per violazione norme Covid

Il Tribunale Nazionale Federale ha inibito per trenta giorni l'ad della Roma, Guido Fienga. La decisione è arrivata al termine del processo per il mancato rispetto del protocollo sul Covid-19 da parte del club giallorosso in occasione della gara con il Napoli al San Paolo dello scorso campionato. Squalificato per 20 giorni il medico della Roma, Massimo Manara. Il club giallorosso farà appello.

16:58 - In Lazio 230 nuovi contagi, 148 a Roma

"Su circa 10mila tamponi oggi nel Lazio si registrano 230 casi di questi 148 sono a Roma e zero decessi. Il valore RT è a 0.85. Test antigenici verranno eseguiti su ogni accesso ai mezzi dell'Ares 118". Così l'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato."Buona l'esperienza dei test al liceo Vian di Anguillara - aggiunge D'Amato -. Tutto si è svolto regolarmente. Presto a rotazione in tutte le scuole. La priorità è garantire sicurezza nelle scuole e non riaprire stadi con rischio di assembramenti".

16:31 - Zingaretti: "Contrari a capienza degli stadi al 25%"

"Dopo l'appello dell'Associazione Nazionale dei Presidi che solo ieri ha richiamato il senso di responsabilità di studenti e genitori invitandoli a usare sempre mascherine e distanziamento agli ingressi e le uscite delle scuole, evitando gli assembramenti di gruppi, ritengo sbagliato oggi, anche solo ipotizzare la riapertura degli stadi fino al 25% della loro capienza creando quindi assembramenti che possono raggiungere il numero di migliaia di persone. Stamattina il delegato della Regione Lazio ha abbandonato la Conferenza delle Regioni perché in disaccordo con questa ipotesi". Così in una nota il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti che ha aggiunto: "Non c'entra niente lo sport o il calcio, ma mantenere un minimo di logica e coerenza nelle scelte che si fanno per garantire la sicurezza degli italiani".

16:25 - Ordinanza Regione, per Roma-Juventus e Lazio-Inter massimo 1000 persone 

Per Roma-Juve del 27 settembre e per Lazio-Inter del 4 ottobre l'accesso allo stadio Olimpico sarà consentito ad un massimo di 1.000 persone all'aperto. Lo prevede l'ordinanza firmata dal presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, in vista degli incontri di serie A. "Ai sensi dell'art. 32, comma 3, della legge 23 dicembre 1978, n. 833 in materia di igiene e sanità pubblica - si legge nella nota -, la presenza di pubblico sarà consentita solo presso i settori in grado di assicurare la permanenza delle persone presso la postazione seduta pre-assegnata per l'intera durata dell'evento. Gli organizzatori dovranno garantire il contingentamento ed il controllo degli ingressi e un'apposita segnaletica sui posti non utilizzabili. Sarà obbligatorio inoltre far rispettare un distanziamento minimo tra le sedute assegnate affinché tra uno spettatore e l'altro vi sia frontalmente e lateralmente, almeno 1 metro e assicurare la presenza di prodotti per l'igiene delle mani per gli spettatori e per il personale, in più punti dello stadio".

14:12 - Maccarese, un caso al liceo: domani didattica a distanza

Non ci saranno lezioni in classe domani nei plessi del liceo Leonardo da Vinci di Maccarese ma la didattica a distanza per "tutti gli alunni di tutte le classi del plesso storico e centrale di via di Maccarese n.38-40". Dopo la positività di una studentessa, mai stata in aula dall'inizio dell'anno scolastico, è quanto ha comunicato la Dirigente scolastica del liceo agli studenti, ai genitori ed ai docenti.

12:51 - Spallanzani: "Con test saliva difficile screening rapido"

I test antigenici e molecolari su campioni di saliva, "al momento difficilmente si prestano allo screening rapido di numerose persone in quanto richiedono un laboratorio attrezzato", mentre il test molecolare, conosciuto come tampone, rimane a tutt'oggi il gold standard per la diagnosi del Covid. Lo spiega l'Istituto Spallanzani sul suo sito confrontando i vari metodi. I test antigenici rapidi su tampone naso-faringeo possono essere utili in determinati contesti, come il tracciamento dei contatti di casi positivi o lo screening rapido di numerose persone. I test sierologici non possono essere utilizzati per la diagnosi di infezione in atto: occorre utilizzare i metodi diagnostici che rilevano la presenza diretta del genoma del virus o delle sue proteine (cioè gli antigeni). 

12:35 - Positiva studentessa di un liceo di Maccarese

Una studentessa del liceo Leonardo da Vinci di Maccarese, nel comune di Fiumicino, risulta positiva al Covid-19. Da quanto si è appreso, come conferma il sindaco di Esterino Montino, la studentessa non ha mai frequentato in presenza lezioni in aula dall'inizio dell'anno scolastico poiché in didattica a distanza da casa. "Sono in corso le indagini sui contatti stretti della studentessa del Leonardo Da Vinci da parte della Asl - commenta Montino - La ragazza non è mai stata a scuola, però domenica scorsa ha partecipato ad una festa con alcuni compagni di scuola, che sono già stati messi in isolamento preventivo dalla Asl".

11:39 - Spallanzani: "117 pazienti positivi ricoverati, dimessi 720"

In questo momento sono ricoverati allo Spallanzani di Roma 117 pazienti positivi al tampone per la ricerca di Sars-CoV-2. Quindici pazienti necessitano di terapia intensiva. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali sono, a questa mattina, 720. E' quanto emerge dal bollettino di oggi dell'istituto. 

11:35 - Due insegnanti positive in una scuola a Roma

Due casi di Covid-19 all'istituto Fratelli Bandiera, in zona piazza Bologna a Roma. Secondo quanto si è appreso, si tratterebbe di due insegnanti di cui una non aveva ancora preso servizio. La Asl Roma 1 sta effettuando tutti gli accertamenti per valutare i contatti stretti dei due casi positivi e procedere se necessario con la quarantena per i bimbi di una classe. "Sono stati immediatamente attivati tutti i protocolli previsti e si è provveduto ad allertare la ASL di competenza che, dopo aver espletato tutti gli opportuni controlli e le necessarie verifiche, ha provveduto a contattare personalmente e a mettere in isolamento fiduciario precauzionale quanti ha ritenuto necessari" si legge in una comunicazione della dirigente scolastica Cinzia Giacomobono pubblicata sul sito della scuola - Questa dirigenza ha provveduto, inoltre, ad affiancare alle procedure di sanificazione, già previste dalla consultazione referendaria, un'ulteriore sanificazione straordinaria di tutti i locali interessati".

11:00 - Dipendente positivo, evacuata sede del Mise

È in corso, a Roma, l’evacuazione della sede del ministero dello Sviluppo economico dopo che un dipendente è risultato positivo al coronavirus. Lo riporta il Corriere della Sera. La decisione riguarda tutto il personale della sede del Mise di via Molise, che ora sta lasciando l’edificio.

7:21 - Da oggi tamponi rapidi nelle scuole

Nella giornata di ieri l'Asl Roma 4 ha comunicato che partiranno oggi i primi tamponi rapidi antigenici nelle scuole. Il primo intervento è stato programmato nel liceo scientifico Vian ad Anguillara. Lo ha fatto sapere l'Unità di Crisi COVID-19 della Regione Lazio. "Inviata dalla direzione dell'istituto una circolare ai genitori per raccogliere l'adesione volontaria al test che è stata molto buona - prosegue l'Unità di Crisi -. Da questa mattina inizieranno le attività di testing che proseguiranno a rotazione con gli altri istituti del territorio”.

Roma: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24