Roma, riconsegnata alla Francia la porta del Bataclan dipinta da Banksy

Lazio
©Ansa

L’opera, realizzata dallo street artist in memoria delle 90 vittime dell’attentato del novembre 2015, è stata consegnata a Palazzo Farnese nelle mani dell’ambasciatore francese Christian Masset, in occasione della Festa nazionale. Era stata rubata un anno fa e ritrovata lo scorso 10 giugno in Abruzzo

È stata formalmente restituita oggi alla Francia la porta del teatro Bataclan di Parigi, l’opera dello street artist Banksy rubata un anno fa e ritrovata lo scorso 10 giugno in un casolare della campagna abruzzese. La cerimonia, organizzata in occasione della festa nazionale francese, si è svolta nel pomeriggio a Palazzo Farnese, durante la quale il dipinto, realizzato in memoria delle 90 vittime dell'attacco terroristico del 2015, è stato consegnato nelle mani dell'Ambasciatore francese a Roma, Christian Masset, dopo essere stato esposto nel Salone d’Ercole.

L’ambasciatore francese: “Simbolo di una memoria che commuove”

approfondimento

Banksy rubato al Bataclan e ritrovato in Italia, 6 arresti

La porta, che raffigura una ragazza con lo sguardo triste rivolto verso il basso, simbolicamente dipinta proprio su una delle uscite di sicurezza del locale parigino, è stata scortata dall'Abruzzo fino a Roma dai carabinieri dei beni culturali italiani che l'hanno ritrovata e che nei prossimi giorni ne scorteranno il viaggio fino alla frontiera. L'opera è simbolo di una "memoria che commuove", sottolinea ringraziando l'Italia l'ambasciatore Masset, ma anche della solidarietà e della cooperazione tra i due paesi. "Un gesto doveroso - commenta il generale Roberto Riccardi, comandante generale dei carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale - le opere d'arte devono essere restituite ai loro contesti". 

Per tornare ad ammirarla, i parigini dovranno però aspettare ancora un po'. Le indagini, infatti, sono ancora in corso, con la polizia francese che ha arrestato sei persone, mentre i carabinieri italiani ne hanno denunciate altre due, tra cui il proprietario del casolare dove la porta è stata ritrovata. Le autorità francesi, spiega Riccardi, dovranno esaminarla. E intanto l'ambasciatore Masset raccomanda: "Per carità non toccatela non vorremmo che la polizia francese isolasse il dna delle vostre impronte..."

L'ambasciatore francese a Roma, Christian Masset, insieme al dipinto - ©Ansa

Roma: I più letti