Elicottero nel Tevere: vittime sono un ex pilota Alitalia e un'amica

Lazio

Il velivolo, individuato a una profondità di circa 6 metri, è stato recuperato. Entrambi i cadaveri sono stati trovati agganciati ai sedili

Sono stati recuperati dai sommozzatori i corpi delle due persone a bordo dell'elicottero privato che si è inabissato ieri pomeriggio nel Tevere, in zona Nazzano Romano (LE FOTO). Le due vittime sono, a quanto si apprende da fonti investigative, un ex pilota dell'Alitalia, Domenico Careri, e un'amica, Elena Andrioli.

Recuperato il velivolo

Successivamente anche l'elicattero è stato recuperato. Il velivolo è stato sequestrato dai carabinieri di Monterotondo e affidato a un deposito giudiziario, a disposizione dell'Agenzia nazionale sicurezza al volo e dell'autorità giudiziaria di Rieti per accertamenti, volti a chiarire tra l'altro se ci sia stato un problema tecnico. Intanto i corpi delle vittime sono stati portati all'ospedale di Rieti a disposizione dell'autorità giudiziaria. Nei prossimi giorni dovrebbe essere disposta l'autopsia, per determinare le cause del decesso e accertare, in particolare, se il pilota abbia accusato un malore.

L’incidente

approfondimento

Elicottero precipita nel Tevere vicino a Roma, ricerche in corso

Il 78enne, proprietario del biposto, era decollato ieri da una pista nella sua villa di Torrita Tiberina insieme all'amica di famiglia, 75 anni, ospite in questi giorni a casa dell'uomo insieme al marito. L'ex pilota dell'Alitalia era in possesso di regolare licenza di volo e altre volte aveva sorvolato la zona con il proprio velivolo. L'allarme è scattato nel primo pomeriggio quando sono arrivate alcune segnalazioni di un elicottero finito nel fiume nella zona Tevere Farfa, alle porte di Roma. In particolare un testimone ha raccontato di averlo visto tranciare i cavi dell'alta tensione per poi planare e scomparire nel fiume. Subito sono state avviate le ricerche dei vigili del fuoco e dei carabinieri che hanno portato qualche ora dopo all'individuazione con l'ecoscandaglio del velivolo sul fondale, a una profondità di circa 6 metri, e al recupero oggi dei corpi. I due sono stati trovati agganciati ai sedili dell'elicottero precipitato. I carabinieri della compagnia di Monterotondo, delegati dalla procura di Rieti che ha aperto un fascicolo sull'incidente, hanno coordinato le operazioni.

Roma: I più letti