Omicidio Cerciello Rega, iniziato il processo

Lazio

In aula sono presenti i due imputati, gli studenti americani Finnegan Lee Elder e Christian Gabriel Natale Hjorth, attualmente detenuti nel carcere di Regina Coeli

Acquisire i colloqui avuti in carcere da Finnegan Lee Elder e trascriverne i dialoghi mediante perizia. E' la richiesta sollecitata dalla Procura di Roma nel corso della prima udienza del processo per l'omicidio del vice brigadiere Mario Cerciello Rega avvenuto il 26 luglio scorso. In aula erano  presenti i due imputati, gli studenti americani Finnegan Lee Elder e Christian Gabriel Natale Hjorth, attualmente detenuti nel carcere di Regina Coeli. In totale le parti hanno chiesto di ascoltare oltre 100 testimoni. (CHI ERA LA VITTIMA -  FOTO)

I reati contestati

Nei loro confronti la Procura contesta anche i reati di lesioni, tentata estorsione e resistenza a pubblico ufficiale. Presenti anche Rosa Maria Esilio, vedova di Cerciello, i genitori di Elder e lo zio di Hjorth. In aula, molto gremita, anche giornalisti e troupe dei maggiori networks americani.

Le richieste dell'accusa

L'accusa ha chiesto di acquisire in particolare i colloqui che Elder ha avuto il 2 agosto e poi il 5 e 6 settembre 2019 con avvocati e familiari. Su questi dialoghi, su cui si fonda in parte la richiesta di giudizio immediato e in particolare sul fatto che i due ragazzi americani fossero consapevoli di trovarsi di fronte a due carabinieri in via Pietro Cossa, i legali di Elder hanno compiuto una indagine difensiva da cui emerge, a loro dire, che le traduzioni sarebbero state modificate in modo da cambiarne il senso.

Le richieste della difesa

La difesa di Hjorth ha chiesto, invece, l'audizione del carabiniere Fabio Manganaro che, secondo la Procura, ha bendato il giovane americano in caserma dopo il fermo. Chiesta anche la convocazione di Silvio Pellegrini, il militare dell'Arma indagato per la foto scattata a Hjorth bendato. I difensori hanno, infine, chiesto l'acquisizione del video dello stesso Hjorth con la benda fatto da Varriale: un filmato che i legali, in base a una consulenza tecnica, sostengono essere stato modificato dall'autore. Sulle richieste i giudici scioglieranno la riserva nell'udienza fissata per il 9 marzo.

Due ministeri ammessi come parti civili

I ministeri degliInterni e della Difesa sono stati ammessi come parti civili nel processo per l'omicidio del vicebrigadiere Mario Cercello Rega. I giudici hanno anche acconsentito alla costituzione come parti lese anche della vedova di Cerciello e dei suoi familiari. Ammessi anche il carabiniere Andrea Varriale, che era di pattuglia con Cerciello la notte del 26 luglio scorso, l'Associazione vittime del dovere e Sergio Brugiatelli, in quanto vittima della tentata estorsione messa in atto daidue imputati.

Roma: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24