Scritta antisemita, solidarietà del senatore Pd Bruno Astorre: "Siamo tutti ebrei"

Lazio

Il segretario del Partito Democratico del Lazio ha affisso sulla porta della propria abitazione un cartello come segno di vicinanza alla famiglia di Lidia Beccaria Rolfi, che questa mattina ha trovato sulla propria casa a Mondovì la scritta "Juden Hier"

"Siamo tutti ebrei. Grazie Lidia". Recita così il cartello affisso sulla porta della propria abitazione, in provincia di Roma, dal senatore Bruno Astorre, segretario del Pd del Lazio, come gesto di solidarietà e vicinanza rivolto alla famiglia di Lidia Beccaria Rolfi, partigiana deportata a Ravensbruck nel 1944, che questa mattina ha trovato sulla propria casa a Mondovì la scritta "Juden Hier", come accadeva nelle città tedesche sotto il nazismo. A diffondere l’immagine del cartello è stato lo stesso Astorre tramite un post pubblicato su Facebook, nel quale ha anche lanciato l’hashtag #siamotuttiebrei per condannare "il gesto folle con cui si è voluto colpire la comunità ebraica, la storia, la memoria non soltanto di Lidia Beccaria, ma tutti noi e milioni di donne, uomini e bambini che hanno sofferto pene indicibili e perso la vita per mano dei nazifascisti".

Roma: I più letti