Omicidio del carabiniere Cerciello Rega: chiesto il giudizio immediato per i due americani

Lazio
Foto di archivio

Consentirebbe di portare il processo direttamente davanti alla corte d'Assise saltando la fase delle udienze preliminari. Ad avanzare la richiesta è stata la procura di Roma dopo la chiusura delle indagini 

Chiesto il giudizio immediato per i due americani Finningan Lee Elder e Christian Gabriel Natale Hjort, accusati del concorso in omicidio del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega avvenuto il 26 luglio (CHI ERA - FOTO - I PRECEDENTI). Ad avanzare la richiesta è stata la procura di Roma dopo la chiusura delle indagini compiute dai magistrati di piazzale Clodio, coordinati dal procuratore Michele Prestipino e dall'aggiunto Nunzia D'Elia. Il giudizio immediato consente di portare il processo direttamente davanti alla corte d'Assise saltando la fase delle udienze preliminari.

La ricostruzione

I due studenti americani sono attualmente detenuti nel carcere di Regina Coeli, accusati anche di tentata estorsione, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni. L'aggressione è avvenuta nel quartiere Prati quando Cerciello, che si era recato assieme al collega Andrea Varriale in via Pietro Cossa per recuperare la borsa che i due americani avevano sottratto alcune ore prima all'intermediario dei pusher Sergio Brugiadelli, è stato raggiunto da 11 coltellate inferte da Finningan nel corso di una colluttazione.

Roma: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24