Roma, rapinarono e presero a bastonate il dipendente di un minimarket: quattro arresti

Lazio

I fatti avvennero nella notte dell’11 marzo scorso in via Tiburtina. I rapinatori ora si trovano nel carcere di Regina Coeli. Il negoziante riportò un trauma cranio-facciale e la frattura alle ossa nasali 

Quattro uomini sono stati arrestati dai carabinieri di Roma San Basilio perché ritenuti i responsabili della violenta rapina messa a segno ai danni di un cittadino del Bangladesh, dipendente di un minimarket di via Tiburtina, nella notte dell’11 marzo scorso. In manette sono finiti tre uomini di origini moldave e uno albanese. Nei confronti degli arrestati, di età compresa tra i 23 e i 29 anni, è stata eseguita un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa al termine di un’indagine coordinata dal Gruppo reati gravi contro il patrimonio e gli stupefacenti della Procura, diretto dal Procuratore Aggiunto Lucia Lotti.

La rapina

La notte dell’11 marzo, i quattro avevano acquistato da bere nel minimarket e si erano fermati a bere davanti al locale. Poi a notte fonda, quando il dipendente aveva chiuso l’esercizio commerciale e si era avviato verso casa con l'incasso della giornata, di 1.100 euro, lo rapinarono. Prima uno di loro lo colpì alla testa e poi gli altri tre lo presero anche a bastonate. In difesa del negoziante, intervennero due connazionali. L’uomo ferito fu portato in ospedale e riportò un trauma cranio-facciale e la frattura alle ossa nasali, guaribili in 21 giorni. Gli accertamenti dei carabinieri della stazione San Basilio e le ricognizioni fotografiche hanno consentito di risalire ai quattro autori della rapina che ora si trovano del carcere di Regina Coeli.

Roma: I più letti