M5s, l'ex ministro Azzolina lascia Conte per Insieme per il futuro

Politica
©Getty

L'ex titolare del dicastero dell'Istruzione ha lasciato il gruppo del Movimento 5 stelle per passare alla nuova formazione di Luigi Di Maio. "Ho passato gli ultimi tre giorni a chiedere un cambiamento che non ci sarà. Ne ho avuto la conferma definitiva. Il famoso nuovo corso, quello della maturità politica, non è mai iniziato. Non siamo né carne né pesce"

ascolta articolo

La deputata ed ex ministro dell'istruzione Lucia Azzolina ha lasciato il gruppo del M5s ed è passata in quello di Insieme per il futuro (Ipf). "Sono qui per dirvi che sto per uscire dal Movimento 5 stelle e firmerò nelle prossime ore per entrare nel nuovo gruppo guidato da Di Maio, ha spiegato, sostenendo che la decisione non è "stata facile". Azzolina ha aggiunto: "Se guardassi alla convenienza personale non dovrei farlo, perché sono al primo mandato e ho anche restituito tutto. Però vivo da tanti mesi un enorme disagio. È come un fidanzato che speri che possa cambiare, ma non cambia. Anzi peggiora". 

"M5s non esiste più, pretende solo devozione cieca"

leggi anche

Di Maio: "Non è partito personale". Di Nicola e Di Stasio capigruppo

"Ho passato gli ultimi tre giorni a chiedere un cambiamento che non ci sarà. Ne ho avuto la conferma definitiva", ha sottolineato l'ex ministro. "Oggi mi chiedo cosa sia il Movimento 5 Stelle - ha continuato Azzolina - è non so rispondere. Il famoso nuovo corso, quello della maturità politica, non è mai iniziato. Non siamo né carne né pesce".  La deputata ha proseguito: "Dov'è la maturità politica se si fanno le scelte solo sulla base dei sondaggi? Dov'è la cura delle parole se ogni giorno si leggono e si sentono solo tweet e interviste al veleno? Dov'è la collegialità? Io sono una persona leale ma qui non si vuole la lealtà, si pretende la devozione e la fede cieca". 

"Conte ostaggio dei suoi vicepresidenti"

leggi anche

M5s, Conte: "Sostegno al governo nel limite delle nostre battaglie"

Azzolina ha poi parlato di Giuseppe Conte, ex premier e leader del M5s: "Oggi è ostaggio dei suoi vicepresidenti. In questi due giorni mi sarei aspettata un po' di autocritica e invece c'è chi ha festeggiato. Tutto questo fa molto male pensando agli elettori, ma a loro dico con sincerità che il Movimento 5 stelle non esiste più. Anzi, vedrete che presto cambierà anche il simbolo. Andrò con 60 colleghi che hanno creduto nel nuovo corso, quello della maturità politica. E lo realizzeranno altrove". 

Politica: I più letti