Quirinale, ecco i voti necessari per eleggere il Presidente della Repubblica

Politica
©Ansa

Saranno 1.009 i grandi elettori chiamati ad eleggere il Presidente della Repubblica: 321 senatori, 630 deputati e 58 delegati regionali, tre per ogni Regione, ad eccezione della Valle d’Aosta che ne ha uno. Dopo la scomparsa del senatore Fasano, la soglia è al momento di 1.008, ma già dalla seconda votazione dovrebbe subentrare il primo dei non eletti. Ecco qual è il quorum nei diversi scrutini

Saranno 1.009 i grandi elettori che saranno chiamati ad eleggere il Presidente della Repubblica: 321 senatori, 630 deputati e 58 delegati regionali, tre per ogni Regione, ad eccezione della Valle d’Aosta che ne ha uno, con un sistema per assicurare la rappresentanza delle minoranze. Dopo la morte del senatore Vincenzo Fasano di Forza Italia, i grandi elettori per il Quirinale sono momentaneamente scesi a 1.008, ma saranno riportati alla quota originale già dalla seconda votazione, con l'ingresso del primo dei non eletti. Ecco quanti voti occorrono per eleggere il Presidente della Repubblica (LO SPECIALE - IL SONDAGGIO - LE CURIOSITÀ - TUTTI GLI AGGIORNAMENTI LIVE).

Ecco il quorum per l'elezione del Capo dello Stato

approfondimento

Quirinale, l'età dei presidenti eletti: Cossiga il più giovane

Per l'elezione del Presidente della Repubblica, nei primi tre scrutini occorre il quorum dei due terzi dei componenti dell’Assemblea, ovvero 673 voti. Dal quarto occorre invece la maggioranza assoluta, 505. Quel che è certo è che nessuno schieramento ha i numeri per eleggere da solo il Presidente, anche con un tetto di voti più basso. Allo stesso modo è difficile ricondurre nel polo di centrodestra o di centrosinistra diversi elettori che potrebbero essere determinanti per l'elezione, senza tra l'altro escludere passaggi da un gruppo all'altro anche in extremis.

La situazione dei numeri negli schieramenti

Centrodestra

approfondimento

Elezione del presidente della Repubblica, quando si vota? Le date

Il totale degli elettori del centrodestra (con ripristino del tetto a 1.009) è di 453, considerando che da prassi il presidente del Senato, Elisabetta Casellati (Fi-Udc), non dovrebbe votare. Lega: senatori 64, deputati 133, delegati regionali 15, totale 212. Forza Italia-Udc: senatori 52, deputati 79, delegati regionali 11, totale 142. Fratelli d’Italia: senatori 21, deputati 37, delegati regionali 5, totale 63. Coraggio Italia-Idea Cambiamo: senatori 9, deputati 22, delegati regionali 1, totale 32. Noi con l'Italia, deputati 5. 

Centrosinistra

Il totale degli elettori del centrosinistra è di 405, considerando che da prassi il presidente della Camera, Roberto Fico (M5S) non dovrebbe votare. M5S: senatori 73, deputati 157, delegati regionali 4, totale 234. Pd: senatori 39, deputati 95, delegati regionali 20, totale 154. Leu: senatori 6, deputati 12, totale 18.

Area di centro

Il totale degli elettori nell'area di centro è 57. Italia Viva: senatori 15, deputati 29, totale 44. Centro democratico: deputati 6. Maie: senatori 1, deputati 1, totale 2. Azione-Più Europa: senatori 2, deputati 3, totale 5.

Ex M5S

Il totale degli elettori ex-M5s è 65. Alternativa: senatori 2, deputati 16. Gruppo Misto: senatori 23, deputati 24.

Senatori e deputati in diversi gruppi

Il totale dei senatori in gruppi diversi è 4, quello dei deputati è 7. Per i senatori: nel Gruppo Autonomie, Gianclaudio Bressa e Pier Ferdinando Casini; nel Gruppo Misto, Leonardo Grimani (ex Iv) e Rosellina Sbrana (ex Lega). Per i deputati: nel Gruppo Misto, Giusi Bartolozzi, Stefano Benigni e Claudio Pedrazzini (ex Fi), Michela Rostan e Rossella Muroni (ex Leu), Fausto Longo (eletto all'Estero con Pd), Alessandro Fusacchia (ex Più Europa).

Senatori a vita

I senatori a vita sono 6: Giorgio Napolitano, Mario Monti, Elena Cattaneo, Renzo Piano, Carlo Rubbia, Liliana Segre.

Politica: I più letti