Riforma Giustizia, ok della Camera con 396 sì. Ora il testo passa al Senato

Politica
©Ansa

Dopo una lunghissima giornata di discussione in Aula, nella tarda serata del 3 agosto è arrivato il via libera al provvedimento, voluto dal governo Draghi e firmato dalla ministra Marta Cartabia, per riformare il processo penale. Secondo quanto risulta dai tabulati delle votazioni, sono molte le assenze, oltre 60. I no sono 57 e 3 gli astenuti

La riforma della giustizia, firmata dalla ministra Marta Cartabia, è passata alla Camera con 396 sì, 57 no e 3 astenuti. Ora il testo passa al Senato. Dopo il via libera della scorsa notte, quando per due volte è arrivata la fiducia (una per ognuno dei due articoli da cui è composta la legge), e una lunghissima giornata in Aula, nella tarda serata del 3 agosto la Camera ha approvato la riforma del processo penale voluta dal governo Draghi.

Il ministro della Giustizia, Marta Cartabia, riceve le congratulazioni dai colleghi dopo il voto finale alla Camera dei Deputati sulla riforma della giustizia, Roma, 3 agosto 2021. ANSA/RICCARDO ANTIMIANI
©Ansa

Tante le assenze

leggi anche

Riforma Giustizia, la Camera ottiene per due volte la fiducia

Il voto di approvazione sembra ricompattare solo in parte la maggioranza. Secondo quanto risulta dai tabulati delle votazioni, sono molte le assenze, oltre sessanta. Sono 16 gli assenti non in missione tra i deputati del M5s. Tra i pentastellati, inoltre, in due hanno votato contro il provvedimento: sono Luca Frusone e Giovanni Vianelli. Per la Lega i non partecipanti al voto sono 23, per Forza Italia 26. La Lega fa sapere che in 13 sono malati o in quarantena e le assenze non derivano da problemi sulla riforma. I non partecipanti al voto nel Pd sono 14. Nel gruppo Leu l'unico non partecipante al voto è Pier Luigi Bersani.

La discussione in Aula

leggi anche

M5S, Conte: "Riforma Giustizia? Mai pensato a una crisi di governo"

Più volte la discussione degli ordini del giorno al testo ha messo alla prova la tenuta della maggioranza. Prima sul tema della responsabilità civile dei magistrati, sollevata da Fdi, sulla quale Lega, Forza Italia e Coraggio Italia hanno annunciato l'astensione, provocando la reazione di Pd e Leu. Poi l’Aula si è spaccata sugli eco-reati, che finisce per non passare sul filo di lana, bocciato dalla maggioranza con 186 voti contro 181. A settembre il testo passerà in Senato per diventare legge.

La riforma

vedi anche

Riforma Giustizia, dai tempi dei processi ai reati gravi: cosa prevede

La riforma punta a ridurre del 25% entro i prossimi cinque anni i tempi della durata del processo penale in Italia, abbattendo soprattutto l'imbuto della fase di appello che dura mediamente 850 giorni contro uno standard europeo di 104 giorni. La sfida è portare tutte le 29 corti di appello a rispettare un limite di due anni: attualmente sono 19 le Corti d'appello nelle quali il processo di secondo grado è sotto i 2 anni, in 3 è leggermente al di sopra dei 2 anni, mentre le sedi problematiche sono 7. Entrerà in vigore gradualmente, per consentire agli uffici giudiziari di organizzarsi tenendo conto dell'arrivo dei 16.500 assistenti dei magistrati, previsti dall'Ufficio del processo e dei circa 5mila addetti del personale amministrativo. Previste inoltre norme transitorie e a regime.

Politica: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24