Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Legge elettorale, la Consulta boccia il referendum: inammissibile

La decisione della Consulta

Leggi tutto
1 nuovo post

La Corte Costituzionale ha definito non ammissibile il quesito referendario, sostenuto dalla Lega, per rendere maggioritario il sistema di voto elettorale (GUIDA GRAFICA AI CONCETTI CHIAVE DELLA LEGGE ELETTORALE), definendolo "eccessivamente manipolativo".

- di Cecilia.MUSSI

Il liveblog si conclude qui

Per tutti gli aggiornamenti seguite la nostra diretta e iscrivetevi al nostro servizio Messenger gratuito.
 
- di Chiara Piotto

Il comunicato stampa della Corte Costituzionale 


Dopo la decisione della Consulta, è stato emanato un comunicato in attesa del deposito della sentenza  previsto entro il 0 febbraio. Qui si possono leggere le motivazioni della Corte.
 

 
- di Cecilia.MUSSI

Le news di Sky Tg24 sono anche su Facebook Messenger

 
Iscriviti qui al servizio per avere in tempo reale le notifiche sulle ultime notizie della giornata
 
 

 

- di Cecilia.MUSSI

La regola del gioco, Cacciari: "Marcia indietro sul maggioritario è una questione tattica"

 
- di Cecilia.MUSSI

Salvini su legge elettorale: il no al referendum è un furto. VIDEO

 
 

 

- di Maurizio Odor

Salvini, chiederemo firme elezione diretta Capo Stato

 
 
"Noi non ci arrendiamo, anzi rilanciamo e chiederemo agli italiani le firme per eleggere direttamente il Capo dello Stato". Lo ha detto Matteo Salvini parlando a Lamezia Terme.
- di Maurizio Odor

Consulta: votazione presa a maggioranza
 

Sarebbe stata presa a maggioranza la decisione della Corte Costituzionale di dichiarare inammissibile il referendum. Secondo indiscrezioni si sarebbe trattato però di una maggioranza "solida e ampia". 
- di Cecilia.MUSSI

Fontana, tolta possibilità ai cittadini di esprimersi

 
 
"Si è tolta la possibilità ai cittadini di esprimersi liberamente e scegliere come eleggere i propri rappresentanti": con queste parole il presidente della Lombardia Attilio Fontana ha commentato la bocciatura da parte della Corte Costituzionale del quesito referendario per abolire la quota proporzionale dalle legge elettorale. "Un vero peccato, sono amareggiato dalla decisione della Suprema Corte il cui significato potrà essere chiarito solo leggendo le motivazioni" ha aggiunto il governatore leghista, che ha ricordato come "in passato la politica non è mai riuscita a trovare una legge che garantisse rispetto della democrazia e governabilità, questa poteva essere una buona occasione".  
 
 
- di Maurizio Odor

Di Maio, seguiamo strada proporzionale

 
 
"Seguiamo la strada del proporzionale affinché tutti i cittadini italiani siano effettivamente rappresentati in Parlamento". Così il capo politico M5S Luigi Di Maio, commentando la sentenza della Consulta sul referendum richiesto dalla Lega.
- di Maurizio Odor

Gasparri, diritto cede a restaurazione sinistra

 
 
"La Corte Costituzionale continua a sfornare decisioni politiche, il diritto cede il passo alla restaurazione della sinistra, inquietante conferma referendum". Lo scrive il Presidente della Giunta per le immunità del Senato, Maurizio Gasparri.
- di Maurizio Odor

Gelmini, ora riforma per fare governare chi vince

 
"Rispettiamo le decisioni della Corte Costituzionale, anche quando ci appaiono singolari. Attendiamo di leggere le relative motivazioni ma nel frattempo il centro-destra lavori dia subito ad una proposta elettorale condivisa che coniughi rappresentanza e governabilità'". Lo afferma, in una nota, Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.
  
- di Maurizio Odor

Gentiloni, buona notizia da Consulta

 
 
"La Corte Costituzionale boccia il referendum inventato da Salvini. Una buona notizia anche per chi non ama il proporzionale". Lo scrive il Commissario per gli Affari economici della Ue, Paolo Gentiloni.
- di Maurizio Odor

Legge elettorale, Pd: è venuto giù il castello di sabbia della Lega

 

 
"Il castello di sabbia costruito da Salvini sulla legge elettorale, è venuto giù con la sentenza della Consulta. Ora la maggioranza vada spedita verso l'approvazione della proposta depositata alla Camera". Lo dichiarano il presidente dei senatori Pd, Andrea Marcucci, ed il capogruppo dem in commissione Affari costituzionali, Dario Parrini.
 
- di Maurizio Odor

Il Quesito referendario

 
Il quesito referendario, inerente l'"abolizione del metodo proporzionale nell'attribuzione dei seggi in collegi plurinominali nel sistema elettorale della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica", era stato presentato da otto Consigli regionali (Veneto, Piemonte, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Sardegna, Abruzzo, Basilicata, Liguria). Oggetto della richiesta referendaria erano le due leggi elettorali del Senato e della Camera con l'obiettivo di eliminare la quota proporzionale, trasformando così il sistema elettorale interamente in un maggioritario a collegi uninominali.
- di Maurizio Odor