Di Maio: “La Tav va ridiscussa. Subito il reddito di cittadinanza”

Politica

Il vicepremier, in un'intervista, sottolinea che Tav e Tap sono opere "non in correlazione". E sulla Rai aggiunge: "Largo alla meritocrazia". Flat tax e abolizione legge Fornero "emergenze sociali". Grillo: "Tav rappresenta modo di fare economia che non ha più senso"

Tav e Tap sono “opere non in correlazione”. Così il vicepremier Luigi Di Maio specifica, in un’intervista al Corriere della Sera, la posizione sulle due opere. “La Tav è nel contratto di governo e c’è scritto che va ridiscussa, il ministro Toninelli a breve incontrerà il suo omologo francese proprio per ripensare un progetto ideato 30 anni fa e non ci sono penali in caso di revisione. Mentre sul Tap, bisogna ascoltare le comunità".

Tav e Tap: due nodi da sciogliere

Le due opere, nodi da sciogliere per il governo, hanno sollevato negli ultimi giorni contrasti e divisioni tra i due partiti di maggioranza, con il M5S che sembra pronto a bloccare l’alta velocità in Piemonte e la Lega che non accetta passi indietro. Per quanto riguarda invece il gasdotto in Puglia, sull'ipotesi di un referendum, Di Maio risponde: "Bisogna parlare con il sindaco di Melendugno e con i cittadini".

Grillo: "Tav rappresenta un mondo che non c'è più"

Di Tav ha parlato anche Beppe Grillo. "Si è tornato a parlare di Tav, un'opera che appartiene allo scorso secolo, al passato, che rappresenta un mondo che non c'è più, un modo di fare economia e creare posti di lavoro che non ha più senso", ha scritto su Twitter. E il messaggio rimanda a un post sul suo blog iin cui elenca "le 9 'verità' che ancora circolano sulla Tav".

Gli altri temi: nomine e flat tax

Nell'intervista odierna Luigi Di Maio cita anche le polemiche sulle nomine: "Diciamo no ai raccomandati nella Rai e nella pubblica amministrazione e largo alla meritocrazia. Quanto a Fabrizio Palermo, si è meritato la nomina di ad per quanto ha fatto in Cassa depositi e prestiti, per le sue capacità. Ma come si fa a dire che sono persone mie o di Salvini?", replica. In tema di reddito di cittadinanza e flat tax, il vicepremier assicura: "Queste misure, insieme all' abolizione della legge Fornero, sono emergenze sociali. Si devono realizzare. Subito". Mentre rassicura gli imprenditori sulle critiche ricevute dal decreto Dignità: “Le imprese sono spaventate da una campagna di fake news. A loro voglio dire di aspettare il testo finale prima di giudicare".

Politica: I più letti