Ballottaggi, Di Maio: a Imola e Avellino risultati straordinari

Politica
di_maio_ansa

Il leader del Movimento ha commentato i risultati del secondo turno delle amministrative: “Sindaci 5 Stelle in due città dominate da 70 anni da partiti della Prima Repubblica”. I pentastellati escono sconfitti a Ragusa e Terni. Di Battista: "Pd è morto" - SPECIALE

Il M5s esulta per i risultati emersi dai ballottaggi delle elezioni amministrative (LO SPECIALE - LIVEBLOG - TUTTI I RISULTATI). A spoglio ormai terminato nei Comuni impegnati nel secondo turno, il leader politico del Movimento, il vicepremier Luigi Di Maio, ha commentato l’esito delle urne con un post su Facebook. “Imola e Avellino sono 5 stelle. Sono risultati straordinari in due città dove da 70 anni dominavano i partiti e gli uomini della Prima Repubblica: a Imola il Pci e poi i partiti del centrosinistra, ad Avellino la Dc". Il ministro ha espresso soddisfazione: “Due risultati che sono arrivati questa sera devono renderci molto orgogliosi: Imola e Avellino da oggi hanno due sindaci 5 Stelle: Manuela Sangiorgi e Vincenzo Ciampi”.

Di Maio: Davide ha battuto ancora Golia

"I nostri candidati con una sola lista hanno battuto delle accozzaglie di decine di liste composte da quelle persone che hanno sempre fatto il bello e il cattivo tempo in queste città. Davide ha battuto di nuovo Golia. Con una lista, pochi fondi ma tanto amore per queste città e per questo Paese”, ha commentato Di Maio. "Faccio i migliori auguri ai nostri due nuovi sindaci e ringrazio tutti gli attivisti che si sono fatti il mazzo. Siamo una squadra imbattibile”, ha concluso.

I risultati a Imola e Avellino

Ad Avellino si è imposto a sorpresa Vincenzo Ciampi, candidato M5S che ha strappato la cittadina campana finora guidata dal centrosinistra. Il M5S espugna anche Imola, governata per oltre 70 anni dal centrosinistra.

Le sconfitte a Ragusa e Terni

Il M5s ha invece perso altri due capoluoghi provinciali dove era in corsa al ballottaggio. Nel Comune di Ragusa, amministrato negli ultimi cinque anni dai pentastellati, Antonio Tringali è stato sconfitto da Giuseppe Cassì, appoggiato da liste civiche e da FdI, che ha capovolto il risultato del primo turno. A Terni Thomas De Luca è stato nettamente sconfitto da Leonardo Latini del centrodestra (63,42% a 36,58%)

Di Battista: Pd è morto

"Il Pd è morto. Ad ucciderlo non sono stati i Franceschini, le Boschi, i Renzi o i Gentiloni. Costoro sono 'comparse' già finite nell'oblio. Ad ucciderlo è stato l'atteggiamento profondamente 'borghese' ed anti-popolare che ha dimostrato in questi anni. Personalmente sono molto felice di questo tracollo". ha scritto su Facebook Alessandro Di Battista commentando i risultati. "Il presente impone un'accelerazione sui diritti economici e sociali" a partire dal "reddito di cittadinanza".

Capigruppo M5s: “Vittoria in 5 comuni su 7”

Un quadro generale è stato tracciato anche dai capigruppo del Movimento 5 Stelle di Camera e Senato Francesco D'Uva e Stefano Patuanelli: “I ballottaggi premiano il Movimento 5 Stelle. Su 7 città dove il Movimento 5 stelle era in lizza per conquistare il sindaco, in ben 5 si è registrata la vittoria del cambiamento. Si tratta di Avellino storico feudo Dc, Imolastorica 'roccaforte' emiliana del Pd, Acireale in provincia di Catania e le riconfermatissime Pomezia (Roma) dove abbiamo sfiorato il 70% ed Assemini (Cagliari) dove abbiamo raggiunto quasi il 60% dei consensi”.

Politica: I più letti