Coronavirus Sicilia: 1.967 contagiati, 187 guariti e 148 decessi

Sicilia

Da quanto emerde dai dati comunicati dalla Regione Siciliana, 630 pazienti sono ricoverati, di cui 62 in terapia intensiva, e 1.337 sono in isolamento domiciliare. I tamponi effettuati finora sono stati 31.156

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi in Sicilia 

Sono 1.967 le persone contagiate dal Covid-19 in Sicilia, 25 più di ieri, 187 sono guarite (+35) e 148 decedute (+10). Degli attuali 1.967 positivi, 630 pazienti (+1) sono ricoverati - di cui 62 in terapia intensiva (-1) - mentre 1.337 (+24) sono in isolamento domiciliare. E' quanto emerge dai dati comunicati dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale. Dall'inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 31.156 (+2.414 rispetto a ieri). Di questi sono risultati positivi 2.302 (+70).
Salgono invece a dieci gli anziani morti a causa del coronavirus nella Rsa di Villafrati Villa delle Palme. Una donna di 88 anni originaria di Marineo è deceduta stamattina nel reparto di Pneumologia dell'ospedale Civico.
“Sono 635 le persone sbarcate in Sicilia nelle ultime 24 ore”, ha spiegato il sindaco di Messina, Cateno De Luca. "Siamo stati gli unici a fornire ai siciliani il numero preciso degli ingressi. Tutti i Comuni coinvolti – ha poi aggiunto il primo cittadino parlando del sistema online che gestisce i permessi per accedere all'isola – sono stati avvisati preventivamente o in contemporanea, secondo quanto disposto dall'ordinanza. Peccato, è stata annullata una procedura di trasparenza e partecipazione, in quanto mette tutti in condizione di sapere in qualsiasi minuto quanti sono entrati e dove stanno andando”. Il sindaco di Pozzallo, Roberto Ammatuna, ha fatto invece sapere che uno dei migranti ospitati nell'hotspot è risultato positivo al coronavirus. “Chiedo urgentemente una relazione sanitaria da parte dei responsabili dal centro di provenienza del migrante e non escludo un eventuale esposto alla procura della Repubblica per accertare eventuali responsabilità oltre che una ispezione da parte dell'assessorato regionale alla Sanità”, ha detto Ammatuna (DIRETTA).

19:14 - Palermo, domani presentazione attività controllo con droni

Domani alle 12 al Foro Italico, a Palermo, di fronte piazza Kalsa, verranno presentate alla stampa le attività di controllo del territorio mediante droni. L'utilizzo di sistemi di aeromobili a pilotaggio remoto per il controllo del territorio da parte delle polizie locali è previsto da una circolare del Dipartimento di pubblica sicurezza, nell'ambito delle misure di contrasto e contenimento della diffusione del virus Covid-19. Saranno presenti il sindaco Leoluca Orlando, il vicesindaco Fabio Giambrone e il comandante della Polizia municipale Vincenzo Messina.

19:10 - Ricorso per andare dai parenti: Tar lo respinge

Voleva fare attività motoria per motivi di salute e raggiungere i parenti in Campania passando dallo Stretto. L.M., assistito dall'avvocato Filippo Vitrano, ha presentato un ricorso al Tar per chiedere la sospensione e poi l'annullamento delle ordinanze 14 del 3 aprile la 15 del 8 aprile emesse dal presidente della Regione, Nello Musumeci. Il presidente del Tar di Palermo, Calogero Ferlisi, con un suo decreto ha respinto il ricorso. "Gli aspetti di massima prudenza sanitaria e prevenzione epidemiologica che sono sottesi alle ordinanze impugnate (entro cui si inscrivono i divieti e i limiti di libera circolazione cui fa riferimento parte ricorrente), - si legge nel decreto del presidente - appaiono prevalenti rispetto agli interessi ed alla posizione giuridica della parte, essendo, i predetti aspetti, correlati sia alla ormai conclamata e progressiva situazione di emergenza epidemiologica, sia all'insularità del territorio regionale e quindi alla praticabilità di un effettivo e capillare controllo dei movimenti da e per la Sicilia".

18:45 -  In Sicilia 1.967 contagiati, 187 guariti e 148 decessi

Sono 1.967 le persone contagiate dal Covid-19 in Sicilia, 25 più di ieri, 187 sono guarite (+35) e 148 decedute (+10). Degli attuali 1.967 positivi, 630 pazienti (+1) sono ricoverati - di cui 62 in terapia intensiva (-1) - mentre 1.337 (+24) sono in isolamento domiciliare. E' quanto emerge dai dati comunicati dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale. Dall'inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 31.156 (+2.414 rispetto a ieri). Di questi sono risultati positivi 2.302 (+70).
Questa la divisione degli attuali positivi nelle varie province: Agrigento, 116 (0 ricoverati, 2 guariti e 1 deceduto); Caltanissetta, 102 (21, 5, 9); Catania, 570 (138, 47, 55); Enna, 281 (179, 16, 19); Messina, 356 (146, 24, 32); Palermo, 297 (70, 39, 15); Ragusa, 53 (11, 4, 4); Siracusa, 92 (48, 34, 9); Trapani, 100 (17, 16, 4).

17:55 - Cgil Palermo: "Chiarezza su Villa Maria Eleonora"

La Fp Cgil Palermo chiede alla direzione della casa di cura Villa Eleonora di conoscere le misure adottate per fermare il contagio e di valutare al più presto se non sia opportuno chiudere la struttura. "Chiediamo se, considerato è stato già sostituito il personale e sono stati trasferiti i pazienti risultati positivi al tampone, siano state effettuate le dovute procedure e adottate le giuste precauzioni per prevenire il propagare del contagio", scrive, in una lettera inviata alla direzione della casa di cura Rita Barranco, segretario Fp Cgil Palermo. La Funzione pubblica della Cgil, in particolar modo, chiede di sapere se sia stata fatta la sanificazione degli ambienti di tutta la struttura (come previsto dalla circolare n. 5443 del 22 febbraio 2020 del ministero della Salute) e di conoscere il risultato dei tamponi eseguiti su tutto il personale e sui pazienti attualmente ancora ricoverati. "Inoltre -aggiunge Rita Barranco - vorremmo sapere se a tutto il personale siano stati forniti dispositivi di protezione individuali e le mascherine Ffp3, secondo le indicazioni dell'Istituto superiore di sanità, e se all'interno della struttura risultano ancora dei pazienti risultati positivi e se sono stati allocati in stanze singole".

17:52 - Marsala, dimessi 6 pazienti da Covid Hospital

Sono stati dimessi dagli ospedali di Trapani e Marsala i primi pazienti covid-19 guariti e immunizzati. In particolare, sono sei i pazienti dimessi dal 'Covid hospital' di Marsala che hanno fatto rientro nelle proprie abitazioni: due provenienti da Marsala, gli altri rispettivamente da Salemi, Caltanissetta, Siculiana e Valderice. I pazienti sono stati trattati con terapia che combina l'utilizzo dilenoxaparina, idrossiclorochina e antivirale, così come previsto dal protocollo validato dalla Società italiana di malattie infettive, sono stati sottoposti tutti ad ossigenoterapia e alcuni a ventilazione ad alti flussi. Al momento a Marsala sono ricoverati 4 pazienti nel reparto dedicato Covid-19, 1 in terapia sub intensiva e 3 in terapia intensiva. Nove sono anche i pazienti guariti e prossimi alle dimissioni dall'ospedale 'Sant'Antonio Abate' di Trapani: i primi due, di Salemi e Paceco, lasceranno l'ospedale domani, mentre entro martedì è prevista la dimissione di altri 7 pazienti definiti stabili, che saranno trasferiti nella struttura 'Villa Zina' dove ultimeranno il periodo di prevista quarantena fino alla completa negativizzazione.

17:36 - Catania, Cisl Medici distribuisce gratis mascherine ai propri dottori

La segreteria provinciale della Cisl Medici di Catania sta distribuendo gratuitamente ai medici di famiglia propri iscritti un migliaio di mascherine di protezione per l'attività professionale quotidiana. "In questa emergenza - affermano i dottori Massimo De Natale e Salvo Trovato, rispettivamente segretario generale e referente provinciale per i medici di medicina generale della Cisl Medici etnea - i medici di famiglia rappresentano la prima linea di filtro tra paziente e sistema sanitario, e anche loro stanno pagando un pesante tributo come vittime dell'infezione. Purtroppo - aggiungono - sembrano essere stati dimenticati dall'Asp, perché non dipendenti seppur in regime di convenzione. Ecco perché, a questi professionisti nostri iscritti, la Cisl Medici catanese vuole farsi sentire ancora più vicina distribuendo loro un primo stock di circa 200 dispositivi in Tnt lavabile, per svolgere in serenità la propria attività". Un secondo stock di presidi, di circa 750 confezioni, sarà distribuito dopo Pasqua

17:31 - Quinta vittima nel Ragusano

Una 77enne è morta nella divisione Malattie infettive' dell'ospedale Maggiore' di Modica, punto hub per il Covid-19. Nel nosocomio è stato ricoverato un paziente proveniente da Noto e due sono stati invece dimessi.

17:30 - Asp Siracusa avvia sperimentazione domiciliare

Curare i malati Covid-19 sin dai primi sintomi e direttamente a casa. E' la strategia dell'Asp di Siracusa per potenziare le difese del sistema contro il coronavirus. Il programma sarà gestito dalle Unità speciali di continuità assistenziale che applicheranno direttamente a casa dei pazienti i piani terapeutici che medici curanti e pediatri stileranno per i propri assistiti. "Le sperimentazioni condotte in questi giorni in Emilia Romagna - si sottolinea dalla direzione sanitaria - stanno dimostrando che cominciare una terapia domiciliare precoce significa modificare in una elevata percentuale di casi l'esito della malattia, migliorando la prognosi e abbassando il numero dei ricoveri, specialmente quelli critici, col vantaggio inoltre di decongestionare gli ospedali e le terapie intensive. La soluzione è attaccare la malattia sul territorio e decongestionare gli spedali. La Società italiana di malattie infettive e la Società italiana di medicina generale hanno validato la sperimentazione pubblicando il protocollo condiviso di Terapia domiciliare precoce per pazienti Covid".

17:20 - Catania, Pasqua a casa per 5 pazienti del Cannizzaro

Trascorreranno la Pasqua a casa cinque pazienti con Coronavirus che erano ricoverati all'ospedale Cannizzaro di Catania: sono guariti clinicamente e virologicamente e sono stati dimessi oggi dall'Unità operativa di Malattie infettive. Il più giovane ad avere lasciato il nosocomio è un 39enne di un comune dell'hinterland. "Rinnovo il mio ringraziamento a tutto il personale sanitario, tecnico e amministrativo - afferma il direttore generale, Salvatore Giuffrida - per l'impegno che ha profuso e che saprà continuare ad assicurare in questi giorni e in futuro: le notizie di guarigione e di dimissione possano essere per tutti noi fattore di fiducia e di motivazione. Con quelli di oggi, salgono a 21 i pazienti dimessi dal Cannizzaro a domicilio o nella struttura convenzionata con l'Asp per l'isolamento domiciliare".

16:22 - Sindaco Porto Empedocle: "Città chiusa a sbarchi"

"Ora basta! Finché durerà l'emergenza sanitaria del Coronavirus il porto di Porto Empedocle (in provincia di Agrigento) non assicura i necessari requisiti per la classificazione e definizione di place of safety (porto sicuro)". Lo afferma il sindaco Ida Carmina, che ha firmato un'ordinanza trasmessa al ministro dell'Interno, alla Prefettura e alla Questura di Agrigento, al presidente della Regione Sicilia. "E' vietato pertanto - si legge nel provvedimento - lo sbarco e il transito di qualsivoglia migrante visto che c'è l'impossibilità di individuare la possibile insorgenza di patologie derivanti da genti virali trasmissibili con particolare riferimento al Covid-19". A Porto Empedocle è passato, proveniente da Lampedusa, anche il migrante egiziano di 15 anni positivo, ospite dell'hot spot di Pozzallo (Ragusa). Nel paese dell'Agrigentino ci sono, al momento, cinque casi di coronavirus.

16:01 - Catania, uova di pasqua da carabinieri a ricoverati in Pediatria

I carabinieri del comando provinciale di Catania hanno espresso la loro vicinanza a tutti i bambini ricoverati nei reparti di Pediatria degli ospedali dell'intera provincia etnea e al personale sanitario che si occupa di loro. Rappresentanze di militari dell'Arma hanno incontrato all'esterno dei presidi ospedalieri di Catania Acireale, Caltagirone e di Bronte i direttori sanitari e i responsabili dei reparti di Pediatria, consegnando uova pasquali per i piccoli pazienti e colombe al personale sanitario. I carabinieri hanno "augurato a tutti i bambini di risolvere i problemi di salute ritornando presto nelle loro famiglie, ringraziato i medici e gli infermieri che festeggeranno la Santa Pasqua al servizio dei piccoli degenti".

15:30 - Palermo deserta vista dall'elicottero dei carabinieri

Dal centro alle periferie, dal parco della Favorita al Golfo di Mondello, Palermo appare come una città deserta vista dall’alto, a bordo di un elicottero dei carabinieri durante uno dei quotidiani controlli da parte delle forze dell’ordine per garantire il rispetto delle misure anti coronavirus. Nelle vie cittadine non circola nessuno, così come lungo l’itinerario arabo normanno, solitamente affollato da turisti. Davanti ai monumenti le strade e le piazze sono vuote.

15:03 - Cefalù, tamponi su personale e pazienti Fondazione Giglio

Il personale della 'Fondazione Giglio' di Cefalù e tutti i pazienti che dovranno essere ricoverati saranno sottoposti al tampone per individuare eventuali positivi al Coronavirus. Lo ha deciso il presidente dell'ente, Giovanni Albano, "per rafforzare e mettere ancor di più in sicurezza l'ospedale prevenendo eventuali contagi". Da circa un mese 'Fondazione Giglio' aveva già contingentato gli ingressi vietandoli ai familiari dei pazienti ricoverati e consentendo l'accesso solo dopo la misurazione della temperatura e l'igienizzazione delle mani. "Ci siamo dotati - ha aggiunto il presidente Albano - di tutte le tecnologie necessarie per allestire un laboratorio di biologia molecolare". Il laboratorio molecolare potrà sviluppare 100 tamponi al giorno nell'arco di sei ore.

15:02 - Uova pasquali e dolci per ospedale Partinico

Uova pasquali dell'azienda 'I Peccatucci di mamma Andrea' e prodotti dolciari della 'Fiasconaro' di Castelbuono sono il segno dell'attenzione delle due aziende nei confronti degli operatori dell'Asp di Palermo impegnati in prima linea nel 'Covid Hospital' di Partinico. Le uova pasquali verranno consegnate domani mattina, così come i prodotti Fiasconaro. "Ringraziamo per la generosità le due aziende, così come ringraziamo tutte le persone e le strutture che ci stanno dimostrando la loro vicinanza - ha detto il direttore generale dell'Asp di Palermo, Daniela Faraoni - la consegna delle uova e delle colombe pasquali serve anche a creare un momento di normalità in una situazione straordinaria nella quale siamo costretti a vivere".

14:46 - Palermo, 22 positivi in clinica Maria Eleonora

Sono 22 le persone positive al coronavirus nel focolaio della clinica Maria Eleonora Hospital a Palermo. Sono stati controllati 146 tamponi. Ne mancano ancora un centinaio. I dati sono forniti dalla Regione. I tamponi sono fatti a 54 pazienti e a 150 tra fornitori e personale sanitario. In questa prima fase da controllare saranno circa 350 persone considerando anche i parenti dei pazienti che sono venuti a contatto all'interno della clinica. "Al momento l'intera struttura rimane in quarantena preventiva - spiegano dalla direzione dell'ospedale - in attesa dei referti ufficiali". Lo scorso 30 marzo l'ospedale si era reso disponibile a svolgere attività di cardiochirurgia e chirurgia vascolare in urgenza su pazienti provenienti dal pubblico con équipe interna. La struttura, inoltre, ha messo a disposizione 30 posti letto non Covid-19, in modo da ridurre la pressione sulle strutture pubbliche mediante trasferimento e presa in carico di pazienti di degenza ordinaria.

14:33 - Asp Catania attiva sportello sotegno psicologico

Attivo da oggi lo sportello di Sostegno psicologico dedicato agli operatori sanitari direttamente coinvolti nella cura e nell'assistenza, agli operatori del 118, della protezione civile, delle forze dell'ordine e ai volontari. Lo sportello, organizzato e promosso dall'Uoc Servizio di Psicologia dell'Asp di Catania, è finalizzato al contenimento delle problematiche psicologiche degli operatori che lavorano in prima linea nel contrastare l'epidemia da Covid-19 e che quotidianamente sono esposti al dolore dei pazienti che vivono la malattia in isolamento ed in solitudine, al dolore dei familiari che perdono i loro cari, alla paura di essere contagiati o di contagiare i propri cari al rientro in famiglia. La consulenza psicologica viene erogata attraverso un intervento di assistenza telefonica, comunque coperto dal segreto professionale, o anche via e-mail su richiesta dell'interessato. Gli operatori, ai quali è rivolto il servizio, potranno contattare gli specialisti psicologi, ai recapiti telefonici sotto indicati, tutte le mattine dalle ore 8.00 alle ore 14.00 e nei pomeriggi dal lunedì al giovedì, dalle ore 15.00 alle ore 19.00, secondo il calendario di rientro pomeridiano di ciascun servizi.

14:02 - Gdf Catania sequestra 161 flaconi di gel non certificato

Proseguono i controlli della Guardia di Finanza del comando provinciale di Catania sul rispetto delle norme per il contenimento del Covid-19. In una settimana sono state controllate 774 persone e 496 esercizi commerciali, sanzionando 59 cittadini e 6 negozianti. Militari delle Fiamme gialle della Tenenza di Acireale ha denunciato un commerciante di Trecastagni e sequestrato 161 flaconi di igienizzante venduto come disinfettante e biocida, pur non avendo ottenuto la relativa certificazione dalle competenti autorità di controllo.

13:55 - Confindustria Catania dona 2 ventilatori e defibrillatore al Cannizzaro

Confindustria Catania ha donato due ventilatori polmonari meccanici da trasporto e un defibrillatore completo all'ospedale Cannizzaro di Catania e mascherine FFP2, tute per la protezione individuale e un dispositivo ozonizzatore alla onlus Misericordia Porto. "La solidarietà e il sostegno ai pazienti e alle fasce più deboli non possono fermarsi - spiega il presidente degli industriali etnei, Antonello Biriaco - e in questo momento così difficile abbiamo sentito il dovere di dare un contributo concreto sostenendo le attività di cura e assistenza ai malati che stanno impegnando senza sosta medici, infermieri e volontari ai quali va il ringraziamento di tutti noi. Anche il più piccolo contributo, oggi più che mai, può risultare fondamentale per fronteggiare l'onda d'urto causata da questa terribile epidemia". "I ventilatori sono destinati ai pazienti Covid-19 che richiedono una intensità medio-alta di cure - spiega il direttore generale dell'azienda ospedaliera Cannizzaro, Salvatore Giuffrida - e vanno a integrare le dotazioni che stiamo mettendo in campo per offrire la migliore assistenza ai pazienti. A loro nome, e dando voce a tutti i nostri operatori, esprimo profonda riconoscenza a Confindustria Catania per questo atto di generosità".

13:33 - Migrante positivo a Pozzallo: è un 15enne

E' un 15enne egiziano sbarcato nei giorni scorsi a Lampedusa e poi trasferito tramite Porto Empedocle il migrante dell'hotspot di Pozzallo risultato positivo al Covid-19. Lo si apprende dal sindaco del centro del Ragusano, Roberto Ammatuna, che con una propria ordinanza ha disposto la quarantena della struttura. Il primo cittadino annuncia anche la presentazione di un esposto alla Procura di Agrigento per "capire che tipo di controlli medici sono stati eseguiti nei confronti dei migranti" e sollecita l'intervento dell'assessore regionale Ruggero Razza "per le sue competenze" sul caso e sugli sbarchi. Ammatuna chiede si facciano, per precauzione, i tamponi a tutti gli operatori, "anche se sono tutti dotati di Dpi". Il ragazzino, arrivato ieri, è stato messo subito in isolamento dal medico dell'hotspot che lo ha trovato con 38 di febbre e una congiuntivite. Insospettito ha fatto fare il tampone, risultato poi positivo

12:51 - Barbecue in cortile, una denuncia e 5 sanzioni a Caltanissetta

Aveva organizzato un barbecue nel cortile di casa a Caltanissetta con quattro vicini e all'arrivo della polizia ha inveito con gli agenti intervenuti. L'uomo è stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale e assieme ai suoi quattro commensali sanzionato per violazione delle misure di contenimento del Covid-19.

12:17 - Sindaco Enna revoca apertura villa comunale

Il sindaco di Enna, Maurizio Dipietro ha revocato l'ordinanza con la quale consentiva l'accesso alla villa comunale Torre di Federico a bambini o persone disabili, affette da autismo e altre patologie neurosensoriali. L'annullamento dopo che il prefetto di Enna, Matilde Pirrera aveva, in una nota, richiamato una circolare di ieri del Dipartimento di Protezione Civile della Regione Siciliana che vieta l'accesso del pubblico ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici, rammentando che le ordinanze autorizzative, contrarie a queste prescrizioni, sono inefficaci e vanno revocate. Il sindaco aveva concesso l'ingresso alla villa per 30 minuti al giorno e per massimo di 6 persone alla volta, tre utenti e tre accompagnatori fino al 2 maggio. "Resta ferma la possibilità per le persone affette da disabilità intellettive e/o relazionali, con l'assistenza di un accompagnatore, di svolgere una breve passeggiata giornaliera in prossimità della propria residenza o domicilio, come già riconosciuto dall'Ufficio per le politiche in favore delle persone con disabilità, istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri" scrive il prefetto.

12:06 - Deceduta un’anziana, era in Rsa di Villafrati

Salgono a dieci gli anziani morti a causa del coronavirus nella Rsa di Villafrati Villa delle Palme. Una donna di 88 anni originaria di Marineo è deceduta stamattina nel reparto di Pneumologia dell'ospedale Civico. L'anziana, come per iprecedenti casi, aveva un quadro clinico molto delicato e altre patologie.

12:04 - Focolaio in clinica Maria Eleonora Palermo: pazienti trasferiti

In attesa dell'esito dei 204 tamponi eseguiti in questi giorni, oggi saranno spostati i 13 pazienti positivi al Covid 19 nella clinica Maria Eleonora a Palermo. Saranno portati negli ospedali Covid di Palermo tra il Cervello, Civico, Policlinico e Partinico. Gli altri pazienti che al momento risultano negativi restano in clinica. Dopo tre giorni ininterrotti di lavoro medici e infermieri che si trovavano nella clinica quando è scoppiato il focolaio stanno lasciando la struttura sostituiti da altro personale. Per loro l'Asp sta rilasciando dei certificati di isolamento in casa per i prossimi 14 giorni in attesa anche del secondo tampone. Qualcuno dei 27 dipendenti tra amministrativi, medici e infermieri ha chiesto di andare al San Paolo Palace per non mettere a rischio i familiari durante la quarantena. Spetterà all'Azienda sanitaria capire come si possa essere sviluppato il focolaio. C'è da comprendere se siano stati rispettate misure di sicurezza e se ci sia stata la presenza dei visitatori e dei parenti dei pazienti dentro la struttura. "Fin dall'inizio dell'emergenza - hanno fatto sapere dalla clinica - era stato istituito all'ingresso un triage per operatori sanitari e utenti, con la piena applicazione di tutte le linee guida internazionali, nazionale e regionali previste. In base alle direttive regionali e nazionali emanate, la struttura mantiene in essere solo le attività di emergenza e urgenza, con professionisti dedicati”. 

11:40 - Azienda: "Da abiti su misura alle mascherine"

Dagli abiti su misura alle mascherine di protezione contro il Coronavirus il passo è stato breve per l'azienda Infantino di Misilmeri, nel Palermitano. Grazie all'installazione di due macchine elettrosaldanti donate dall'Enel, la produzione è già partita, dopo aver superato tutti i test governativi, destinata interamente alla Protezione civile. La trasformazione degli impianti in tempi brevissimi è stata possibile grazie al supporto di università, istituzioni regionali e imprese di logistica che hanno aderito all'iniziativa.

11:10 - Casa di cura etnea, tutti positivi ma asintomatici

A eccezione di due anziani negativi, sono risultati positivi, ma asintomatici, tutti gli altri 10 ospiti di un casa di cura di San Giovanni La Punta, nel Catanese. Il personale positivo e asintomatico, in tutto quattro persone, è stato posto in quarantena obbligatoria nella struttura. Un dipendente risultato negativo è stato esonerato dal servizio mentre il resto del personale, che non era al lavoro, è stato posto in quarantena a casa. Lo ho reso noto il sindaco Antonino Bellia dopo avere appreso gli esiti dei tamponi eseguiti e ricordando che "la struttura è stata presa in carico dall'Azienda sanitaria provinciale (Asp) di Catania che vigila sull'attuazione del protocollo previsto". 

10:29 - Distribuiti 2 milioni di mascherine dalla Regione

Oltre due milioni di mascherine per case di riposo, case di cura private, residenze sanitarie assistenziali, comunità terapeutiche assistite, farmacie, guardie mediche, operatori delle unità speciali, medici di famiglia e pediatri sono state distribuite dalla Protezione civile in tutte le nove province dell'Isola, su disposizione del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci. I dispositivi di protezione sono principalmente del tipo chirurgico, mentre 120mila pezzi appartengono alla categoria Ffp2. Altre 250mila mascherine, sempre tramite la Protezione civile regionale, sono andate alle associazioni di categoria del settore alimentare, affinché riforniscano tutti gli operatori che giornalmente hanno contatti con la clientela. La nuova ordinanza firmata mercoledì sera da Musumeci prevede, infatti, che "negli esercizi commerciali di vendita e distribuzione di generi alimentari, anche all'aperto, gli operatori siano tenuti all'uso costante di mascherina e all'utilizzo di guanti monouso”. 

10:15 - A Pasqua 36 artisti siciliani si esibiscono per il Papa

Un concerto di Pasqua on line dedicato a Papa Francesco verrà trasmesso in diretta domenica alle ore 16 sul sito concertodipasqua.it, e vedrà l'esibizione di 36 artisti siciliani che vivono in diverse località italiane e hanno registrato all'interno delle loro abitazioni. Tra di loro musicisti, attori, ballerini e una pittrice che nel corso del Concerto realizzerà un'opera sulla Risurrezione, in diretta, che sarà inviata successivamente a Papa Francesco. Nell'home del sito è già attivo un countdown che porta all'appuntamento e i nomi dei 36 artisti che daranno vita al concerto. Ad idearlo è stata la pianista Liana D'Angelo.

10:12 - Ordinanza chiusura parco Favorita a Palermo

È stata resa nota l'ordinanza comunale finalizzata a contrastare l'utilizzo improprio del Parco della Favorita e della Riserva di Monte Pellegrino, a Palermo, che limita la circolazione veicolare e pedonale dal 10 al 14 aprile. In particolare saranno chiusi al transito veicolare e pedonale i varchi e le piccole strade del Parco della Favorita che collegano il Viale Diana con il Viale Ercole dalle ore 12 di oggi alle ore 7 di martedì 14 aprile.

10:06 - Sequestrato detergente venduto come sanificante a Carini

Liquido detergente venduto come sanificante contro il coronavirus "senza che ne fossero state preventivamente verificate le reali qualità biocide". È quanto rende noto la guardia di finanza, che ha sequestrato 144 confezioni di prodotto in un negozio a Carini e ha denunciato per fronde in commercio il titolare dell'impresa fornitrice, con sede a Bronte. 

9:44 - Muore dipendente del tribunale a Caltanissetta

Questa mattina è morto all'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta un uomo di 54 anni, dipendente del tribunale di Caltanissetta, risultato positivo al tampone. Era ricoverato in terapia intensiva Covid-19 dove era arrivato il 26 marzo per una grave polmonite interstiziale e insufficienza respiratoria. Da subito intubato non si era mai più ripreso. Si tratta della nona vittima di Coronavirus in provincia di Caltanissetta dall'inizio dell'epidemia.

9:18 - Vittoria, patto di solidarietà diffusa

Una convenzione tra il comune di Vittoria e la Caritas diocesana di Ragusa è stata sottoscritta per la realizzazione del progetto 'patto di solidarietà diffusa'. Si tratta di un piano per aiutare tutte le persone in difficoltà anche economiche. "In una situazione di particolare crisi - dice il commissario prefettizio Filippo Dispenza - non solo economica, come quella che stiamo vivendo, non bisogna dimenticarsi delle fragilità sociali, non bisogna lasciare indietro nessuno ed a tutti deve essere garantito un minimo e necessario sostentamento. Così ho ricevuto il pieno appoggio del vescovo di Ragusa, Carmelo Cuttitta". L'iniziativa consiste nel dare aiuti tangibili a tutte le famiglie e le persone in difficoltà, compresi i cittadini extracomunitari regolari e non, presenti sul territorio del Comune di Vittoria, attraverso le donazioni di derrate alimentari, farmaci nei casi previsti e necessari e generi di prima necessità. Al patto di solidarietà diffuso hanno già aderito la San Vincenzo de Paoli e la fondazione del 'Buon Samaritano' di don Beniamino Sacco.

8:41 - Migrante positivo all'hotspot di Pozzallo

Uno dei 50 migranti presenti nell'hotspot di Pozzallo è risultato positivo al coronavirus. Lo rende noto il sindaco Roberto Ammatuna, informato nella notte. Il tampone era stato eseguito prontamente dal medico responsabile dell'hotspot perché ai controlli sanitari si evidenziava una temperatura di 38 gradi circa. Si teme un possibile focolaio. "Ho chiesto un incontro in prefettura nella mattinata di oggi - spiega il sindaco - per stabilire il da farsi". L'appuntamento è fissato per le 10. "In ogni caso, chiedo urgentemente una relazione sanitaria da parte dei responsabili dal centro di provenienza del migrante e non escludo un eventuale esposto alla procura della Repubblica per accertare eventuali responsabilità oltre che una ispezione da parte dell'assessorato regionale alla Sanità".

8:13 - Musumeci: “Favorevole a confermare una linea di rigore”

Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, ha partecipato, in videoconferenza, alla riunione della 'cabina di regia' tra Governo e Regioni con il premier Giuseppe Conte per l'emergenza coronavirus. Nel suo intervento, il presidente ha detto di essere "favorevole a confermare la linea del rigore e della fermezza, concordando con Palazzo Chigi la proroga fino al 3 maggio delle attuali restrizioni", procedendo solo "successivamente a una riapertura parziale e graduale delle attività". Tra le proposte fatte, anche quella di valutare la ripartenza dei cantieri stradali che garantiscano il distanziamento sociale "se a maggio i numeri dei contagi ci daranno ragione". Musumeci ha aggiunto: "Sono lavori che possono essere svolti anche con una riduzione dei disagi per gli utenti, visto che le strade sono deserte". Un altro tema è l'autorizzazione alle attività di prevenzione degli incendi boschivi, in vista dell'estate. Infine il governatore ha chiesto a Conte "la possibilità di inserire nel prossimo decreto una semplificazione delle procedure di gara per la distribuzione alle famiglie delle risorse stanziate dalla Regione Siciliana ai Comuni". Alla videoconferenza ha partecipato anche l'assessore alla Salute Ruggero Razza, i ministri degli Affari regionali Francesco Boccia e della Salute Roberto Speranza, oltre a una delegazione dei Comuni e delle Province italiane.

8:10 - Sindaco di Messina: “635 sbarcati dallo Stretto in 24 ore”

Sono 635 le persone sbarcate in Sicilia nelle ultime 24 ore: 568 pendolari (di cui 94 in auto e 474 a piedi); 67 viaggiatori (di cui 58 in auto e 9 a piedi). Del totale dei soggetti sbarcati, 573 avevano fatto richiesta preventiva, 62 erano senza. Le province di destinazione dei viaggiatori sono rispettivamente: Agrigento (3); Caltanissetta (3); Catania (15); Messina (16); Palermo (15); Ragusa (2); Siracusa (8); Trapani (5). "Al netto dei 4 traghetti e 4 aliscafi che ieri sono passati dallo Stretto di Messina, questi sono i dati complessivi rilasciati dalla piattaforma online 'Si passa a condizione che' al termine della giornata", ha spiegato il sindaco di Messina, Cateno De Luca. "Siamo stati gli unici a fornire ai siciliani il numero preciso degli ingressi in Sicilia. Nessuna autorità dopo un mese di controlli è stata nelle condizioni di fornire in tempo reale questi dati - ha aggiunto - Tutti i Comuni coinvolti sono stati avvisati preventivamente o in contemporanea, secondo quanto disposto dall'ordinanza. Peccato, è stata annullata una procedura di trasparenza e partecipazione, in quanto mette tutti in condizione di sapere in qualsiasi minuto quanti sono entrati e dove stanno andando. Se adottata anche a livello regionale, i siciliani saranno più tranquilli e si potrà garantire un controllo certo".

8:07 - Palermo, guariti i bimbi ricoverati al Di Cristina

Sono tutti guariti i bimbi ricoverati presso l'ospedale Di Cristina di Palermo perché positivi al Coronavirus. ieri, infatti, è stato dimesso anche l'ultimo piccolo paziente del nosocomio palermitano che, come da prassi, ha effettuato il doppio test del tampone che ha dato esito negativo. Lo fa sapere all'assessorato regionale alla Salute la direzione dell'Azienda sanitaria ospedaliera Civico di Palermo.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.