Maltempo Campania, forti piogge: strade come fiumi nel Casertano

Campania
©Ansa

Situazione molto difficile nell'area dei comuni di Calvi Risorta, Pietramelara, dove tutte le strade d'accesso ai paesi e quelle interne sono impraticabili per l'acqua alta: i sindaci in tutta fretta stamani hanno dovuto chiudere le scuole

Strade ridotte a corsi d'acqua, auto in panne e persone salvate, alberi caduti, negozi allagati e disagi senza fine. È il bilancio del maltempo delle ultime ore nel Casertano. Situazione molto difficile nell'area dei comuni di Calvi Risorta, Pietramelara, dove tutte le strade d'accesso ai paesi e quelle interne sono impraticabili per l'acqua alta: i sindaci in tutta fretta stamani hanno dovuto chiudere le scuole. Problemi anche nel vicino comune di Pignataro Maggiore e nel resto della provincia. (IL METEO IN CAMPANIA)

Gli allagamenti nel Casertano

L'ondata di maltempo ha causato allagamenti nel territorio della provincia di Caserta, dove si sono registrate esondazioni del fiume Volturno in più punti. Tutte le associazioni di volontariato dei comuni interessati sono impegnate attivamente dalla scorsa notte a ritmo continuo. In aggiunta, la Sala operativa regionale ha attivato ulteriori squadre di altre zone della Campania. Sono oltre 40 i volontari del sistema della Protezione civile giunti nei comuni del Casertano dalle altre province della Campania. Le maggiori criticità si sono registrate, secondo i dati forniti dalla Sala operativa regionale, a Calvi Risorta, Pietramelara e Alife, dove risultano completamente sommerse dall'acqua alcune sedi stradali e vani terranei. Le squadre stanno intervenendo con mezzi speciali dotati di idrovore, per contribuire ad asportare gli ingenti quantitativi di acqua e fango che stanno invadendo il territorio. Altre situazioni critiche si registrano alla stazione di Mondragone.

Gli interventi dei pompieri

Sono quasi un centinaio gli interventi effettuati dai Vigili del Fuoco che sono dovuti intervenire più volte con i gommoni per salvare persone in difficoltà e mezzi in avaria nell'acqua alta. Tante anche le case e le attività commerciali allagate, in un'abitazione di Calvi Risorta, una donna è stata tratta in salvo dai Vigili del Fuoco, che l'hanno tirata fuori dalla casa invasa dal fango. Numerosi i camion e le auto rimasti in panne, con i conducenti salvati dai gommoni del nucleo "Soccorso Fluviale" dei Vigili del Fuoco di Caserta.

Grandinata a Napoli, coltre bianca in strade

Invece, su Napoli si è abbattuta un'abbondante grandinata. Una coltre bianca si è depositata in diverse zone della città, sia a terra sia sulle auto. Da ieri la città è interessata da un'ondata di maltempo, con forti venti e piogge. In tutta la regione è stata prorogata l'allerta meteo di colore giallo fino alle 16 di domani.

Collegamenti difficili per Ischia e Procida

Il mare molto mosso da stanotte ha provocato la soppressione di numerosi collegamenti marittimi da e per le isole di Ischia e Procida. Fermi del tutto gli aliscafi per Napoli, sono state cancellate anche alcune corse operate da navi per il porto del capoluogo come pure diversi collegamenti dei traghetti da Procida per Pozzuoli e viceversa. Le condizioni del mare dovrebbero restare pressochè immutate anche per il resto della giornata rendendo di conseguenza a rischio la regolarità dei trasporti marittimi per le due isole.

Nell'Avellinese evacuati tre anziani

Violenti temporali, vento forte e nevicate in montagna in Irpinia hanno concesso soltanto una breve tregua nella tarda mattinata. La situazione più preoccupante si è verificata nella frazione Celzi del comune di Forino (Avellino) dove la Protezione Civile ha provveduto alla evacuazione di tre persone anziane che sono state trasferite presso una struttura comunale. Il livello dell'acqua ha superato il metro, impedendo alle quindici famiglie che sono rimaste nella frazione di poter uscire di casa. I volontari, a bordo di un gommone, hanno provveduto a recapitare medicinali e beni di prima necessità. Da decenni la frazione Celsi finisce puntualmente sott'acqua a causa del mancato adeguamento dell' "inghiottitoio" per far defluire l'acqua piovana dalla piana. Maltempo che ha causato ore d'ansia per quattro giovani tra i 19 e i 26 anni della provincia di Salerno che sono rimasti bloccati a causa della neve a bordo del loro Suv in una zona impervia dei Monti Picentini, ad alcuni chilometri dall'Altopiano del Laceno, in territorio del comune di Bagnoli Irpini. Soltanto dopo alcune ore, i giovani sono riusciti a fornire le coordinate della loro posizione ai carabinieri che dopo averli individuati li hanno tratti in salvo.

Napoli: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24