Elezioni Usa 2020, quali sono gli swing states da cui potrebbe dipendere l'esito del voto

Mondo
©Getty
COLUMBIA, SC - JUNE 09: Voters cast ballots at a polling station at Dreher High School on June 9, 2020 in Columbia, South Carolina. Georgia, Nevada, North Dakota, South Carolina and West Virginia hold primaries today.  (Photo by Sean Rayford/Getty Images)

Florida, Arizona, Ohio e Georgia sono solo alcuni degli Stati "viola", quelli dove gli elettori non hanno una prevalenza di preferenze politiche così netta. Il 3 novembre potrebbero risultare determinanti per l'elezione del nuovo presidente americano

Alle elezioni americane del 3 novembre (LO SPECIALE) i due candidati presidente devono cercare di ottenere la maggioranza dei voti nei 50 stati Usa. Alcuni di questi, storicamente, hanno una spiccata preferenza per i Democratici di Joe Biden, altri per i Repubblicani di Donald Trump. Un terzo gruppo, invece, è considerato il vero "campo di battaglia" elettorale: si tratta degli swing states, gli stati in bilico, che non sono né rossi né blu (i colori classici rispettivamente dei Repubblicani e Democratici), ma viola. 

Gli stati storicamente in bilico

approfondimento

Lo speciale Elezioni Usa

Nel gruppo degli swing states per le prossime elezioni presidenziali ci sono Arizona,  Florida, Georgia, Maine, Michigan, Minnesota, Nebraska, Nevada, New Hampshire, North Carolina, Ohio, Pennsylvania, Wisconsin e Texas. Questi sono Stati dove il margine di vittoria del candidato alle ultime elezioni è stato del 5% (o al di sotto), dato che indica un margine di vittoria molto incerto che potrebbe riproporsi quest'anno. Alcuni stati vengono considerati da sempre "viola", come l'Ohio e la Florida, infatti nelle tornate elettorali degli ultimi 40 anni hanno spesso cambiato colore, determinando a volte l'esito finale delle urne. 

 

Gli stati in bilico nelle ultime elezioni

approfondimento

Elezioni Usa, elefante e asino: la storia dei simboli dei due partiti

Tra gli swing states, di recente, è entrato nel gruppo l'Arizona essendo stata vinta 10 volte dai Repubblicani e una sola dai Democratici. Mentre il Minnesota è andato sempre ai democratici, ma secondo molti sondaggi quest'anno potrebbe essere vinto da Trump. Nel 2016, proprio Trump conquistò ben 11 degli swing states, un passaggio decisivo per la sua vittoria finale su Hillary Clinton. 

Come funzionano le elezioni

approfondimento

Elezioni Usa 2020, i programmi elettorali a confronto

Il 3 novembre gli elettori americani devono scegliere, in tutti i 50 Stati, tra il candidato democratico e quello repubblicano. Dopo il loro voto sarà il momento di quello dei grandi elettori, che determineranno attraverso il collegio il nome del prossimo presidente degli Stati Uniti. L'esito ufficiale delle elezioni si saprà solo a gennaio 2021 e il 20 dello stesso mese ci sarà l'insediamento alla Casa Bianca.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.