Iran, comandante Pasdaran ammette: “Oltre 300 morti nelle proteste”

Mondo
©Getty

Una cifra, quella ammessa dal regime, di gran lunga più bassa di quella fornita da Human Rights Activists, secondo cui ci sarebbero 451 morti tra i manifestanti e 60 tra le forze dell'ordine, mentre sarebbero state arrestate oltre 18mila persone

ascolta articolo

Sarebbero oltre 300 le persone morte in Iran dall’inizio delle proteste iniziate due mesi e mezzo fa dopo la morte di Masha Amini, giovane donna curda accusata di aver violato il rigido codice di abbigliamento femminile. "Non ho le statistiche più recenti, ma credo che a causa di questo incidente abbiamo avuto più di 300 martiri e persone uccise", ha detto Amirali Hajizadeh, comandante della Forza Aerospaziale delle Guardie Rivoluzionarie, riferendosi alle forze dell'ordine e ai manifestanti.

La dichiarazione ufficiale

approfondimento

Iran, 700 detenuti liberati dopo vittoria col Galles ai Mondiali 2022

Si tratta, di fatto, della prima dichiarazione ufficiale da parte di Teheran. Secondo il generale Ali Hajizadeh, tra i morti ci sarebbero anche molti iraniani che non erano coinvolti direttamente nelle proteste. La cifra delle vittime ammesse dal regime è comunque di gran lunga più bassa di quella fornita da Human Rights Activists in Iran, secondo cui ci sarebbero 451 morti tra i manifestanti e 60 tra le forze dell'ordine, mentre sarebbero state arrestate oltre 18mila persone.

Mondo: I più letti