Il Venezuela libera 7 americani in cambio di 2 nipoti di Maduro detenuti in Usa

Mondo

Il presidente degli Stati Uniti ha annunciato il ritorno dei prigionieri "dopo anni di ingiusta detenzione". Cinque di loro alti dirigenti della Citgo, una sussidiaria della società petrolifera statale Petroleos. In cambio, gli Stati Uniti hanno rilasciato Franqui Flores e suo cugino, Efraín Campo, parenti di Cilia Flores, moglie del presidente venezuelano

ascolta articolo

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato il rilascio di sette cittadini statunitensi imprigionati in Venezuela. Gli americani sono stati rilasciati in cambio di due nipoti di Cilia Flores, moglie del presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, accusata di traffico di droga. "Oggi, dopo anni di ingiusta prigionia in Venezuela, riportiamo a casa Jorge Toledo, Tomeu Vadell, Alirio Zambrano, José Luis Zambrano, José Pereira, Matthew Heath e Osman Khan", ha detto Biden in una dichiarazione ufficiale della Casa Bianca. Il presidente ha ringraziato i funzionari del governo Usa che hanno reso possibile il rilascio e ha ribadito il suo impegno a garantire la liberazione anche di tutti gli altri americani ingiustamente detenuti. La svolta è arrivata dopo che in giugno una delegazione governativa americana di alto livello era andata in Venezuela per discutere anche questo dossier.

I nipoti della moglie di Maduro arrestati nel 2015

leggi anche

È morto Camilo Guevara March: era figlio del guerrigliero 'Che'

Poco dopo le dichiarazioni del presidente Usa, anche governo di Caracas ha annunciato il rilascio di due venezuelani detenuti negli Stati Uniti. Si tratta di due nipoti della moglie di Nicolas Maduro, secondo quanto riporta Infobae. Franqui Flores e suo cugino Efraín Campo erano stati arrestati ad Haiti in un'operazione della Drug Enforcement Administration nel 2015 e immediatamente portati a New York per essere processati. Erano stati condannati l'anno successivo. Joe Biden ha approvato lo scambio di prigionieri con Caracas alcune settimane fa, prendendo la "decisione difficile e dolorosa" che il rilascio dei due venezuelani era essenziale per garantire la libertà dei detenuti americani. Lo ha riferito un alto dirigente dell'amministrazione Usa in un briefing telefonico.

Geltzer: "Lieti di aver riportato americani imprigionati ingiustamente"

leggi anche

Guerra in Ucraina, Biden: "Non ci faremo intimidire da minacce Putin"

"Siamo lieti di poter riportare alle loro famiglie sette americani che sono stati ingiustamente imprigionati per troppo tempo in Venezuela", ha affermato il sottosegretario alla sicurezza interna Joshua Geltzer, citato da Politico. Cinque di questi americani sono ex direttori della compagnia petrolifera Citgo, arrestati nel novembre 2017. Citgo è una filiale della Pdvsa di proprietà statale ed è controllata dal autoproclamato presidente in carica del Venezuela, il leader dell'opposizione Juan Guaidó. Fra gli altri, è stato rilasciato anche Matthew Heath, un ex marine del Tennessee arrestato nel 2020 in Venezuela per presunti crimini legati alle armi. Osman Khan, originario della Florida, è stato arrestato a gennaio per essere entrato illegalmente in Colombia.

Mondo: I più letti