Blitz Fbi nella sua villa in Florida, Trump: "Spero gli agenti non abbiano piazzato prove"

Mondo
©Ansa

Il Bureau ha avvertito il Secret Service un'ora prima dell’esecuzione della perquisizione, come riporta la Cnn citando alcune fonti. L'ex presidente ha in mano il mandato e quindi, insieme ai suoi legali, è fra i pochi a sapere con esattezza cosa l'Fbi cercasse, forse - scrive il Washington Post - documenti governativi. Intanto il tycoon ha deciso di non rispondere nell'interrogatorio sotto giuramento per l'indagine sulle dichiarazioni al Fisco della Trump Organization: "Caccia alle streghe politicamente motivata"

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulle notizie dal mondo

 

Emergono nuovi dettagli sul blitz dell’Fbi nella residenza di Donald Trump in Florida. Il Bureau ha avvertito il Secret Service un'ora prima dell’esecuzione della perquisizione, come riporta la Cnn citando alcune fonti. L'ex presidente ha in mano il mandato e quindi, insieme a suoi legali, è fra i pochi a sapere con esattezza cosa l'Fbi cercasse. Nel corso del blitz sono state sequestrate 10 scatole di materiale. L'Fbi ha vietato allo staff e ai legali di Trump di avvicinarsi e assistere al "raid a Mar-Lago. A tutti è stato chiesto di lasciare la proprietà", ha detto l'ex presidente. Gli agenti "volevano restare soli senza alcun testimone che vedesse cosa stavano facendo, prendendo o, speriamo di no, piazzando delle prove - ha aggiunto Trump - Perché hanno insistito a non avere nessuno? Nessun raid c'è mai stato per Obama o Clinton nonostante le grandi dispute che avevano".

Accertamenti su carte consegnate da Trump

approfondimento

Trump, perquisita dall'Fbi la sua residenza in Florida

Il raid dell'Fbi potrebbe avere avuto come obiettivo quello di accertare se l'ex presidente o i suoi alleati avessero consegnato o meno i documenti e gli altri materiali proprietà del governo. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti, secondo le quali le autorità hanno iniziato a dubitare negli ultimi mesi sui documenti restituiti da Trump, sospettando che alcuni fossero stati trattenuti dall'ex presidente. 

Blitz durato più di 9 ore

Il blitz dell'Fbi è durato oltre 9 ore, dalle 9 del mattino alle 18:30. I 30 agenti federali hanno passato al setaccio l'area privata di Mar-a-Lago dell'ex presidente, perquisendo l'armadio di Melania e trascorrendo ore nell'ufficio riservato di Trump, come scrive il New York Post citando alcune fonti, secondo le quali il mandato con il quale l'Fbi ha perquisito l'intera proprietà riguardava solamente carte e documenti secretati.

Critiche dai Repubblicani

Intanto, il ministro della Giustizia americano Merrick Garland è nel mirino delle critiche per il blitz, così come il direttore dell'Fbi, Christopher Wray. I repubblicani compatti chiedono loro una spiegazione per un'azione senza precedenti. “È necessario che si spieghi cosa ha portato" alla perquisizione, afferma il leader dei repubblicani in Senato, Mitch McConnell. Il Dipartimento di Giustizia però non commenta.

Trump non risponde nell'inchiesta per frode fiscale

leggi anche

Usa, Trump: “Ho vinto elezioni due volte, potremmo rifarlo”

Intanto l'ex presidente degli Stati Uniti ha deciso di non rispondere alle domande nell'ambito delle indagini del procuratore di New York sulla Trump Organization e sulla possibilità che abbia gonfiato il valore dei suoi asset per spuntare condizioni finanziarie migliori. Lo afferma Trump in una nota: "Ho rifiutato di rispondere alle domande in base ai diritti che sono concessi a ogni cittadino dalla Costituzione americana". Il tycoon ha invocato quindi il Quinto Emendamento, che consente di non testimoniare contro sé stessi. "Una volta mi è stato chiesto: 'se si è innocenti perché invocare il Quinto Emendamento?' Ora so la risposta. Quando la tua famiglia, la tua società e tutte le persone nella tua orbita diventano target di una infondata caccia alla streghe motivata politicamente non si ha altra scelta - ha detto Trump - Se avevo qualche dubbio al riguardo, questi sono stati spazzati via dal raid dell'Fbi due giorni prima della deposizione. Non ho altra scelta perché l'attuale amministrazione e molti procuratori in questo Paese hanno perso la decenza morale e etica". Poi ha attaccato il procuratore di New York Letitia James: "Non ho fatto nulla di sbagliato ed è per questo che dopo cinque anni di indagine i governi federale, statale e locale, insieme alle fake news, non hanno trovato nulla", ha affermato Trump, secondo il quale James da anni sta conducendo una campagna contro di lui, la sua famiglia e la sua società. "Ha creato una piattaforma politica e fatto carriera attaccando me e la mia società", ha aggiunto parlando di "caccia alle streghe politicamente motivata".

Mondo: I più letti