Guerra in Ucraina e grano, telefonata Draghi-Zelensky: “Sbloccare i porti insieme”

Mondo
©Ansa

Il premier italiano ha sentito l’omologo ucraino, dopo il colloquio di ieri con Vladimir Putin. Al centro del confronto lo stallo nelle esportazioni del grano da Kiev, per far fronte alla crisi alimentare che minaccia i Paesi più poveri del mondo. Salvini pensa a una visita a Mosca: "È il momento di lavorare per la pace". La Farnesina: "Non ne siamo a conoscenza". Letta: "Iniziative strampalate alla Salvini non hanno alcuna utilità"

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulle notizie dal mondo
 

Dopo il colloquio con Vladimir Putin, quello con Volodymyr Zelensky: il presidente Mario Draghi ha sentito al telefono il presidente dell’Ucraina. I due hanno discusso delle prospettive di sblocco delle esportazioni di grano dall'Ucraina, per far fronte alla crisi alimentare che minaccia i Paesi più poveri del mondo. Zelensky, secondo quanto riferito da Palazzo Chigi, ha espresso apprezzamento per l'impegno da parte del governo italiano e ha concordato con Draghi di continuare a confrontarsi sulle possibili soluzioni. Intanto, si discute di una possibile visita di Matteo Salvini a Mosca (GUERRA IN UCRAINA: LO SPECIALE - GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA - IL RACCONTO DEGLI INVIATI). 

La telefonata tra Draghi e Zelensky

leggi anche

Guerra Ucraina, raddoppia il prezzo della farina di grano tenero

Il colloquio tra il premier Mario Draghi e il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky si è focalizzato anche sugli ultimi sviluppi della situazione sul terreno, con particolare riguardo alle regioni orientali del Paese. Draghi ha assicurato il sostegno del governo italiano all'Ucraina in coordinamento con il resto dell'Unione Europea. Allo stesso tempo Zelensky "ha sollevato il problema dell'approvvigionamento di carburante. Sono stati discussi i modi per prevenire la crisi alimentare. Dobbiamo sbloccare i porti insieme". Il presidente dell’Ucraina ha poi aggiunto su Twitter: "Ci aspettiamo ulteriore supporto per la difesa dai nostri partner".

Ieri il colloquio tra Draghi e Putin

Ieri il presidente del Consiglio ha sentito invece il presidente della Russia, Vladimir Putin: "Non ho visto spiragli di pace”, ha commentato Mario Draghi durante una conferenza stampa. Nel colloquio, ha riportato il Cremlino citato dalla Tass, il leader russo ha detto che la Russia ha intenzione di garantire una fornitura ininterrotta di gas all'Italia e che la condizione per lo sblocco della crisi del grano è la rimozione delle sanzioni.

Salvini pensa a una visita a Mosca

vedi anche

Governo, Salvini: “Se qualcuno lo mette a rischio sono Pd e M5s”

A proseguire i colloqui diplomatici tra Italia e Putin vorrebbe essere anche Matteo Salvini. A confermare le voci, durante un evento elettorale a Como, è stato lo stesso leader della Lega.  "Draghi ha fatto bene a chiamare Putin e io ce la sto mettendo tutta”, ha detto . Fonti vicine al Carroccio riportano che nella chat del partito Salvini avrebbe scritto che “si sta aprendo la possibilità di incontrare, per parlare di cessate il fuoco, forniture di grano e ritorno al dialogo, rappresentanti dei governi di Russia e Turchia, nonché rappresentanti di altri governi e istituzioni internazionali”. "Se andiamo avanti a mandare le armi la guerra non finisce più, è il momento di lavorare per la pace, perché se la guerra va avanti, muoiono lì, muoiono di fame in Africa e in Asia (e immaginate mezzo miliardo di persone in quale direzione andranno per scappare dalla fame), chiudono le fabbriche. Bisogna fare tutti gli sforzi per la pace. E se c'è bisogno di andare a piedi a Kiev o a Mosca, io lo faccio", ha detto Salvini durante un comizio a Erba (Como).

Farnesina: "Nessuna comunicazione"

Fonti della Farnesina hanno intanto fatto sapere di non aver ricevuto “alcuna comunicazione” sull’ipotetico viaggio di Salvini. Nessun commento ufficiale da Palazzo Chigi, anche se in ambienti di governo sembra che l’ipotesi non sia stata accolta con molto favore. Anzi, gli stessi ambienti sottolineano che, se la visita dovesse davvero realizzarsi, si tratterebbe di un’iniziativa autonoma e non governativa. Sulla questione è intervenuto anche Enrico Letta. Sulla possibile visita del leader della Lega a Mosca, il segretario del Pd ha commentato: "Mi stupisce arrivi così tardi perché va dove naturalmente gli batte il cuore fin dall'inizio, Evidentemente lo considera un luogo dove andare". Letta, da Como, ha ribadito che il Pd "sostiene il governo Draghi per la pace. Iniziative strampalate alla Salvini non hanno alcuna utilità. Servono a lui per ritrovare la sua identità".

Mondo: I più letti