Hong Kong, John Lee eletto nuovo leader: era l'unico candidato

Mondo
©Ansa

L'ex capo della sicurezza - che ha supervisionato la repressione del movimento democratico - è il sesto 'chief executive' (governatore) della città dal suo ritorno sotto la sovranità della Cina. Il voto, blindato da Pechino, è stato espresso dai quasi 1.500 grandi elettori della Commissione elettorale

ascolta articolo

È John Lee Ka-chiu, ex capo della sicurezza che ha supervisionato la repressione del movimento democratico, il nuovo leader di Hong KongJohn Lee Ka-chiu diventa così il sesto 'chief executive' (governatore) della città dal suo ritorno sotto la sovranità della Cina nel 1997. Il voto, blindato da Pechino, è stato espresso dai quasi 1.500 grandi elettori della Commissione elettorale.

Lee unico candidato in gara

approfondimento

Hong Kong, Carrie Lam annuncia nuove leggi sulla sicurezza nazionale

Lee, 64 anni, è stato l'unico candidato in gara con la benedizione del governo centrale e sostituirà dal prossimo luglio la governatrice uscente Carrie Lam. La sua nomina porta per la prima volta un funzionario della sicurezza alla carica più alta della città dopo le proteste pro-democrazia del 2019. Nonostante la mini-costituzione della città promettesse il suffragio universale, Hong Kong non ha mai completato le riforme necessarie.

La scelta del comitato elettorale

Il nuovo leader è stato scelto da un comitato elettorale, che rappresenta lo 0,02% dei 7,4 milioni della popolazione della città. In totale, 1.416 elettori hanno votato per Lee mentre otto hanno espresso un voto contrario, secondo i risultati comunicati dalle autorità locali. "Dichiaro che l'unico candidato John Lee Ka-chiu è vincitore delle elezioni", ha detto il funzionario alla Giustizia Keith Yeung Kar-hung.

 

I programmi di Lee: "Legge e ordine"

Lee, ex ufficiale di polizia, entrerà in carica il primo luglio, in occasione del 25esimo anniversario del ritorno dell'ex colonia britannica alla Cina. Durante la sua campagna elettorale,ha insistito molto sulla necessità di garantire "legge e ordine" e ha promesso di "mantenere un'amministrazione efficiente e onesta che permetta a Hong Kong di assicurarsi stabilità e sicurezza sotto tutti gli aspetti". 

 

Mondo: I più letti