Ungheria, riconfermato Orban. “Ho vinto contro tutti. Zelensky tra miei avversari”

Mondo
©Ansa

Il premier uscente ottiene un quarto mandato. La coalizione composta dal partito di governo Fidesz e da Kdnp ha preso circa il 53% dei voti. I sei partiti di opposizione messi insieme in una lista unificata e guidati da Peter Marki-Zay si attestano al 35%. Orban esulta: “Mandato un chiaro segnale per Bruxelles”. Ma esce sconfitto sul referendum per legge anti-Lgbt, risultato nullo

ascolta articolo

L'Ungheria non cambia: Viktor Orban vince ancora e viene riconfermato alle elezioni per il quarto mandato. Il premier uscente, che stavolta si era proposto come "uomo della pace", spingendo sulla paura del conflitto ucraino, ha esultato già nella serata di domenica 3 aprile: "Abbiamo vinto contro tutti”, ha detto. Questa "nostra quarta vittoria è la più importante, perché abbiamo conquistato il potere contro un'opposizione che si era alleata, si sono alleati tutti e noi abbiamo vinto contro tutti". Orban, riporta il Guardian, poi ha parlato dei suoi "avversari", includendo nell'elenco anche il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, poi i "burocrati a Bruxelles", "l'impero Soros" e i "media internazionali". Dalle urne esce anche "un chiaro segnale a Bruxelles". Il premier  ungherese ha definito la sua una "vittoria eccezionale". Orban ha detto: "Abbiamo ottenuto una vittoria così grande che si può vedere anche dalla Luna. Di sicuro pure da Bruxelles”.

La vittoria di Orban

vedi anche

Elezioni in Serbia e Ungheria, Vucic e Orban riconfermati

"Ho ottenuto un mandato per governare ancora", ha dichiarato il primo ministro. Secondo i risultati definitivi (al 99% dello spoglio) delle elezioni, la coalizione composta dal partito di governo Fidesz e dai cristiano-democratici di Kdnp ha ottenuto il 53,1% delle preferenze (2,8 milioni voti), che si traducono in 135 seggi. I sei partiti di opposizione messi insieme nella lista unificata "Alleanza Uniti per l'Ungheria" hanno ottenuto il 35,04% (1,8 milioni voti), 56 seggi. L'opposizione dell’ultra-cattolico europeista Peter Marki-Zay ha ammesso la sconfitta: “In un sistema ingiusto e disonesto come questo non potevamo fare di più". Movimento della Patria (estrema destra) ha avuto il 6,2% (0,3 milioni voti), 7 seggi. Il Rappresentante della minoranza di lingua tedesca hanno 1 seggio. L'affluenza è stata del 69,54%. Il referendum anti-Lgbt, per tutte le quattro domande, è risultato non valido, in quanto i voti espressi sono stati il 44% (la legge richiede oltre 50%). 

Salvini: bravo Orban, da solo contro tutti 

"Bravo Viktor!" Così su Facebook Matteo Salvini si complimenta con Orban per il risultato ottenuto alle elezioni in Ungheria. "Da solo contro tutti, attaccato dai sinistri fanatici del pensiero unico, minacciato da chi vorrebbe cancellare le radici giudaico-cristiane dell'Europa, denigrato da chi vorrebbe sradicare i valori legati a famiglia, sicurezza, merito, sviluppo, solidarietà, sovranità e libertà, hai vinto anche stavolta - prosegue - grazie a quello che manca agli altri: l'amore e il consenso della gente. Forza Viktor, onore al libero Popolo ungherese". 

Mondo: I più letti