Birmania, la Giunta riduce a due anni la condanna ad Aung San Suu Kyi

Mondo
©LaPresse

Inizialmente la condanna era a 4 anni. Il Nobel per la pace, arrestata dai militari dopo il colpo di Stato dell’1 febbraio, è accusata di incitamento al dissenso contro i militari e violazione delle misure anti Covid. Fra i presunti reati che le vengono imputati anche violazione della legge sui segreti ufficiali, corruzione e brogli elettorali. Nel Paese non si placano le proteste contro il golpe e la repressione dei soldati

Il Nobel per la pace e politica birmana Aung San Suu Kyi (CHI È) è stata condannata da un tribunale del Myanmar a 2 anni di carcere - la pena inizale era di 4, poi ridotta - con le accuse di incitamento al dissenso contro i militari e violazione delle misure anti Covid. "Le dure condanne inflitte ad Aung San Suu Kyi sulla base di false accuse sono l'ultimo esempio della volontà dei militari di eliminare ogni opposizione e soffocare le libertà in Birmania", ha affermato Amnesty International.

Condannato anche l'ex presidente Win Myint

approfondimento

Aung San Suu Kyi, chi è la leader arrestata dai militari in Myanmar

Oltre a San Suu Kyi è stato condannato a quattro anni con le stesse accuse l'ex presidente Win Myint. Il portavoce della giunta militare ha precisato che i due ex leader per il momento non saranno trasferiti in carcere. "Affronteranno altre accuse dai luoghi in cui si trovano ora" nella capitale Naypyidaw, ha aggiunto senza fornire ulteriori dettagli. La 76enne Suu Kyi è detenuta dal golpe dei generali lo scorso primo febbraio. Da allora la giunta ha accusato la premio Nobel di una serie di presunti reati, tra cui violazione della legge sui segreti ufficiali, corruzione e brogli elettorali. Rischia, se dovesse essere condannata in via definitiva, decenni di carcere. Tutta la stampa è stata bandita dai processi e di recente ai suoi avvocati è stato impedito di parlare con i giornalisti. Secondo un gruppo di monitoraggio locale, più di 1.300 persone sono state uccise e oltre 10.000 arrestate nella repressione del dissenso seguita al colpo di Stato.

Soldati in auto contro i manifestanti

leggi anche

Birmania, Aung San Suu Kyi accusata di “brogli elettorali”

Intanto nel Paese continuano le manifestazioni contro il golpe di febbraio, a cui è seguita una violenta repressione delle proteste. Domenica almeno tre persone sono rimaste ferite durante una dimostrazione pacifica a Yangon, dopo che le forze di sicurezza birmane hanno investito la folla a bordo di una grossa auto: lo hanno riferito testimoni oculari. "Hanno aumentato la velocità quando si sono avvicinati ai manifestanti - ha raccontato un giornalista che ha voluto mantenere l'anonimato per motivi di sicurezza, riferendosi ai soldati birmani -, era come se li volessero investire". Alcune persone, tra le quali c'era anche chi portava striscioni a sostegno della leader deposta Aung San Suu Kyi, sono state investite e sono cadute a terra mentre altre sono fuggite. "Poi i soldati sono saltati fuori dall'auto e hanno iniziato a sparare", ha proseguito il giornalista. Secondo un altro testimone, uno dei manifestanti è rimasto ferito gravemente ed è stato portato via in ambulanza insieme ad altri due, uno dei quali è un giornalista locale. I soldati hanno poi iniziato a picchiare tre persone travolte dall'auto, ha detto un residente 26enne: "I soldati hanno poi puntato le armi contro di noi e hanno ordinato a tutti i presenti di andarsene, quindi siamo stati costretti ad andarcene".

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24