Covid, stato di emergenza a New York contro minaccia variante Omicron

Mondo
©Getty

La governatrice dello Stato di New York, Kathy Hochul, ha spiegato che la decisione è legata a un numero di contagi tornato a crescere a livelli mai più visti dallo scorso aprile. L'amministrazione Biden intanto ha vietato l'ingresso negli Usa da otto Stati africani

La variante Omicron del Covid-19 fa paura anche agli Usa, nonostante non siano ancora stati registrati casi. La governatrice dello Stato di New York, Kathy Hochul, intanto, ha dichiarato lo stato di emergenza - dal 3 dicembre - per aumentare la capienza dei posti letto negli ospedali newyorchesi e affrontare il problema della carenza di personale ospedaliero. E ha anche spiegato che la decisione è legata a un numero di contagi tornato a crescere a livelli mai più visti dallo scorso aprile. Come scrive Abc, Hochul ha sottolineato: "Anche se la variante Omicron deve ancora essere registrata nello Stato, sta arrivando" (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI LIVE).

"Azione straordinaria per prevenire aggravarsi situazione"

approfondimento

Covid, variante Omicron: allerta in rapporto Ecdc. Ecco perché

"Abbiamo deciso di intraprendere un'azione straordinaria - ha spiegato ancora Hochul - per prevenire l'aggravarsi della situazione". La governatrice ha spiegato il provvedimento con la necessità di non intasare le terapie intensive degli ospedali, in vista dell'arrivo dei mesi invernali quando è atteso un nuovo picco di contagi. Hochul ha anche invitato i newyorkesi a vaccinarsi e a sottoporsi alla terza dose. 

Le misure degli Usa contro la nuova variante

approfondimento

Covid, nuova variante Omicron: cosa sappiamo

L'annuncio dello Stato di New York arriva dopo che l'amministrazione Biden ha vietato l'ingresso negli Usa da otto stati africani. A partire da lunedì restrizioni saranno quindi attuate ai viaggi dal Sud Africa e da altri sette Paesi, fra i quali Botswana, Zimbabwe, Namibia, Lesotho e Mozambico. Gli Stati Uniti finora non hanno comunque individuato nessun caso di Omicron, come ha riferito il Centers for Disease Control and Prevention (Cdc), precisando di essere pronto a "identificarla velocemente, se emerge negli Usa".

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24