Toro Seduto, scoperti discendenti grazie a analisi Dna di un capello

Mondo
©Getty

Pubblicata sulla rivista Science Advances, la ricerca è stata condotta da Eske Willerslev dell’università di Cambridge e del centro di genetica della Fondazione Lundbeck. La nuova tecnica permette di analizzare l'informazione genetica anche quando il Dna è piuttosto degradato, come quello estratto dai capelli del capo Sioux

Tatanka Yotanka, meglio conosciuto come Toro Seduto, ha un “discendente diretto” che gira gli Stati Uniti per raccontare l’eredità culturale dei Sioux. Grazie a una nuova tecnica di analisi del Dna sono stati "trovati" i pronipoti del leggendario capo indiano, passato alla storia per aver sconfitto il colonnello George Armstrong Custer nel 1876.

La ricerca

approfondimento

Toro Seduto, la storia del leggendario e coraggioso capo indiano Sioux

Pubblicata sulla rivista Science Advances, la ricerca è stata condotta da Eske Willerslev, dell'università di Cambridge e del centro di genetica della Fondazione Lundbeck. La nuova tecnica di analisi del Dna permette di analizzare l'informazione genetica anche quando è piuttosto degradato, come quello estratto dai capelli di Toro Seduto, ed è stata usata per la prima volta per dimostrare una parentela tra un personaggio storico e persone in vita. Il pronipote che si è sottoposto al test insieme alle sue sorelle è Ernie Lapointe, che dice: "Per anni la nostra parentela con Toro Seduto è stata messa in discussione". I ricercatori prevedono di ripetere l'analisi del Dna anche sulle presunte ossa di Toro Seduto, che secondo Lapointe sono sepolte in un sito a Mobridge, in Sud Dakota. 

Chi era Toro Seduto

approfondimento

I film dedicati a Toro Seduto. FOTO

Capo della tribù Unkpapa, della nazione Lakota Sioux, Toro Seduto  è uno dei più famosi tra i nativi americani della storia: condottiero in battaglia e guida spirituale del suo popolo. Fu l'artefice della più grande e rinomata vittoria in battaglia degli indiani contro l’esercito degli Stati Uniti: quella di Little Bighorn, per la quale riuscì a riunire una coalizione di Sioux, Cheyenne, Arapaho e altre tribù native, radunando oltre 3.500 uomini. Al comando dell’esercito degli Stati Uniti, in quell’occasione, un'altra figura leggendaria dell’epopea del West: il Tenente Colonnello George Armstrong Custer, che, sconfitto, rimarrà ucciso insieme ai fratelli proprio in quella battaglia.  

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24