Obama e Springsteen, esce oggi il libro Renegades nato dal podcast sugli esclusi degli Usa

Mondo
©Getty

Una conversazione tra il 44esimo presidente degli Stati Uniti e uno dei rocker più famosi della storia della musica. Il libro esce oggi in contemporanea mondiale e racconta la storia americana vista dagli occhi dei due protagonisti

Bruce Springsteen lo cantava già nell’ottobre del 1984. ‘Born in the Usa’ non è più solo una delle canzoni più famose della storia della musica, ma è anche il titolo del libro che il cantante del New Jersey ha scritto a quattro mani con l’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama. Un progetto iniziato qualche mese fa con una serie podcast e che ha portato alla stesura di un libro ‘Renegades. Born in the Usa’ in cui i due raccontano le loro storie americane. 

“Una comune sensibilità”

leggi anche

Usa, Obama: "Serve tassare ricchi come me per finanziare agenda Biden"

Strutturato come una conversazione tra il 44esimo presidente statunitense e uno dei rocker più famosi della storia della musica, 'Renegades' racconta una terra ricca di opportunità e contraddizioni anche attraverso illustrazioni e fotografie. “Negli anni abbiamo scoperto di condividere una comune sensibilità”, scrive Obama nelle prime pagine, “a proposito del lavoro, della famiglia, dell’America. A modo nostro, Bruce e io abbiamo percorso un viaggio parallelo per comprendere questo paese che tanto ha donato a entrambi, per raccontare la storia del suo popolo; e per cercare un legame tra il nostro bisogno di senso, di verità, di comunità, con la più profonda storia dell’America”. 

“Il destino del Paese”

vedi anche

Caso Baldwin, pistola usata prima della tragedia con munizioni vere

Il podcast ‘Renegades’ è un dialogo sincero e quasi intimo tra due vecchi amici. Un’atmosfera che i due autori hanno voluto ricreare anche nel libro. Ambientato ora in uno studio di registrazione e ora a bordo di una Corvette, Springsteen e Obama ripercorrono la storia dell’America attraverso le loro esperienze auspicando un ritorno all’unità. “Abbiamo parlato seriamente del destino del Paese”, scrive Springsteen nella sua introduzione, “della sorte dei suoi cittadini e delle forze distruttive, corrotte e negative che vorrebbero distruggere ogni cosa. Di questi tempi, mentre viene seriamente messo in discussione chi siamo davvero, non possiamo abbassare la guardia”. Pubblicato da Penguin Random House in collaborazione con Higher Ground per la versione digitale, il libro esce oggi in contemporanea mondiale.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24