Austria, Alexander Schallenberg nuovo cancelliere dopo le dimissioni di Kurz

Mondo
©Ansa

Il ministro degli Esteri austriaco giurerà lunedì 11 ottobre come nuovo cancelliere federale. Era stato indicato come suo successore dal dimissionario Sebastian Kurz, che ha lasciato l’incarico dopo le accuse di corruzione che lo hanno travolto. "Questa crisi di governo è finita", ha detto il presidente Alexander van der Bellen

Il ministro degli Esteri austriaco uscente, Alexander Schallenberg, giurerà domani, lunedì 11 ottobre, alle ore 13, come nuovo cancelliere federale. Schallenberg era stato indicato come suo successore da Sebastian Kurz dopo le dimissioni di ieri, rassegnate a seguito delle accuse di corruzione che lo hanno travolto. Il presidente austriaco Alexander van der Bellen, ha annunciato in un discorso alla nazione la nomina di Schallenberg, dicendo: "Questa crisi di governo è finita". Nel suo discorso, ha poi ringraziato Kurz per aver "evitato danni alla Repubblica" con il suo passo indietro, pur lamentando che la fiducia dei cittadini nelle istituzioni è stata "ancora una volta profondamente scossa" e scusandosi con la nazione per "l'immagine che la politica ha dato" in questi giorni. Adesso, ha aggiunto il presidente austriaco, "il lavoro per il nostro Paese può andare avanti", indicando tra le priorità di cui occuparsi la pandemia, l'economia e l'ambiente. La designazione di Schallenberg (52 anni e diplomatico di carriera) era stata subito approvata dal vice cancelliere Werner Kogler, leader dei Verdi, che insieme ai conservatori del Partito popolare (Oevp) continueranno a comporre la coalizione di governo dopo aver ottenuto il passo indietro di Kurz.

Schallenberg proposto da Kurz

leggi anche

Austria, il cancelliere Sebastian Kurz annuncia le dimissioni

Sebastian Kurz, cancelliere popolare austriaco, nella giornata di sabato si è dimesso e ha annunciato di aver “proposto al presidente Alexander Van der Bellen il ministero degli Esteri Alexander Schallenberg come mio successore. Sarebbe irresponsabile lasciare il nostro Paese nel caos e nello stallo, sarebbe anche irresponsabile l'esperimento di una coalizione a quattro che dipenderebbe dalle grazie dei Freiheitlichen di Herbert Kickl. Pongo l'interesse del Paese davanti al mio", ha proseguito Kurz, annunciando che resterà in parlamento come capogruppo e leader del partito popolare Oevp. "Le accuse sono false e lo dimostrerò".

Le accuse per Kurz

leggi anche

Austria, cancelliere Kurz indagato per favoreggiamento corruzione

La crisi politica in Austria è nata dopo l'inchiesta della procura anti-corruzione che ha travolto il cancelliere Sebastian Kurz su presunte irregolarità nel finanziamento con fondi pubblici di alcuni sondaggi favorevoli al suo partito. "Le accuse sono false, ma proprio perché sono false mi danno la forza per difendermi e per andare avanti", ha annunciato il 35enne leader dell’Oevp. Gli ecologisti alleati al governo avevano subito preso seccamente le distanze, mettendo in discussione la "capacità d'azione" del cancelliere. Per gli ecologisti la strada da percorrere è quella di un maxi rimpasto, ovvero proseguire la collaborazione con i popolari senza Kurz e il suo cerchio magico. 

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24