Afghanistan, truppe Usa lasciano la base di Bagram

Mondo
©Getty

Lo riferisce all'Afp una fonte del dipartimento americano della Difesa. Gli Stati Uniti e la Nato sono nella fase finale del ritiro dal Paese dopo un coinvolgimento militare di 20 anni. Il completamento del ritiro - come promesso dal presidente Joe Biden - dovrebbe avvenire entro la data simbolica del prossimo 11 settembre

Tutte le truppe Usa e Nato hanno lasciato la base aerea di Bagram, in Afghanistan. Lo riferisce all'Afp una fonte del dipartimento americano della Difesa, senza specificare quando gli ultimi militari hanno abbandonato la base che si trova a circa 50km a Nord di Kabul. Gli Usa e la Nato sono nella fase finale del ritiro dal Paese dopo un coinvolgimento militare di 20 anni. Il completamento del ritiro - come promesso dal presidente Joe Biden - dovrebbe avvenire entro la data altamente simbolica del prossimo 11 settembre.

Talebani accolgono e sostengono decisione Usa

approfondimento

Afghanistan, talebani attaccano sminatori: almeno 10 morti

Intanto, i talebani "accolgono e sostengono" la partenza delle truppe Usa e Nato, la più grande in Afghanistan, che testimonia l'imminente ritiro delle forze straniere dal Paese, come ha detto il loro portavoce, Zabihullah Mujahid. "Siamo lieti e sosteniamo questa partenza", ha detto all'Afp, aggiungendo: “Il loro completo ritiro consentirà agli afghani di decidere da soli il loro futuro".

Il ritiro dall'Afghanistan

approfondimento

L'Italia lascia l'Afghanistan dopo 20 anni di missione

Bagram in questi anni è stata il simbolo della lotta proprio contro i Talebani e contro Al Qaeda, luogo di ingresso per decine di migliaia di soldati che sono entrati in Afghanistan per prendere parte alla Guerra al Terrore e al contempo teatro di morte per quasi 2mila militari statunitensi. La base è stata l'obiettivo di numerosi attacchi talebani, inclusi attentati suicidi e attacchi missilistici. Era da anni che il Pentagono stava riducendo la presenza delle truppe in Afghanistan, ma l'accordo di Doha, firmato nel febbraio del 2020 dall'Amministrazione Trump e dai Talebani in Qatar, ''ha segnato l'inizio della fine’’, secondo quanto scrive la Cnn. A metà del 2011 c'erano quasi 100mila soldati statunitensi in Afghanistan e altri 35mila appaltatori statunitensi. Dieci anni dopo i soldati erano 2.500 e 18mila gli appaltatori.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24