California, via il bando su fucili d'assalto. Giudice: "Sono armi ordinarie"

Mondo

Per il magistrato sono paragonabili a un "coltellino dell'esercito svizzero". La sentenza è sospesa per 30 giorni, il tempo necessario per permettere allo stato della California di fare appello 

I fucili d'assalto non sono altro che armi ordinarie come il coltellino dell'esercito svizzero: "Un'arma di difesa utile per proteggere la propria abitazione e la propria patria". Così recita la sentenza shock che in California dopo 32 anni ha annullato il divieto di vendita dei famigerati AR-15 o AK-47, i fucili in stile kalashnikov protagonisti della gran parte delle stragi che continuano a insanguinare l'America. Tutto ciò nel momento in cui l'amministrazione Biden è impegnata nell'ennesimo sforzo per tentare di porre un freno alle sparatorie di massa, definite dalla Casa Bianca una vera e propria epidemia e una vergogna nazionale. 

Il divieto risaliva al 1989

leggi anche

Pistole e proiettili scoperti in un seminterrato a Napoli

Ad accogliere il ricorso presentato nel 2019 da un gruppo formato da possessori d'armi, lobbisti e proprietari di armerie, è stato il giudice federale distrettuale Roger Benitez, nominato nel 2003 da George W. Bush e già assurto agli onori della cronaca per aver bloccato nel 2003 la legge californiana che vietava la vendita dei maxi caricatori, quelli in grado di contenere più di dieci proiettili. Per il magistrato pro-armi, il divieto del 1989 che mette al bando i fucili d'assalto "è incostituzionale perché il governo di uno stato non è libero di imporre ai cittadini americani le sue scelte politiche quando queste riguardano i diritti costituzionali": in questo caso il secondo emendamento che sancisce il diritto alla difesa e al possesso di armi da fuoco.

Il governatore Newson: "Sentenza che minaccia l'ordine pubblico"

leggi anche

Texas, studentessa contro neo legge anti-aborto: "Non si può tacere"

Il giudice si è però spinto oltre, motivando la sentenza in maniera a dir poco discutibile: "Qui non stiamo parlando di bazooka, cannoni o mitragliatori, ma di ordinari fucili moderni e popolari". Da qui l'azzardato parallelo col coltellino svizzero, "perfetta combinazione tra un'arma per la difesa domestica e un'arma per la difesa della patria". La sentenza comunque è sospesa per 30 giorni, il tempo necessario per permettere allo stato della California di fare appello. "Questa sentenza - ha commentato il governatore democratico Gavin Newson - rappresenta una minaccia per l'ordine pubblico e per la vita di tanti cittadini innocenti. E paragonare i fucili d'assalto a un coltellino svizzero - ha aggiunto Newson - è uno schiaffo e un insulto alle famiglie delle vittime delle tante stragi di massa". 

In Usa oltre 8 millioni di persone hanno un fucile semiautomatico

leggi anche

Ufo, intelligence Usa: "Non ci sono prove che siano astronavi aliene"

Si stima che in America oltre 8 milioni di persone posseggano un AR 15, fucile semiautomatico derivato da quell'M16 utilizzato dall'esercito americano e in alcuni stati Usa dalla polizia. A quest'arma micidiale si devono alcune delle stragi più sanguinose avvenute negli ultimi anni nel Paese, compresa quella del concerto di Las Vegas, la più tragica della storia americana con un bilancio di 61 morti e 411 feriti. Ma anche la California ha pagato un caro prezzo nonostante il bando degli AR 15, con la strage nel liceo di Parkland nel 2018 o quella nel centro sociale di San Bernardino nel 2015.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24