New York, lezioni di porno a scuola, genitori in protesta: "Non sapevamo nulla"

Mondo
©IPA/Fotogramma

La prestigiosa Columbia Grammar Preparatory School di Manhattan ha aggiunto al curriculum scolastico un corso di “letteratura della pornografia". Ira dei genitori degli alunni: “Siamo stati lasciati completamente al buio”

Lezioni di porno in classe: alla Columbia Grammar Preparatory School di Manhattan spunta un nuovo corso che mette in allarme i genitori degli studenti. La nuova materia, come riporta il New York Post, è stata inserita senza che le famiglie fossero informate. Inizialmente si pensava si trattasse semplicemente di lezioni di educazione sessuale, ma i contenuti forti hanno fatto scattare la protesta dei genitori verso il prestigioso istituto frequentato dai loro figli.

"Letteratura della pornografia"

approfondimento

Hollywood formalizzerà il ruolo del "coordinatore di scene intime"

La Columbia Grammar Preparatory School di Manhattan è un istituto di prima classe a New York: la retta da pagare è di 47mila dollari l’anno. Un corso di educazione sessuale non doveva dunque suonare strano per l’istituto d’avanguardia, ma gli alunni erano convinti che se si sarebbe parlato soprattutto dell’uso di preservativi o della pillola. Sorpresi, si sono invece ritrovati di fronte a un corso di “letteratura della pornografia”.

Immagini esplicite e piattaforme porno

approfondimento

Regno Unito, la campagna per il sesso over 70. VIDEO

L’insegnante del programma, Justine Ang Fonte, ha mostrato ai 120 studenti che seguivano il corso, immagini esplicite con dati sul “gap degli orgasmi” tra donne e uomini. Poi ancora foto di donne parzialmente nude, alcune legate, con l’obiettivo di spiegare la differenza su cosa è pornografia e cosa è arte. E anche una presentazione di OnlyFans, nota piattaforma usata dai lavoratori sessuali.

Le famiglie: "Vogliono distruggerci"

approfondimento

Sex Education, il cast sul set della terza stagione. VIDEO

Quando le famiglie sono venute a conoscenza dei contenuti delle lezioni di Justine Ang Fonte, in molti sono andati su tutte le furie: “È uno scandalo che la scuola voglia introdurre la pornografia nelle classi e iniziare a indottrinare i bambini – hanno protestato - L'obiettivo è distruggere le famiglie”. I genitori sostengono inoltre che nessuno li aveva informati dell’iniziativa: “Nessuno di noi sapeva, siamo stati lasciati completamente al buio”

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24