Israele-Hamas, la tregua regge. Colloquio tra Blinken e Abu Mazen

Mondo
©Ansa

La Casa Bianca: "Ricostruzione di Gaza è prioritaria". Biden: "C'è bisogno di una soluzione a due Stati", Intanto sono stati estratti corpi di altre vittime e il bilancio dei morti tra i palestinesi sale a 243. Sono invece 12 i morti israeliani

Sembra reggere la tregua tra Israele e Hamas arrivata dopo 11 giorni di guerra. Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha avuto un colloquio telefonico con il presidente dell’autorità palestinese Abu Mazen durante il quale hanno discusso delle misure per mantenere la tregua. "Ora - ha fatto sapere la Casa Bianca - la ricostruzione di Gaza è prioritaria, non per Hamas ma per la popolazione palestinese". E il presidente Joe Biden ha affermato: "Non c'è alcun cambiamento nel mio impegno alla sicurezza di Israele, punto e basta. C'è bisogno di una soluzione a due stati". Intanto sono estratti i corpi di altre vittime e il bilancio dei morti tra i palestinesi sale a 243, riferisce il ministero Sanità di Hamas, fra loro 66 bambini e 39 donne. Sono 12 i deceduti israeliani.

Il bilancio dopo il conflitto

approfondimento

Dalle tensioni al conflitto: cronistoria degli scontri Israele-Hamas

Per Israele e Hamas è tempo di bilanci ed entrambi cantano vittoria. Netanyahu ha rivendicato il successo dell'operazione 'Guardiano delle Mura' che "ha cambiato le regole del gioco per Hamas". Il capo della fazione che governa Gaza ha replicato che è stato inferto un "duro colpo che lascerà i suoi dolorosi effetti su Israele e sul suo futuro". Ma i nodi politici, come testimoniano i nuovi disordini tra polizia e manifestanti palestinesi di ieri sulla Spianata delle Moschee a Gerusalemme, restano irrisolti. Se la tregua reggerà, spetta alla politica affrontare i problemi, in uno scenario analogo a quello post conflitto del 2014, segnato allora dall'insuccesso diplomatico. Il segretario di Stato Usa Antony Blinken ha annunciato il suo arrivo nella regione "nei prossimi giorni". Blinken, ha spiegato il Dipartimento di stato, incontrerà le sue controparti "israeliane, palestinesi e regionali" per "lavorare insieme per costruire un futuro migliore". E anche l'Ue si muove: la presidente Ursula von der Leyen ha sottolineato che "solo una soluzione politica porterà a tutti pace e sicurezza durature". Mentre il presidente Abu Mazen - privato per ora della bandiera palestinese strappatagli da Hamas come indicano i vessilli verdi dell'organizzazione sventolati nei giorni scorsi sulla Spianata delle Moschee e negli scontri con Israele - ha invocato "un orizzonte politico" come scudo al conflitto. "Sotto l'egida del Quartetto e - ha precisato - in conformità con le decisioni di legittimità internazionale".

Netanyahu: "Inferto danno massimo ad Hamas"

approfondimento

Palestina, cos'è Hamas: l'organizzazione in scontro con Israele

Nel frattempo comunque Israele e Hamas si fanno i conti in casa. "Il nostro obiettivo - ha detto Netanyahu - era riportare calma e sicurezza ai cittadini del nostro Paese e questo abbiamo fatto. Abbiamo inferto ad Hamas un danno massimo". Poi ha toccato un punto nevralgico per Israele: quello dei razzi (oltre 4mila in questa tornata) che dal 2014 non hanno mai smesso, a più riprese, di bersagliare lo Stato ebraico. "Se Hamas pensa che accetteremo lanci sporadici, si sbaglia. Ciò che è valso per il passato - ha ammonito - non varrà per il futuro". Una risposta alle critiche sollevate da una parte della popolazione del sud di Israele alla decisione di sospendere le ostilità. Difficile per qualsiasi premier consentire che un milione e mezzo di propri cittadini sia sotto costante minaccia di razzi che hanno fatto 12 vittime e centinaia di feriti, solo grazie al sistema di protezione Iron Dome che ha limitato i danni.

Critiche a Netanyahu

Yair Lapid, il leader centrista a cui il presidente Reuven Rivlin ha affidato il mandato di formare il nuovo governo, lo ha attaccato: "I cittadini e soprattutto le comunità al confine con Gaza hanno sofferto per il pesante lancio di razzi e non hanno ottenuto nessun risultato". Non a caso l'esercito ha puntato alla distruzione (oltre 100 chilometri) della rete dei tunnel, luogo di comando e rampe di lancio nascoste, anche tra gli edifici civili. E all'eliminazione dei capi di Hamas e della Jihad: "Sono stati uccisi - ha spiegato Netanyahu - più di 200 terroristi, compresi 25 dirigenti".

Hamas: "Israele ha perso l'equilibrio"

Da Gaza - dove è arrivata la delegazione egiziana per rafforzare la tregua insieme ai primi aiuti internazionali per fronteggiare la pesante crisi umanitaria e dove si registrano 243 vittime, di cui 66 minori, e circa 2000 feriti - il capo di Hamas Ismail Haniyeh ha sollevato la bandiera della 'resistenza'. "Quello che è successo in Cisgiordania - ha detto riferendosi agli scontri di questi 11 giorni nei Territori e nello Stato ebraico - è stata un'Intifada e ciò che hanno fatto gli arabi in Israele una rivoluzione. Hanno fatto perdere a Israele l'equilibrio".

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.