Argentina, il ministro dei Trasporti Mario Meoni muore in un incidente stradale

Mondo

Nicoletta Notari

Télam

Aveva 56 anni. Era alla guida della sua auto e viaggiava da solo. Secondo le prime ricostruzioni ha perso il controllo della vettura che è, quindi, finita contro il guardrail. "Con lui perdiamo un politico completo e onesto. Un funzionario esemplare", ha scritto il presidente argentino Fernandez sul suo account Twitter. Era alla guida del dicastero dei trasporti dal dicembre del 2019

Mario Meoni, ministro dei Trasporti argentino, è morto a 56 anni in un incidente stradale al chilometro 112 della Strada 7, all'altezza della città di San Andres de Giles, nella provincia di Buenos Aires. Lo scontro è avvenuto mentre la vettura viaggiava in direzione di Junìn, città di cui Meoni è stato sindaco dal 2003 al 2015 e che si trova a circa 250 chilometri dalla capitale argentina. Il ministro stava guidando la sua auto e viaggiava da solo. Secondo le prime ricostruzioni ha perso il controllo dell'auto che ha sbattuto contro il guardrail e si è ribaltata. Al momento dell'incidente, avvenuto attorno alle 21.30, si registrava una pioggia intensa. Il ministro sarebbe deceduto sul colpo. Meoni era stato anche deputato della provincia di Buenos Aires e direttore della Banca della Provincia di Buenos Aires, aveva la guida del ministero dei Trasporti da quando Alberto Fernandez è diventato presidente nel dicembre 2019. Aveva partecipato venerdì scorso al programma di governo sui capitali alternativi.

Il ricordo del presidente Fernandez

"Con grande tristezza ho ricevuto l'ingrata notizia della morte di Mario Meoni, ministro dei trasporti del nostro governo. Con lui perdiamo un politico completo, instancabile e onesto. Un funzionario esemplare. Con sincero rammarico accompagno coloro che, come me, lo hanno amato e rispettato", ha scritto il presidente sul suo account Twitter. 

Vita e carriera

approfondimento

Un nome per i Desaparecidos: si cercano 65 italiani

Meoni, leader radicale e punto di riferimento del Fronte del Rinnovamento nel Frente de Todos era nato il 22 gennaio 1965 ad Ascensión, quartiere General Arenales, a 50 km di distanza. Da Junín, la città da cui provenivano i suoi genitori. È entrato a far parte dell'UCR nel 1987 e ha iniziato a lavorare al Piano alimentare nazionale. È stato consigliere di Junín dal 1991 al 1995. Nel 1999 è stato eletto deputato provinciale dell'UCR. Ha governato per tre mandati consecutivi. Nel 2016 è stato nominato direttore della Banca della Provincia di Buenos Aires, carica che ha ricoperto fino a dicembre 2019, quando ha assunto la carica di Ministro dei Trasporti della Nazione. In qualità di ministro, ha avviato la costruzione del nuovo terminal partenze di Aeroparque, ha formalizzato il congelamento per 120 giorni delle tariffe di trasporto urbano nell'area metropolitana di Buenos Aires e ha aggiunto 5 miliardi di pesos alle province in modo che congelassero anche le tariffe di trasporto. Tra alcuni dei provvedimenti presi come ministro: l'aumento di voli nazionali e internazionali di Aerolineas Argentinas, potenziamneto del servizio ferroviario Buenos Aires-Mar del Plata e dei servizi notturni dei treni metropolitani.

"Un funzionario instancabile"

Dall'Ambasciata Argentina in Italia hanno espresso costernazione e dolore per la scomparsa del ministro Mario Meoni. "Abbiamo perso un funzionario instancabile, un militante impegnato, ma soprattutto una grande persona. Esprimo la mia vicinanza alla sua famiglia, ai suoi cari e alla gente di Junín" ha dichiarato l'ambasciatore Roberto Carlés.

 

 

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24