Nigeria, liberate le 279 studentesse rapite venerdì in una scuola di Jangebe

Mondo

Le ragazze, rapite durante un attacco di uomini armati nel dormitorio dell’istituto superiore, sono state rilasciate all’alba. Secondo il governatore dello Stato di Zamfara sono al sicuro e sono in “buona salute”. Intanto, sempre dal nord-est del Paese, arriva la notizia di un doppio attacco di jihadisti contro un campo militare e una base Onu

Sono state liberate le 279 studentesse che venerdì scorso erano state rapite nel dormitorio di una scuola a Jangebe, nel nord-est del Paese (VIDEO). Secondo quanto detto all’Afp da Bello Matawalle, governatore dello Stato di Zamfara, le ragazze sono state rilasciate all’alba e si trovano al sicuro. Sarebbero tutte in buone condizioni di salute. "Sono felice di annunciare che le ragazze sono state rilasciate. Sono appena arrivate al palazzo del governo e sono in buona salute”, ha dichiarato il governatore. Intanto, sempre dal nord-est della Nigeria, arriva la notizia di un doppio attacco di jihadisti contro un campo militare e una base Onu.

Il rapimento venerdì scorso

L’attacco alla scuola superiore nel villaggio di Jangebe, nello Stato di Zamfara, era avvenuto nella notte tra giovedì e venerdì, quando uomini armati erano entrati nei dormitori e costretto centinaia di ragazze a seguirli. A lanciare l’allarme era stato un insegnante. All’inizio si era pensato che le studentesse rapite fossero tutte le 317 presenti nel collegio, poi si è scoperto che alcune di loro erano riuscite a salvarsi. Nelle scorse ore si erano diffuse voci di un negoziato in corso tra le autorità e i rapitori. Una fonte aveva sottolineato che si conosceva il posto in cui le ragazze erano tenute, ma non si valutava l’opzione militare per non metterle in pericolo. Oggi all’alba è arrivata la notizia della liberazione.

Doppio attacco contro campo militare e base Onu

Brutte notizie, invece, arrivano da Dikwa, sempre nel nord-est della Nigeria. Terroristi del gruppo dello Stato islamico in Africa occidentale (Iswap), una costola di Boko Haram, hanno prima invaso la città e poi attaccato contemporaneamente un campo militare e una base delle Nazioni Unite. Venticinque operatori umanitari hanno trovato riparo in un bunker. "La base umanitaria è stata incendiata dai combattenti ma finora nessun dipendente è stato colpito", ha detto una fonte umanitaria. Per respingere l’attacco, sono stati inviati dalla città di Marte, a 40 chilometri di distanza, rinforzi militari (tra cui due caccia e un elicottero). Tre anni fa, l’1 marzo 2018, i terroristi dell'Iswap attaccarono un hub umanitario delle Nazioni Unite nella città di Rann, uccidendo tre operatori umanitari e rapendo una lavoratrice. L'Iswap, affiliato all'Isis, si è separato da Boko Haram nel 2016 e da allora è diventata la più grande minaccia jihadista in Nigeria. Venerdì i combattenti dell'Iswap, a bordo di camion muniti di mitragliatrici, hanno fatto irruzione a Dikwa, facendo fuggire i residenti. La città, a 90 chilometri dalla capitale dello stato del Borno Maiduguri, ospita più di 130mila persone, tra cui 75mila che erano già fuggite da altre parti della regione e vivevano in campi dove si affidano agli aiuti di emergenza delle agenzie umanitarie.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.