Raid Usa in Siria, prima azione ordinata da Biden. Uccisi 17 combattenti pro Iran

Mondo

Il Pentagono spiega che l'attacco è stato sferrato dopo aver consultato gli alleati ed è una risposta ai missili in Iraq dello scorso 15 febbraio nel quale ha perso la vita un contractor civile mentre militari statunitensi e di altre forze della coalizione sono rimasti feriti. Sullo sfondo il difficile negoziato tra Washington e Teheran sul nucleare

Gli Stati Uniti bombardano la Siria, nella zona orientale, al confine con l’Iraq, prendendo di mira infrastrutture delle milizie appoggiate dall'Iran. Secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani, sono 17 i combattenti filo iraniani morti nel raid americano. Il Pentagono spiega che il raid, il primo ordinato da Joe Biden e sferrato dopo aver consultato gli alleati, è in risposta all’attacco missilistico in Iraq dello scorso 15 febbraio nel quale ha perso la vita un contractor civile mentre militari statunitensi e di altre forze della coalizione sono rimasti feriti.

Pentagono: "Biden proteggerà personale coalizione americana"

leggi anche

Omicidio Khashoggi, il rapporto degli 007 Usa: "Coinvolto bin Salman"

"I raid hanno distrutto diverse strutture al confine, utilizzate da una serie di milizie filo iraniane", precisa il portavoce del Pentagono John Kirby. "Invia un messaggio inequivocabile: il presidente Biden agirà per proteggere il personale della coalizione americana. Allo stesso tempo - rimarca Kirby - abbiamo agito in modo deliberato puntando a calmare la situazione sia nella Siria orientale e sia in Iraq".

L'attacco del 15 febbraio contro la base Usa

leggi anche

Usa si candidano per il Consiglio dei diritti umani dell'Onu

Washington aveva condannato l'attacco dello scorso 15 febbraio contro la base statunitense nella regione del Kurdistan iracheno, ma senza accusare nessuno e affidandosi all'Iraq per l'inchiesta. "Aspettiamo che l'indagine venga completata”, dichiarò Kirby. Lo scorso 15 febbraio i missili erano stati lanciati da un’area a sud di Erbil, vicino al confine con la provincia di Kirkuk. L'attacco è stato rivendicato da un gruppo sciita che si fa chiamare Awliyaa al-Dam, o Guardiani del Sangue. L’Iran nega di avere legami con queste milizie.

Il difficile negoziato tra Iran e Usa sul nucleare sullo sfondo

approfondimento

Accordo sul nucleare iraniano, cosa prevede il patto: la scheda

Poi la scorsa settimana un missile è stato lanciato nella Zona Verde di Baghdad, che ospita le ambasciate, compresa quella americana. Non ci sono state vittime. La Casa Bianca non ha accusato alcun gruppo specifico ma ha fatto sapere di ritenere l'Iran responsabile delle azioni dei suoi 'delegati'. Molti di questi attacchi, "sono stati portati avanti con armi prodotte o fornite dall'Iran", le ha fatto eco il portavoce del dipartimento di Stato, Ned Price. Teheran sta facendo pressioni su Washington affinché ritorni nell'intesa sul nucleare iraniano del 2015. Biden ha aperto al negoziato. Ma le parti sono ancora lontane.

Cina chiede rispetto sovranità

leggi anche

Biden annuncia task force sulla Cina, poi telefonata con Xi Jinping

Dopo il raid statunitense, la Cina è intervenuta chiedendo il rispetto della sovranità della Siria. Il portavoce del ministero degli Esteri di Pechino, Wang Wenbin, "chiede a tutte le parti interessate di rispettare l'indipendenza e l'integrità territoriale della Siria e di evitare di aggiungere nuove complicazioni alla situazione".

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.