Germania, taglio degli stipendi ai parlamentari dopo la crisi economica causata dal Covid

Mondo

Le indennità di deputati e senatori tedeschi sono calcolate in base alla media dei salari dell'intera nazione. Dato che l'indicatore nel 2020 è in ribasso dello 0,6%, i politici vedranno ridursi i loro compensi di 60 euro su circa 10mila euro a partire da luglio

I parlamentari tedeschi vedranno le loro indennità ridotte di circa 60 euro su uno stipendio che si aggira attorno ai 10mila euro a partire da luglio. Il motivo del taglio è la crisi dovuta alla pandemia di coronavirus, ma non solo. Gli stipendi di deputati e senatori, infatti, sono indicizzati alla media dei salari dell’intera nazione. Dato che questo indicatore nel corso del 2020 è in ribasso dello 0,6% secondo l’ufficio centrale di statistica, anche i compensi dei parlamentari strano rivisti al ribasso (COVID-19, AGGIORNAMENTI - SPECIALE).

Taglio per la prima volta nella storia tedesca

vedi anche

Angela Merkel dimentica la mascherina dopo discorso su lockdown. VIDEO

Diversi media tedeschi hanno sottolineato l’unicità del provvedimento. Secondo la Bild Zeitung, si tratta della prima volta nella storia della Repubblica federale. Neanche durante la crisi finanziaria del 2008 i politici tedeschi dovettero subire riduzioni degli stipendi. Già lo scorso anno la questione era stata dibattuta dall’opinione pubblica in Germania: a maggio i parlamentari avevano deciso in segno di solidarietà con i cittadini di rinunciare all’adeguamento dei loro compensi (in base al già citato indice sarebbe dovuto scattare un aumento del 2,6%). A sovrintendere sui conti, in qualità di presidente del Bundestag, c’è Wolfgang Schauble, già ministro delle finanze con Angela Merkel e considerato un rigido custode dei conti pubblici.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24