Portogallo, il Parlamento approva la legge che autorizza l'eutanasia

Mondo
Ansa foto d'archivio febbraio 2020

Sono 136 i voti a favore, 78 i contrari e 4 gli astenuti. Si qualifica come "eutanasia non punibile" l' "anticipazione della morte per decisione della persona stessa" in situazione di "sofferenza estrema, con lesioni irreversibili, di estrema gravità, scientificamente provate, o malattia incurabile e fatale, quando praticata (da) o con l'ausilio di personale sanitario"

In Portogallo il Parlamento ha approvato la legalizzazione dell'eutanasia. Sono stati 136 i voti a favore, 78 i contrari e 4 gli astenuti, come scrive Diario de Noticias. La proposta per cambiare la legge in vigore nel Paese a maggioranza cattolica era stata approvata lo scorso febbraio, aprendo la strada per il voto in aula, nonostante la Chiesa chiedesse invece un referendum. Il presidente Marcelo Rebelo de Sousa, cattolico e conservatore appena rieletto, non ha preso una posizione pubblica sul tema. Ora il presidente potrà promulgare il testo, oppure sottoporlo all'analisi alla Corte costituzionale o ancora porre il suo veto.

Il voto del Parlamento

approfondimento

Il Vaticano sull'eutanasia: "È un crimine, complice chi legifera"

Hanno votato a favore la sinistra del Bloco de Esquerda, i verdi del Pan, i liberali di Iniciativa liberal e la grande maggioranza dei socialisti del Ps - che ha lasciato libertà di voto - oltre a due deputate indipendenti. Contrari i comunisti del Pcp, i popolari del Cds e il partito sovranista Chega. Hanno votato contro 9 parlamentari del Partito socialista. Tra i socialisti anche due astenuti. Nel Partito socialdemocratico (Psd, di centro-destra), che ha anch'esso lasciato libertà di voto, la maggioranza dei parlamentari ha votato contro, altri 14 a favore. 

Il concetto di "eutanasia non punibile"

Nel progetto di legge approvato oggi, 29 gennaio, si qualifica come "eutanasia non punibile" l' "anticipazione della morte per decisione della persona stessa" in situazione di "sofferenza estrema, con lesioni irreversibili, di estrema gravità, scientificamente provate, o malattia incurabile e fatale, quando praticata (da) o con l'ausilio di personale sanitario". 

Mondo: I più letti