Usa, Nbc: “Hunter Biden non avrebbe dichiarato 400mila dollari al fisco nel 2014”

Mondo
©Ansa

Secondo quanto riporta Nbc News, il figlio del presidente eletto non avrebbe dichiarato la somma ricevuta come compenso dalla società ucraina del gas Burisma. Le prove sarebbero in un suo computer ritrovato nel Delaware, mai ritirato da un negozio di riparazioni. La presunta mail del suo socio dell’epoca è stata messa a disposizione dell’emittente dall’avvocato di Rudy Giuliani

Hunter Biden, figlio del presidente eletto Joe Biden, non avrebbe dichiarato nel 2014 al fisco americano 400mila dollari ricevuti come compenso dalla società ucraina del gas Burisma, secondo quanto riporta Nbc News. Le nuove rivelazioni sarebbero contenute nel computer ritrovato nel Delaware in un negozio di riparazioni e appartenuto a Hunter Biden. Nbc è entrata in possesso di una copia di una email trovata nel pc. "Nel 2014 sei entrato nel board di Burisma - scriveva in una email di tre anni fa il socio, l'uomo d’affari Eric Schwerin - e noi siamo ancora in attesa della tua dichiarazione dei redditi per fare luce sui guadagni non riportati”. All’epoca dei fatti, nel 2014, Joe Biden, il padre di Hunter, era vicepresidente degli Stati Uniti.

Il documento

leggi anche

Joe Biden, l'indagine per questioni fiscali sul figlio Hunter

L'email rileva che Hunter aveva guadagnato più di 1,2 milioni di dollari, di cui 400mila facevano parte della retribuzione di Burisma come membro del board. Il documento è stato messo a disposizione di Nbc dall’avvocato di Rudy Giuliani, Robert Costello, il quale ha dichiarato di aver ricevuto una copia del drive dal proprietario del negozio di riparazione di computer dove il figlio di Biden avrebbe lasciato il suo laptop, senza più andare a ritirarlo.

Le indagini

Lo staff di Biden, contattato da Nbc, non ha risposto a una serie di domande, tra cui una che chiedeva se Hunter avesse poi chiarito la sua posizione riguardo la dichiarazione dei redditi del 2014. Intanto, in un altro filone di indagini sul figlio del presidente eletto, i procuratori federali nel Delaware stanno analizzando gli affari di Hunter Biden in Cina come parte di un possibile “schema finanziario" messo in atto per aggirare il fisco fin dal 2018. 

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.