Usa, Trump evoca per la prima volta in pubblico la sua candidatura nel 2024

Mondo
©Fotogramma

Il presidente uscente ha annunciato l'intenzione di correre tra 4 anni davanti a membri del partito repubblicano durante una festa natalizia alla Casa Bianca. Intanto, secondo il Nyt, avrebbe discusso la possibilità di concedere la grazia ai suoi figli, al genero Jared Kushner e all'avvocato Rudolph Giuliani. E minaccia: via l'immunità ai big dei social o non firmo la legge sulla difesa

Donald Trump ha affermato pubblicamente per la prima volta che intende ricandidarsi nel 2024. "Sono stati quattro anni meravigliosi. Stiamo tentando di farne altri quattro, altrimenti ci vedremo tra quattro anni", ha detto a una folla composta prevalentemente da membri del partito repubblicano, durante una festa natalizia alla Casa Bianca. Folla che è esplosa di gioia, secondo un video visto di cui è entrato in possesso il sito Politico, che riporta la notizia. Intanto secondo il New York Times Trump avrebbe discusso con i suoi consiglieri se concedere una grazia preventiva ai suoi tre figli adulti, Donald Trump Jr., Eric Trump e Ivanka, e a suo genero Jared Kusher, oltre che al suo avvocato personale Rudy Giuliani. Il presidente uscente ha poi minacciato su Twitter di porre il veto alla legge annuale sulla difesa se il Congresso non metterà fine alla cosiddetta sezione 230, la normativa che garantisce ai giganti del web l'immunità per i contenuti di terzi (LO SPECIALE USA 2020).

Le voci sulle grazie preventive ai figli e a Giuliani

leggi anche

Usa 2020, Trump: "Sono state le elezioni più truccate mai viste"

Trump teme infatti che il dipartimento di giustizia della futura amministrazione Biden si vendichi contro di lui colpendo i familiari e i collaboratori più stretti. Ma Trump su Twitter sostiene che la notizia è falsa. Donald Trump Jr. è stato indagato nel Russiagate per i contatti con i russi incontrati alla Trump Tower che offrivano materiale compromettente su Hillary Clinton ma non è mai stato incriminato. Kushner fornì false informazioni alle autorità federali sui suoi contatti con autorità straniere per il suo nullaosta di sicurezza, ma il presidente glielo garantì lo stesso. Le preoccupazioni del presidente per Eric e Ivanka potrebbero invece essere legate all'inchiesta della procura di New York sulle presunte frodi ed evasioni fiscali della Trump Organization. La grazia presidenziale, tuttavia, non copre i reati statali o locali. I timori per Giuliani, avvocato che guida la fallimentare offensiva legale sui ricorsi elettorali, riguarderebbero invece il suo coinvolgimento nell'inchiesta della procura di New York sui maneggi del legale in Ucraina contro i Biden e sul suo ruolo nella cacciata dell'ambasciatrice americana a Kiev, episodi al centro del processo di impeachment contro Trump.

Trump “Via a norma su immunità dei social o veto a legge sulla difesa”

approfondimento

Elezioni Usa 2020, ecco la squadra del presidente eletto Joe Biden

Trump ha definito la scudo legale che garantisce ai big dei social l'immunità "una grave minaccia alla nostra sicurezza nazionale e all'integrità delle elezioni", dopo che Twitter e altri social hanno “censurato”' i post suoi e di altri conservatori che denunciavano brogli elettorali di cui però non c’è nessuna prova, come ribadito anche dal ministro della Giustizia Usa William Barr.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.