Coronavirus, nel mondo oltre 38,4 milioni di casi. Record Russia: 286 decessi in 24 ore

Mondo

Nel Paese sono morte in totale 23.491 persone. In Germania la cancelliera Angela Merkel ha annunciato l'introduzione di "limitazioni nei contatti nelle zone dove le nuove infezioni superano i 50 nuovi contagi per 1000 abitanti sia in pubblico che in privato”. Restrizioni anche in Francia e a Barcellona. Nuovi contagi in Australia

Continuano a crescere i numeri della pandemia di coronavirus nel mondo. A livello globale i decessi sono oltre 1 milione e 91mila, come certificano i dati della Johns Hopkins University, mentre i casi accertati superano i 38 milioni. Preoccupa l’Europa: i contagi salgono in Francia e nel Regno Unito, ma anche in Germania dove in 24 ore si sono registrati 6.638 nuovi contagi. Per i tedeschi si tratta di un nuovo record da inizio pandemia. Il precedente primato di casi in 24 ore risaliva al 28 marzo scorso, quando ne erano stati registrati 6.294. Record di vittime in Russia, con 286 morti in 24 ore (AGGIORNAMENTI - SPECIALE - I FOCOLAI IN ITALIA).

Record di casi in Russia
 

Il numero di vittime di Covid-19 in Russia è aumentato di 286 unità nelle ultime 24 ore, il più alto dall'inizio della pandemia. Lo riporta il centro di crisi anti-coronavirus. Il precedente record di 244 morti è stato registrato il 13 ottobre. In tutto, secondo il centro di crisi, nel Paese sono morte 23.491 persone. I contagi sono stati poi 13.754 per un totale di 1.354.163. A Mosca, a partire dal 19 ottobre, sarà in funzione un sistema di pass digitali, via sms o Qr code, per entrare nelle discoteche, nei club o nei locali della capitale dalla mezzanotte alle sei del mattino. Lo ha annunciato il sindaco Serghei Sobyanin, definendolo un "esperimento" per evitarne la chiusura così come deciso in molte "megalopoli del mondo". "Naturalmente i pass da soli non impediranno la diffusione del coronavirus ma nel caso in cui un'infezione venga rilevata in uno dei visitatori sarà possibile notificare a tutti i presenti che sono a rischio e che devono essere sottoporsi a un test", ha dichiarato Sobyanin. 

Le nuove restrizioni in Germania

approfondimento

Coronavirus, le nuove misure in Europa dopo l'aumento dei casi

La Cancelliera tedesca, Angela Merkel, intanto, ha annunciato l'introduzione di "limitazioni nei contatti nelle zone dove le nuove infezioni superano i 50 nuovi contagi per 1000 abitanti sia in pubblico che in privato”. "Economicamente non ci possiamo permettere una seconda ondata come quella che abbiamo avuto in primavera”, ha poi aggiunto. Il ministro della Salute, in un'intervista all'emittente Deutschlandfunk, ha dichiarato che "Si decide oggi se Natale lo festeggeremo nel modo abituale oppure se ci troveremo in una situazione come la scorsa Pasqua". Evitare un secondo lockdown "in modo che le scuole, gli asili e i negozi possano rimanere aperti"- ha detto il ministro - "non dipende solo dalle grandi manifestazioni ma anche da come si sta a casa".

Le misure adottate in Europa

Restrizioni anche nel resto d’Europa. A Parigi, il presidente francese Emmanuel Macron ha disposto il coprifuoco dalle 21 a partire da sabato. Barcellona ha deciso di fermare i ristoranti e i bar, mentre Praga e Belfast le scuole. "Stato di calamità" in Portogallo. In Olanda, invece, il premier Mark Rutte ha deciso per un "lockdown parziale".

epa08746540 Health care workers at the Goulburn Valley Health-Mcintosh COVID-19 testing facility in Shepparton, Victoria, Australia, 15 October 2020. A COVID-19 outbreak in Shepparton has been sparked by a truck driver who was infected in the Chadstone Shopping Centre outbreak earlier in October.  EPA/JAMES ROSS AUSTRALIA AND NEW ZEALAND OUT
AUSTRALIA PANDEMIC CORONAVIRUS COVID19 - ©Ansa

Nuovi casi e test in Australia

approfondimento

Coronavirus, dal primo caso ai contagi: le tappe. FOTO

Nuovi casi di Covid-19 sono emersi anche in Australia, sia a Sydney che a Victoria. A Sydney sono stati segnalati nuovi cluster e sono scattati i test drive-in per accertare la diffusione del virus. Code per i test anche nella zona di Victoria, in particolare a Shepparton. Al 15 ottobre l'Australia registra 27.357 casi totali e 904 vittime.

In Croazia recordi di nuovi casi e decessi

La Croazia registra diversi record negativi: di nuovi casi di contagio da coronavirus in 24 ore, del totale dei pazienti con l'infezione attiva e di decessi in un giorno. Dal 14 ottobre sono stati confermati 793 casi di Covid-19 e il numero delle persone con la infezione attiva è salito a 3.562. Sono decedute dieci persone, record giornaliero dall'inizio dell'epidemia che porta il totale delle vittime a 344. Da fine febbraio, con il primo caso di coronavirus, in Croazia si sono registrati 22.534 contagi su 380 mila tamponi effettuati.

In Slovenia 745 nuovi casi

Nuovo record di contagi in Slovenia, dove nelle ultime 24 ore i nuovi casi di coronavirus sono stati 745 (mercoledì 707) su 5.287 test effettuati. La percentuale di positività sul numero di test è risultata del 14%. Il totale da inizio epidemia sale a 10.683, mentre un altro decesso da ieri ha portato a 176 il numero delle vittime. In aumento anche i ricoveri in ospedale, ad oggi 222, dei quali 40 in terapia intensiva. Le autorità, davanti al costante aumento dei contagi, hanno annunciato nuove misure restrittive.

In Francia 12mila poliziotti per controllare il rispetto del coprifuoco

"Dodicimila poliziotti e gendarmi saranno, ogni notte, incaricati di verificare i divieti" di circolazione imposti dal coprifuoco nelle città francesi per il Covid: lo ha annunciato, nella conferenza stampa al fianco del premier Jean Castex, il ministro dell'Interno francese Gérald Darmanin. Il ministro ha precisato le sanzioni previste per chi viola il coprifuoco: "135 euro con aumenti per le recidive che arriveranno a 6 mesi di carcere e 3.750 euro di multa per la terza violazione".

In Cina continentale 11 casi locali e 10 importati

Altri 11 casi confermati di Covid-19 sono stati segnalati in Cina continentale, compresa un'infezione trasmessa a livello locale e 10 importate dall'estero, oltre a 23 nuovi asintomatici. Lo rende noto il bollettino della Commissione Sanitaria Nazionale cinese. L'unico nuovo contagio segnalato a livello locale riguarda un caso asintomatico proveniente dalla provincia dello Shandong, riclassificato come confermato. Altri due casi sospetti, entrambi provenienti dall'estero, sono stati riportati ieri a Shanghai. Non si segnalano ulteriori decessi. Tra i 10 nuovi casi importati dall'estero, 4 sono stati segnalati in Guangdong, 3 a Shanghai, 2 in Shaanxi e uno in Hebei.

Mondo: I più letti