Usa 2020, Trump accetta nomination repubblicana e avverte: “Biden distruggerebbe America"

Mondo
©Ansa

In un discorso alla Casa Bianca lungo 70 minuti, il presidente, ha accettato di correre per un secondo mandato. Numerosi gli attacchi allo sfidante: “Dovete decidere tra il sogno americano e l'agenda socialista”. Poi promette 10 milioni di posti di lavoro e dice: “Nessuno ha fatto tanto come me per gli afroamericani dai tempi di Lincoln”

Il presidente degli Usa Donald Trump, parlando dalla Casa Bianca, ha accettato la nomination repubblicana per correre per un secondo mandato alla Casa Bianca. È ufficialmente lo sfidante di Joe Biden alle presidenziali americane del prossimo 3 novembre. Nel suo discorso lungo 70 minuti e 11 secondi, in assoluto uno dei più lunghi per questo tipo di occasioni, ha detto: "Il 3 novembre l'America sarà più sicura, più forte, più orgogliosa e più grande che mai. Sono molto orgoglioso di essere il candidato del partito repubblicano”. Il discorso si è tenuto davanti a oltre un migliaio di persone riunite sul prato, senza rispetto del distanziamento sociale e senza mascherine. Mentre Trump chiudeva la convention repubblicana, fuori dalla Casa Bianca ci sono state manifestazioni di protesta.

Trump: Usa non nelle tenebre ma fiaccola intero mondo

leggi anche

Usa 2020, Melania Trump: “Donald vuole solo il bene dell’America”

"L'America non è soffocata nelle tenebre ma è una fiaccola che illumina l'intero mondo”, ha esordito Trump. "Queste sono le elezioni più importanti nella storia del nostro Paese: ci sono due visioni, due filosofie, dovete decidere tra il sogno americano e l'agenda socialista. Una agenda socialista che - ha detto attaccando Joe Biden - "demolirà il nostro amato destino. Il vostro voto deciderà se proteggiamo le leggi o se diamo carta bianca agli anarchici violenti, agli agitatori, ai criminali che minacciano i nostri cittadini".

Trump: Biden distruggerà la grandezza dell'America

Numerosi gli attacchi di Trump allo sfidante: "Joe Biden se eletto sarà colui che distruggerà la grandezza dell'America, mentre io combatto per voi. Io ho mantenuto le mie promesse. Abbiamo speso 4 anni a invertire i danni fatti da Joe Biden in 47 anni", ha proseguito, elencando una serie di decisione "fallimentari" del suo rivale alla Casa Bianca. "Con me avete avuto l'economia più forte nella storia del mondo e la ricostruiremo ancora più forte. Con la mia presidenza, i "confini americani sono più sicuri che mai” e "faremo dell'America una nuova frontiera di ambizioni e scoperte”.

Trump: io il più duro con la Cina, con Biden prevarrà

leggi anche

Usa 2020, Pence contro Biden: cavallo di Troia della sinistra radicale

"La mia amministrazione ha preso le decisioni più dure e decise contro la Cina mai prese in questa nazione”, ha detto Donald Trump, ammonendo che se vince Joe Biden la Cina si impossesserà del Paese. "L'agenda di Joe Biden è made in China, la mia è made in Usa”. Poi ha accusato la convention dem per non aver parlato dell'agenda del ticket presidenziale, "non perché non ne abbiano una ma perché è estremista". "Joe Biden ha detto di essere alleato della luce ma quando si tratta della sua agenda ci tiene all'oscuro", ha detto. Invece Trump promette: "Se rieletto la mia amministrazione imporrà tariffe a qualsiasi società che lascia l'America per produrre posti di lavoro all’estero”. E ancora: “Ridurrò ulteriormente le tasse in maniera significativa”. Infine il tycoon ha promesso: "Creeremo 10 milioni di posti di lavoro nei prossimi 10 mesi, come minimo”.

Trump: nessuno come me per afroamericani da tempi di Lincoln

Diversi i riferimenti anche alle tensioni che stanno scuotendo gli Usa: “Ho fatto più io per gli afroamericani che qualsiasi altro presidente dai tempi di Abraham Lincoln, sicuramente più dei 47 anni di Joe Biden in politica. E il meglio deve ancora venire. Questo Paese ama e rispetta le sue forze dell’ordine”. E accusa i dem: "Il partito repubblicano condanna i saccheggi, le violenze, i roghi, le rivolte, i democratici nella loro convention non ne hanno fatto cenno e hanno definito i saccheggiatori dimostranti pacifici. Noi resteremo la voce dell'America che difende l'ordine, la legge e la bandiera", ha promesso.

Mondo: I più letti