Usa 2020, Melania Trump: “Mio marito Donald vuole solo il bene dell’America”

Mondo

Nella seconda serata della convention repubblicana, la first lady ha tenuto il suo discorso: “Donald si batte per voi, ha a cuore il futuro degli Usa”. Poi dice: “Non attacco rivali per non dividere il Paese” e “Basta violenze in nome della giustizia”. Il tycoon, emozionato, a fine intervento l’ha baciata. Hanno preso la parola anche i figli del presidente, Eric e Tiffany, oltre a Pompeo e Pam Bondi. Diversi gli attacchi a Joe Biden

"Mio marito Donald Trump si batte per voi, a prescindere da quello che dicono i media. Mio marito non è un politico tradizionale, richiede azioni. Ci tiene, ha a cuore al futuro dell'America". Melania Trump è stata la protagonista della seconda serata della convention repubblicana (MELANIA SCEGLIE UN LOOK MILITARE: LE FOTO) . Nel suo discorso, dal Rose Garden della Casa Bianca, ha speso parole importanti per il marito, che ieri ha ottenuto ufficialmente la nomination del partito per correre ad un secondo mandato (TUTTE LE NEWS SU USA 2020). 

Melania Trump: non attacco rivali per non dividere Paese

vedi anche

Melania Trump, look militare alla Convention Repubblicana. LE FOTO

"Mio marito ha le energie e l'entusiasmo per guidare questa nazione”, ha esordito Melania. "Non voglio usare questo tempo per attaccare gli altri", gli oppositori, perché così "si divide solo il Paese come abbiamo visto" nei giorni scorsi. "Donald è una persona autentica, che vuole che le vostre famiglie siano al sicuro". Un voto per Trump è un "voto di buon senso", aggiunge Melania che poi esorta: “Basta violenze e vandalismi fatti in nome della giustizia. Invece di buttare giù le cose riflettiamo sui nostri errori del passato”. "Donald vuole solo il bene del Paese”, ha concluso la first lady. Dopo il discorso, il presidente americano, visibilmente emozionato, si è alzato e ha baciato la moglie.

Eric Trump: grazie a papà America di nuovo rispettata

leggi anche

Usa 2020, i repubblicani a Biden: “Non siamo razzisti”

Poco prima era toccato a Eric Trump, il secondogenito di Donald Trump, che ha detto: "Grazie a mio padre l'America è tornata un Paese rispettabile. Le promesse fatte da mio padre sono state mantenute e Biden non conosce niente dei lavoratori e delle imprese americane", ha aggiunto Eric, che ha sottolineato anche come sotto la presidenza di suo padre "la libertà non sarà mai una cosa del passato”. Ha parlato anche Tiffany Trump, la figlia che il presidente americano ha avuto della seconda moglie Marla Maples. "I media manipolano i fatti. Mio padre è l'unico che li combatte, lui non scappa dalle sfide ma sogna in grande per questo Paese. Combattere per l'America è una cosa per cui lui sacrificherebbe tutto".

Pompeo: Trump ha reso Usa e mondo più sicuri

Il segretario di Stato Mike Pompeo è invece intervenuto alla convention in un controverso intervento video registrato da Gerusalemme durante una visita ufficiale. Donald Trump "ha reso l'America e il mondo più sicuro", "prendendo iniziative coraggiose in ogni angolo del mondo", dalla Cina alla Corea del Nord, dall'Iran alla Russia, ha detto Pompeo che aggiunge come Trump abbia reso la Nato "più forte”.

Convention repubblicana attacca figlio Biden

leggi anche

Trump, Kellyanne Conway si dimette da consigliere del presidente

C’è stato spazio anche per il primo atteso attacco contro Hunter Biden, il figlio del candidato dem per la Casa Bianca. A sferrarlo è stata l'ex procuratrice generale della Florida Pam Bondi, che ha fatto parte del team difensivo di Donald Trump nel processo di impeachment. L'ex magistrato ha accusato Hunter di essere entrato nel cda della società energetica ucraina Burisma, guadagnando un sacco di soldi anche se non aveva alcuna competenza, solo perché all'epoca il padre seguiva le politiche Usa in Ucraina. Una accusa da tempo sostenuta da Trump e dai repubblicani.

Grazia Trump a condannato che aiuta detenuti

Infine, durante la serata, è stato trasmesso un video registrato alla Casa Bianca in cui Donald Trump ha concesso una grazia a Jon Ponder, che dopo essere stato condannato per una rapina in banca ha fondato Hope for prisoners, un programma di reinserimento di ex detenuti in Nevada. "La vita di Jon è un meraviglioso testamento del potere della redenzione", ha detto Trump. Con loro anche l'agente dell'Fbi che lo arrestò. È la prima volta che una grazia viene trasmessa in tv durante una convention e molti detrattori di Trump hanno già cominciato a polemizzare, accusandolo di abusare dei suoi poteri presidenziali e di strumentalizzare i suoi poteri a scopo elettorale. Ponder aveva scontato cinque anni di carcere prima di fondare la sua organizzazione che aiuta gli ex detenuti.

Mondo: I più letti