Coronavirus Svizzera, riaprono bar e ristoranti: i clienti devono lasciare il loro numero

Mondo
©Getty

Il piano di sicurezza anti Covid-19 del Paese prevede, dall’11 maggio, la riapertura delle attività di ristorazione ma i consumatori dovranno lasciare i loro contatti telefonici e bisognerà mantenere la distanza sociale di almeno due metri tra i tavoli

Dall’11 maggio in Svizzera si riaprono le porte di bar e ristoranti, ma con un obbligo per il clienti: lasciare il loro numero di telefono. Questo è quanto prevede il piano di sicurezza anti Covid-19 per il settore. Permessi i gruppi fino a 4 persone, fatta eccezione per le famiglie più numerose, con una distanza tra i tavoli di almeno due metri (GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA - LO SPECIALE - LA MAPPA INTERATTIVA - LA NOTA DELLA FARNESINA SULLA SVIZZERA).

Il piano delle associazioni del settore

approfondimento

Coronavirus, al via studio epidemiologico su inquinamento e Covid-19

I dettagli delle misure da prendere per la riapertura dei ristoranti e dei bar sono contenuti nel piano che le associazioni del settore alberghiero e della ristorazione hanno presentato il 5 maggio. I clienti dovranno lasciare nome, numero di telefono, data e ora della visita e tutti i dati saranno registrati dal ristoratore che dovrà conservarli per 14 giorni. Gli stabilimenti dovranno mettere a disposizione dei clienti prodotti per la pulizia delle mani come acqua e sapone o disinfettante e garantire che il loro personale sia esposto il meno possibile al contatto con i clienti. Inoltre viene raccomandato, ma non è obbligatorio, l’uso delle mascherine per il personale.

Misura per tracciare i contagiati

La misura serve per tenere traccia dei contatti ed evitare una nuova diffusione di contagi secondo un piano elaborato con la consultazione dell’Ufficio federale della sanità pubblica e l'Ufficio federale della sicurezza alimentare. Un portavoce del collegamento esterno della Commissione federale per la protezione dei dati ha dichiarato al quotidiano Tages-Anzeiger che non è compito degli istituti di ristorazione privati ​​verificare l'accuratezza delle informazioni fornite o rintracciare le persone infette e per questo motivo, "la raccolta di nomi e numeri di telefono come misura per combattere le epidemie dovrebbe in linea di principio essere effettuata su base volontaria".

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.