Venezuela, Nicolas Maduro incriminato da Usa per narco-terrorismo. Lui: "Accuse volgari"

Mondo

Il ministro della Giustizia Barr ha accusato il presidente venezuelano di cospirazione con una organizzazione terroristica per inondare gli Stati Uniti di cocaina e usare la droga come arma per minare la salute degli americani

Gli Stati Uniti hanno accusato il presidente venezuelano Nicolas Maduro (CHI E') e altri alti funzionari del Paese di "narco-terrorismo" e hanno messo sulla testa del capo di Stato una taglia da 15 milioni di dollari. Maduro ha respinto le accuse bollandole come "estremamente estremiste, volgari e miserabili".

Le accuse degli Usa

E' stato il ministro della Giustizia, William Barr, ad annunciare le accuse formulate dalle corti di New York e Miami: cospirazione con una organizzazione terroristica per inondare gli Stati Uniti di cocaina e usare la droga come arma per minare la salute degli americani. Favorire il traffico di cocaina dalla Colombia agli Stati Uniti, grazie all'"alleanza" tra governo venezuelano e le rinate Farc, le Forze armate rivoluzionarie della Colombia. Inoltre il Venezuela avrebbe sostenuto il gruppo militare libanese di Hezbollah. La Casa Bianca aveva già riconosciuto ufficialmente l'oppositore di Maduro, Juan Guaidò (CHI E'), come legittimo presidente del Venezuela. "Il regime di Maduro - ha commentato Barr – è inondato da corruzione e criminalità". Con il presidente sono stati incriminati altri dirigenti del governo, dal direttore dell'Intelligence venezuelana al generale dell'esercito, fino al ministro dell'Industria. Secondo la procura di Miami, alcuni membri del governo venezuelano avrebbero riciclato il denaro sporco in Florida, investendo in proprietà immobiliari. Secondo Washington i ribelli colombiani "hanno ottenuto il sostegno del regime di Maduro, che sta permettendo loro di usare il Venezuela come un rifugio sicuro dal quale possono continuare a condurre il loro traffico di cocaina".

Maduro: "Vogliono scatenare la violenza in Venezuela"

Maduro ha negato tutto e su Twitter ha accusato gli Stati Uniti e la Colombia di voler "scatenare la violenza in Venezuela". "Come capo di Stato - ha aggiunto - ho l'obbligo di difendere la pace e la stabilità di tutto il Paese in ogni. Non ce la faranno neanche stavolta".  In un discorso pronunciato dal palazzo presidenziale, Maduro poi ha respinto ancora le accuse definendole "estremamente estremiste, volgari e miserabili”. "Hanno lanciato accuse false - ha detto - e come cowboy razzisti del secolo 19/o mettono una taglia sulla testa di rivoluzionari come noi disposti a dare battaglia in tutti i campi".

Il precedente del 1988

Era da trentadue anni che il dipartimento di Stato americano non accusava un capo di stato straniero: l'ultima volta era avvenuto nell'88, quando era toccato al leader panamense Manuel Noriega, accusato di essere un narcotrafficante in combutta con il cartello colombiano di Medellin.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.